Ahmed Mohamed Mahamoud Silanyo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ahmed Mohamed Mahamoud Silanyo
Ahmed Mohamed Mohamoud Silanyo - Chatham House 2010.jpg

Presidente del Somaliland
Durata mandato 27 luglio 2010 –
13 dicembre 2017
Predecessore Dahir Riyale Kahin
Successore Muse Bihi Abdi

Dati generali
Partito politico Partito per la Pace, l'Unità e lo Sviluppo,
Movimento Nazionale Somalo

Ahmed Mohamed Mahamoud Silanyo (in somalo Axmed Maxamed Maxamuud Siilaanyo; in arabo: احمد محمد محمود; Burao, 1936) è un politico somalo, Presidente della repubblica secessionista del Somaliland dal 2010 al 2017.

Economista, ha ricoperto più volte l'incarico di ministro nel corso dei governi presieduti da Siad Barre (ministro della programmazione nazionale dal 1969 al 1973, commercio estero dal 1974 al 1976, commercio dal 1980 al 1982).

È stato portavoce del Movimento Nazionale Somalo dal 1982 al 1990; dopo la disgregazione del Paese, causata dalla guerra civile scoppiata nel 1991, ha ricoperto alcuni incarichi di governo nel Somaliland, frattanto proclamatosi indipendente dal resto del Paese.

Dopo aver contribuito a fondare il Partito per la Pace, l'Unità e lo Sviluppo, si è candidato alle elezioni presidenziali del 2003 venendo sconfitto, per soli 80 voti su oltre 480 mila, dal Presidente uscente Dahir Riyale Kahin. Ricandidatosi in occasione delle elezioni del 2010, è stato eletto Presidente del Somaliland, riuscendo a sconfiggere Kahin con il 44,6% dei voti contro il 33,2%.

Non si è ricandidato alle elezioni del 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]