Ain't It Fun (Paramore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ain't It Fun
Ain't It Fun.JPG
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaParamore
Tipo albumSingolo
Pubblicazione4 febbraio 2014
Durata4:56
Album di provenienzaParamore
GenerePop rock
New wave
Funk rock
EtichettaFueled by Ramen
ProduttoreJustin Meldal-Johnsen
Taylor York
RegistrazioneDa giugno a novembre 2012 a Hollywood, Los Angeles, California
FormatiCD, vinile 12", download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroCanada Canada[1]
(vendite: 40 000+)
Dischi di platinoStati Uniti Stati Uniti (2)[2]
(vendite: 2 000 000+)
Paramore - cronologia
Singolo precedente
(2013)
Singolo successivo
(2017)

Ain't It Fun è un singolo dei Paramore, il quarto estratto dal loro quarto album in studio, omonimo, pubblicato il 4 febbraio 2014[3].

È il brano dei Paramore ad aver ottenuto il miglior piazzamento nelle classifiche statunitensi, raggiungendo la 10ª posizione della Billboard Hot 100 e la prima posizione della Rock Songs nel maggio 2014[4]. Ha inoltre valso alla band statunitense il suo primo Grammy Award, trionfando nella categoria miglior canzone rock nell'edizione del 2015[5].

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Parlando di come sia nato il brano, la cantante Hayley Williams ha detto[6]:

« Spesi circa tre settimane a Los Angeles prima di finire di scrivere la canzone, mi sentì dispiaciuta per me stessa, il che è molto stupido. Mi trovavo a un grande bivio nella mia vita: devo tornare a casa a vivere la stessa vecchia vita con cui mi son sentita afflitta così a lungo o devo provare qualcosa di nuovo e uscire dalla mia condizione di stallo? Era come una lettera indirizzata a me stessa per farmi smettere di piangere. Scrissi quella parte con Taylor e dissi: "Cosa possiamo fare per portarla a un livello successivo?". Continuammo a modificare le nostre voci continuamente per prenderci in giro come se fossimo un coro gospel, e sei mesi dopo ci trovammo in studio proprio con uno di loro. È il miglior esempio per descrivere la nostra spontaneità nel nuovo album. Abbiamo fatto quello che pensavamo potesse funzionare, e quando seguivamo questo tipo di ispirazione andava tutto alla grande, diventava un qualcosa che amiamo. »

Il brano, di genere tra la new wave[7] e il pop rock[8], è composto da melodie e ritmi tipicamente funk[9], ma incanala anche altri generi come soul[10], new jack swing[9] e gospel[11]. Il bridge è difatti caratterizzato da un coro gospel che accompagna il canto di Hayley Williams[12]. Il testo parla invece, molto sarcasticamente, di quanto sia difficile crescere e affrontare il mondo da soli[13][14]. È stato registrato, come il resto dell'album, tra giugno e novembre 2012 a Los Angeles con il produttore Justin Meldal-Johnsen[15], e missato da Ken Andrews[16]. È uno dei quattro brani di Paramore ad essere stato prodotto, oltre che da Meldal-Johnsen, dal chitarrista della band Taylor York[16].

Il debutto dal vivo di Ain't It Fun è avvenuto il 25 aprile 2013 a Houston, in Texas, durante il tour primaverile in Nord America della band[17].

Il singolo[modifica | modifica wikitesto]

Oltre che in formato radiofonico, il singolo è stato pubblicato anche in vinile in occasione del Record Store Day del 2014, e le 2.700 copie sono state vendute durante l'evento il 19 aprile 2014[18][19]. Il particolare design è stato curato da Hayley Williams e prodotto dalla Fueled by Ramen[20]: al contrario dei comuni dischi in vinile, quello del singolo dei Paramore è spezzato a metà, a richiamo di uno dei tanti record realizzati dalla band nel video del brano[21]. Il vinile da 12 pollici contiene, oltre al brano originale, un remix dello stesso realizzato dal gruppo musicale britannico Dutch Uncles e masterizzato da Phil Bulleyment[22].

I Dutch Uncles, autori del remix del brano

Il 24 giugno 2014 è stato invece pubblicato su iTunes un EP contenente la versione radiofonica di Ain't It Fun, il remix dei Dutch Uncles e altri due remix inediti[23].

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente Ain't It Fun era atteso come il terzo singolo estratto dal quarto album dei Paramore, dopo che la band aveva annunciato, nel luglio 2013, che era al lavoro con Jonathan "Jodeb" Desbiens per realizzare un video per il brano[24]. Tuttavia il risultato ottenuto non soddisfò pienamente i membri della band, e il 13 ottobre Hayley Williams annunciò che il video di Daydreaming sarebbe andato a sostituire quello di Ain't It Fun[24].

Il 2 dicembre viene pubblicata su Instagram una foto di Williams, York e Davis con addosso degli occhiali protettivi e dei vinili spezzati in mano, con la descrizione[25]:

« Oggi abbiamo girato un video per Ain't It Fun. Questa volta per davvero »

Il nuovo video per il singolo, girato il 2 dicembre 2013 a Nashville e diretto da Sophia Peer, viene successivamente pubblicato il 29 gennaio 2014[26].

Nel video i Paramore superano vari e bizzarri record come "Minor tempo per tre persone nel rompere 30 sveglie con delle chitarre", "Maggior numero di piume raccolte in 30 secondi", "Minor tempo nel correre bendato all'indietro tenendo dei pupazzi per 30 piedi" e, soprattutto, "Maggior numero di record superati in un video musicale". Ciò ha promosso una nuova iniziativa della band sul sito recordsetter.com, dove i tre membri della band e lo staff della Fueled by Ramen sfidano i fan a superare i record da loro stabiliti o a crearne di nuovi[27][28].

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Giudizio della critica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 Hayley Williams è la prima donna a vincere un Grammy Award alla miglior canzone rock dal 1999, anno in cui fu Alanis Morissette a trionfare con Uninvited

Ain't It Fun è stata positivamente accolta dalla critica, venendo definita "una perla" da AbsolutePunk[29] e arrivando alla quarta posizione della classifica dei migliori brani di aprile 2013 stilata da PopDust[30]. David Greenwald di MTV l'ha descritta dicendo che "l'ironia del suo testo sarcastico viene mascherata con uno staccato funk che impressionerebbe Justin Timberlake"[31]. La parte del coro gospel è stata invece associata a Unwritten di Natasha Bedingfield[32] e alla musica di Whitney Houston[31] e Michael Jackson[32].

Il brano è stato inserito nella lista delle 41 migliori canzoni del 2013 di Fuse TV[33] ed è arrivato alla posizione 19 nella classifica di metà anno del 2013 delle migliori canzoni secondo PopDust[34]. È stato anche inserito in sondaggi di popolarità come "Song of the Summer 2014" di Time (vincendo con il 44% dei voti ottenuti)[35], e Kerrang! l'ha incluso nella sua classifica dei migliori brani rock del 2014, piazzandolo al diciannovesimo posto[36].

Infine, il successo di Ain't It Fun ha valso ai Paramore la loro quarta nomination ai Grammy Awards della loro carriera, la prima ricevuta senza i fratelli Farro. Nel gennaio 2015 viene infatti candidato al Grammy Award alla miglior canzone rock nell'edizione del 2015[37], premio che vincerà l'8 febbraio seguente, valendo ai Paramore il loro primo Grammy Award[5] e rendendo Hayley Williams la prima donna dal 1999 a trionfare in quella categoria[38].

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Prima della sua pubblicazione come singolo è inoltre riuscita ad arrivare al 32º posto dei singoli più venduti in Australia[39], al 55º in Irlanda[39] e al 3º posto della Official Rock & Metal Chart, la classifica dei brani rock più venduti nel Regno Unito[40].

Negli Stati Uniti il brano entra prima nella Rock Songs e nella Rock Digital Songs, rispettivamente al 35º e al 30º posto[4], per poi debuttare, due settimane più tardi, al 39º posto della Pop Songs e al 35º della Adult Top 40[41], per poi iniziare a scalare tutte e quattro le classifiche nelle settimane successive[4] ed entrare, a marzo, anche nella Billboard Hot 100[4]. Durante l'ultima settimana di aprile 2014 il brano arriva alla 21ª posizione della Hot 100 e alla 4ª della Rock Songs, stabilendo un doppio record per la band[42]. Due settimane dopo il brano raggiunge la 10ª posizione della Hot 100 e la prima della Rock Songs, vendendo oltre 74.000 copie digitali nella seconda settimana di maggio[43]. Nell'ultima settimana di maggio debutta anche nella Hot Adult Contemporary Tracks, diventando il terzo brano della band ad entrare nella classifica dopo The Only Exception e Still into You[4]. Nel giugno 2014 è arrivato in cima anche alla Adult Top 40 e alla seconda posizione della Pop Songs[4]. Nel giugno 2014 il singolo è stato ufficialmente certificato disco di platino dalla RIAA per aver venduto oltre un milione di copie solo negli Stati Uniti[44], per poi superare la soglia dei due milioni (e ottenere quindi il doppio platino) nel luglio 2015[45]. A luglio viene certificato disco d'oro anche in Canada, dopo aver venduto oltre 40.000 copie[1].

Il 12 pollici del singolo pubblicato in occasione del Record Store Day è stato inoltre il settimo vinile più venduto negli Stati Uniti nella settimana tra il 13 e il 20 aprile 2014[46].

Reinterpretazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ain't It Fun è stata reinterpretata nei talent show The Voice[47] e American Idol[48], e ne è stata realizzata una cover da Tyler Carter degli Issues e da Luke Holland dei The Word Alive per la compilation Punk Goes Pop 6, pubblicata nel novembre 2014 dalla Fearless Records[49].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Hayley Williams e Taylor York.

CD promozionale
  1. Ain't It Fun (Radio Edit) – 3:52
Vinile 12"
  1. Ain't It Fun – 4:56
  2. Ain't It Fun (Dutch Uncles Remix) – 4:57
EP digitale
  1. Ain't It Fun (Radio Edit) – 3:51
  2. Ain't It Fun (Dutch Uncles Remix) – 4:57
  3. Ain't It Fun (Kye Kye Remix) – 4:35
  4. Ain't It Fun (Smash Mode Remix) – 5:25

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Paramore
Produzione
Altri musicisti
Coro gospel
  • Vincent Brantley (direttore)
  • Sean Dancy
  • Yolanda Harris-Dancy
  • Katherine Dancy
  • Brandon Hampton
  • Talitha Manor
  • Joslyn James

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2014) Posizione
Canada[4] 95
Stati Uniti[55] 47
Stati Uniti (digital)[56] 53
Stati Uniti (adult contemporary)[57] 24
Stati Uniti (adult pop)[58] 11
Stati Uniti (pop)[59] 23
Stati Uniti (rock)[60] 7
Stati Uniti (rock digital)[61] 8
Stati Uniti (radio)[62] 31

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Searchable Database - Paramore, Music Canada. URL consultato il 23 maggio 2015.
  2. ^ (EN) Paramore – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 10 luglio 2015.
  3. ^ (EN) Top 40 Mainstream - Future Releases, Allaccess.com. URL consultato il 15 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2014).
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (EN) Paramore - Chart history, Billboard. URL consultato il 12 giugno 2014.
  5. ^ a b (EN) Bryan Cantor, Paramore's "Ain't it Fun" is named the year's Best Rock Song, Headlineplanet.com, 8 febbraio 2015. URL consultato l'8 febbraio 2015.
  6. ^ (EN) Jennifer Still, Ain't It Fun: An Interview with Paramore's Hayley Williams, Hellogiggles.com, 3 dicembre 2013. URL consultato il 7 dicembre 2013.
  7. ^ (EN) Theon Weber, Paramore, 'Paramore' (Fueled by Ramen), Spin, 8 aprile 2013. URL consultato il 30 novembre 2013.
  8. ^ (EN) Editorial: Welcome, graduates, to 'the real world', Gazettetimes.com, 9 giugno 2014. URL consultato il 9 febbraio 2015.
  9. ^ a b (EN) Scott Heisel, Paramore - Paramore, Alternative Press, 1º aprile 2013. URL consultato il 3 aprile 2013.
  10. ^ (EN) Jon Dolan, Paramore - Album Review, Rolling Stone, 15 aprile 2013. URL consultato il 3 agosto 2013.
  11. ^ (EN) James Montgomery, Paramore Go Long, Dig Deep On New Self-Titled Album, MTV, 1º aprile 2013. URL consultato il 4 aprile 2013.
  12. ^ (EN) Andy Mesecher, Paramore Returns: Hayley Williams Fills Us In, Musicconnection.com, 1º aprile 2013. URL consultato il 6 aprile 2013.
  13. ^ (EN) Brad Wete, Paramore, 'Paramore': Track-By-Track Review, Billboard, 8 aprile 2013. URL consultato il 10 aprile 2013.
  14. ^ (EN) Michael McCarthy, Review: Paramore: Paramore, Loveispop.com, 17 dicembre 2013. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  15. ^ (EN) Paramore finish recording their new album, NME, 2 novembre 2012. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  16. ^ a b (EN) Note di copertina di Paramore, Paramore, Fueled by Ramen 534463-2, 2014.
  17. ^ (EN) Brian Kraus, Paramore perform “Ain’t It Fun” live for the first time, Alternative Press, 28 aprile 2013. URL consultato il 25 aprile 2014.
  18. ^ (EN) Jon Ableson, Paramore To Release "Ain't It Fun" on Vinyl for Record Store Day, Alterthepress.com, 20 marzo 2014. URL consultato il 21 marzo 2014.
  19. ^ (EN) 15 Record Store Day items you have to hunt down this weekend, Alternative Press, 16 aprile 2014. URL consultato il 17 aprile 2014.
  20. ^ (EN) Brenna Ehrlich, Check Out Paramore's Smashing Record Store Day Release, MTV, 20 marzo 2014. URL consultato il 21 marzo 2014.
  21. ^ (EN) Adam Samiljan, Record Store Day 2014, Paramore.net, 21 marzo 2014. URL consultato il 28 marzo 2014.
  22. ^ (EN) Zack Zarrillo, Paramore Record Store Day 12” Details, Propertyofzack.com, 4 marzo 2014. URL consultato il 29 marzo 2014.
  23. ^ (EN) Ain't It Fun Remixes - EP by Paramore, iTunes. URL consultato il 24 giugno 2014.
  24. ^ a b (EN) Philip Obenschain, Paramore’s next music video will be “Ain’t It Fun;” to be directed by Jodeb, Alternative Press, 9 luglio 2013. URL consultato il 21 luglio 2013.
  25. ^ (EN) We shot a video today for Ain't It Fun, Instagram, 2 dicembre 2013. URL consultato il 3 dicembre 2013.
  26. ^ (EN) James Montgomery, Paramore Set World Record For Awesome With 'Ain't It Fun' Video, MTV, 29 gennaio 2014. URL consultato il 30 gennaio 2014.
  27. ^ (EN) Setting Records With Paramore and the Ain't It Fun RecordSetter Challenge, Fueled by Ramen, 3 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014.
  28. ^ (EN) Paramore 'Ain't It Fun' Music Video & World Record Challenges, Recordsetter.com. URL consultato il 4 febbraio 2014.
  29. ^ (EN) Jack Appleby, Paramore - Paramore - Album Review, Absolutepunk.net, 4 aprile 2013. URL consultato il 4 aprile 2013.
  30. ^ (EN) Nate Jones, Listen to Our List of the 5 Best Pop Songs of April 2013, Popdust.com, 30 aprile 2013. URL consultato il 7 dicembre 2013.
  31. ^ a b (EN) David Greenwald, Paramore, 'Paramore': Track-By-Track Review, MTV, 10 aprile 2013. URL consultato il 30 aprile 2013.
  32. ^ a b (EN) Adrian Garza, Review: Paramore – Self-Titled, Underthegunreview.com, 5 aprile 2013. URL consultato il 7 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2013).
  33. ^ (EN) The 41 Best Songs of 2013: Fuse Staff Picks, Fuse TV, 11 dicembre 2013. URL consultato il 15 gennaio 2014.
  34. ^ (EN) Andrew Unterberger, The Top 50 Songs From the First Half of 2013, Popdust.com, 3 luglio 2013. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  35. ^ (EN) Here Are 14 Songs Battling It Out For the Song of the Summer in 2014, Time, 27 maggio 2014. URL consultato il 1º giugno 2014.
  36. ^ (EN) The 20 Greatest Rock Songs of 2014, Kerrang!, 18 dicembre 2014. URL consultato il 9 febbraio 2015.
  37. ^ (EN) Matt Crane, 2015 Grammy nominees announced: Paramore, Slipknot, Jack White, more, Alternative Press, 5 dicembre 2014. URL consultato il 5 dicembre 2014.
  38. ^ (EN) Brenna Ehrlich, Paramore Won Their First Grammy Ever — And Made History, MTV, 8 febbraio 2015. URL consultato l'8 febbraio 2015.
  39. ^ a b c d e (EN) Paramore - Ain't It Fun - Music Charts, aCharts.us. URL consultato il 28 settembre 2013.
  40. ^ a b (EN) Official Rock & Metal Singles Chart Top 40: 18 August 2013 - 24 August 2013, Official Charts Company. URL consultato il 22 agosto 2013.
  41. ^ (EN) Gary Trust, Chart Highlights: A Great Big World & Christina Aguilera, Beyonce & Jay Z Add New No. 1s, Billboard, 18 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014.
  42. ^ (EN) Gary Trust, Chart Moves: Paramore Hits New Hot 100 High, Billboard, 25 aprile 2014. URL consultato il 1º maggio 2014.
  43. ^ (EN) Gary Trust, John Legend Leads Hot 100, Paramore Hits Top 10, Billboard, 14 maggio 2014. URL consultato il 16 maggio 2014.
  44. ^ (EN) Paramore's "Ain't It Fun" Goes Platinum, Alterthepress.com. URL consultato il 10 luglio 2014.
  45. ^ (EN) Paramore's 'Ain't It Fun' Certified Double Platinum, Fueled by Ramen, 8 luglio 2015. URL consultato il 10 luglio 2015.
  46. ^ (EN) Nirvana Top Record Store Day 2014 Best-Sellers, Spin, 24 aprile 2014. URL consultato il 25 aprile 2014.
  47. ^ (EN) 'Ain't It Fun' Live on The Voice, Paramore.net, 19 dicembre 2013. URL consultato il 1º giugno 2014.
  48. ^ (EN) Video: Paramore and Jena Irene American Idol 13 Finale ‘Ain’t It Fun’ Live Performance, Shallownation.com, 21 maggio 2014. URL consultato il 1º giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2014).
  49. ^ (EN) Tyler Sharp, Fearless Records announce ‘Punk Goes Pop Volume 6’, Alternative Press, 13 ottobre 2014. URL consultato il 14 ottobre 2014.
  50. ^ (EN) CLUK Update 24.08.2013 (wk33) (TXT), Zobbel.de. URL consultato il 28 marzo 2014.
  51. ^ (CS) Hitparáda - SINGLES DIGITAL - TOP 100 - Týden - 201434, ČNS IFPI. URL consultato il 10 agosto 2014.
  52. ^ (SL) Hitparáda - SINGLES DIGITAL - TOP 100 - Týždeň - 201434, SNS IFPI. URL consultato il 29 agosto 2014.
  53. ^ (HU) Archívum › Kereső - lista és dátum szerint - Rádiós Top 40 játszási lista - 2014. 30. hét, Mahasz. URL consultato il 29 agosto 2014.
  54. ^ (ES) Pop Rock General, Recordreport.com. URL consultato il 15 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2014).
  55. ^ (EN) 2014 Year End: Music Top Songs - Billboard Hot 100, Billboard. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  56. ^ (EN) 2014 Year End: Digital Music Chart, Billboard. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  57. ^ (EN) 2014 Year End: Adult Contemporary Songs Chart, Billboard. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  58. ^ (EN) 2014 Year End: Adult Pop Songs Chart, Billboard. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  59. ^ (EN) 2014 Year End: Pop Music: Top Pop Songs Chart, Billboard. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  60. ^ (EN) 2014 Year End: Hot Rock Songs Chart, Billboard. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  61. ^ (EN) 2014 Year End: Rock Digital Songs Chart, Billboard. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  62. ^ (EN) 2014 Year End: Radio Music: Top Radio Songs Chart, Billboard. URL consultato il 25 gennaio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]