Ailanthus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ailanthus
Ailanthus triphysa RBG Sydney.JPG
Ailanthus triphysa
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Sapindales
Famiglia Simaroubaceae
Genere Ailanthus
Desf., 1786
Nomi comuni

Ailanto

Specie

Ailanthus Desf., 1786 è un genere di piante della famiglia Simaroubaceae, che comprende circa dieci specie di alberi originari delle zone tropicali dell'Asia e dell'Australia, che possono raggiungere altezze poco superiori ai 25 m.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del genere deriva dalla parola ailanto, termine che in malese significa letteralmente "albero del cielo"[1]. La presenza dell'"h" è dovuta a una sovrapposizione del termine greco άνθος che significa "fiore".

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le specie appartenenti al genere Ailanthus sono alberi decidui di varia dimensione e di crescita rapida. Le foglie sono alterne, relativamente lunghe e pennate con un numero di foglioline che va da 13 a 41. Le foglioline, spesso opposte, a volte hanno alcuni grandi denti alla cui base si trova una ghiandola leggermente curva.

Altra caratteristica presente in molte specie di questo genere è la dioicità, cioè la presenza di individui con soli fiori femminili (e quindi frutti) o con soli fiori maschili. alcune specie, però, hanno fiori ermafroditi. I fiori sono a simmetria radiale e di solito ci sono tanti sepali quanti sono i petali, di solito cinque, raramente sei. I fiori maschili hanno da cinque a sei stami fertili e altrettanti staminodi. I fiori femminili hanno da due a cinque carpelli liberi, superiori e piatti con cinque camere ciascuno, ciascuno con un solo ovulo. Gli stili possono essere liberi o saldati tra loro. I frutti sono alati, del tipo della samara.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Le circa dieci specie si sono diffuse dall'Asia all'Oceania settentrionale. Ci sono circa sei specie in Cina, cinque delle quali endemiche. Alcune specie, come l'albero del paradiso, si sono naturalizzate e in ambienti naturali degradati si comportano come specie invasive.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Ailanthus comprende le seguenti specie[2].

  • Ailanthus altissima, detto in italiano "albero del paradiso" o "ailanto" (MILL.) SWINGLE[3]; è comune in Cina e Taiwan e comprende le seguenti varietà.
    • Ailanthus altissima var. Altissima: è distribuito in quasi tutte le regioni della Cina e non si trova solo nelle province cinesi di Hainan, Heilongjiang, Jilin, Ningxia e Qinghai. È naturalizzato in vaste aree del mondo.
    • Ailanthus altissima var. Sutchuenensis; prospera ad altitudini di 1700 a 2500 metri nelle province cinesi di Guangxi, Hubei, Hunan, Jiangxi, Sichuan e Yunnan.
    • Ailanthus altissima var. Tanakae (Hayata) Kanehira e Sasaki; prospera solo nel nord di Taiwan, principalmente nelle foreste di montagna.
  • Ailanthus excelsa (ROXB.); è diffuso in India e Sri Lanka.
  • Ailanthus fordii (NOTEBOOM): prospera nelle foreste miste su colline e montagne ad un'altitudine di circa 600 metri nel Guangdong meridionale e in Xishuangbanna, nello Yunnan meridionale. [2]
  • Ailanthus giraldii (DODE); prospera nelle foreste chiare o nelle foreste miste delle montagne nelle province cinesi di Gansu, Shaanxi, Sichuan e Yunnan.
  • Ailanthus guangxiensis X.L.MO ex CFLIANG e XLMO; questa specie, endemica del Longzhou e Ningming, nel Guangxi sud-occidentale, prospera nelle foreste delle valli carsiche tropicali, ad altitudini di circa 300 metri.
  • Ailanthus triphysa (DENNSTEDT) ALSTON[4]; si trova in India, Sri Lanka, Tailandia, Cambogia, Vietnam, Cina, Malesia, Indonesia, Filippine ed è molto diffuso in Australia.
  • Ailanthus vilmoriniana (DODE); prospera nelle foreste leggere sui pendii o nelle valli delle montagne ad altitudini comprese tra 500 e 2800 metri nelle province cinesi di Hubei, Sichuan e Yunnan.
  • Ailanthus integrifolia (LAM.)
  • Ailanthus vietnamensis (H.V.SAM & NOOT.)

Usi[modifica | modifica wikitesto]

La specie Ailanthus altissima ha i seguenti usi:

  • è coltivata come pianta ornamentale, e in silvicoltura per il rimboschimento di terreni incoerenti e franosi grazie all'apparato radicale profondo e ramificato;
  • è usata anche per fare miele di ailanto;
  • la corteccia viene utilizzata per le proprietà medicinali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ailanto, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ Ailanthus, in The Plant List. URL consultato il 17 maggio 2014.
  3. ^ Syn.: Ailanthus cacodendron (Ehrh.) Schinz & Thell, Ailanthus glandulosa Desf, Ailanthus peregrina (Buc'hoz) Fabarkley, Rhus cacodendron Ehrh, Toxicodendron altissimum Mill.
  4. ^ Sin .: Ailanthus malabarica DC. , Ailanthus imberbiflora F. Muell.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 34354