Ahmed Bukhatir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ahmed Bukhatir (in arabo : أحمد بوخاطر‎) (Sharjah, 16 ottobre 1975) è un cantante, senatore, imprenditore e autore emiratino.

Ahmed Bukhatir
Bukhatir at the Global Peace & Unity Event, 2010.jpg
Bukhatir nel 2010
NazionalitàEmirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
GenereNasheed
Periodo di attività musicale1995 – ?
Strumentovoce
Sito ufficiale

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ahmed Bukhatir è nato a Sharjah, città degli Emirati Arabi Uniti. È il quinto di dieci figli. Suo padre è Abdul Rahman Bukhatir, un uomo d'affari di successo durante il boom economico che si è verificato negli Emirati Arabi Uniti negli anni '70 e '80. Da bambino Bukhatir ha trascorso diversi anni in un centro islamico di Sharjah per imparare le regole della recitazione coranica chiamata Tajwid. Bukhatir ha iniziato a cantare professionalmente all'età di 20 anni, e ha pubblicato il suo primo album nel 2000 intitolato Entasaf Al-Layl. Nel corso della sua carriera discografica ha continuato a cantare senza strumenti musicali secondo la legge islamica della Sharia. Oltre ai nasheed islamici, Ahmed esegue anche nasheed che mettono in evidenza i problemi della comunità.

Carriera commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Ahmed Bukhatir si è laureato nel 1999 presso l'Università di Scienze e Tecnologie di Al Ain. All'età di 29 anni diventa amministratore delegato di Promax ME.[1] Attualmente è presidente del gruppo Mcfadden Group of Companies.[2] In politica, è stato nominato dal governatore di Sharjah per diventare membro del Consiglio di Sharjah come senatore.[3][4] È l'ambasciatore del marchio "Du Telecom", una società di telecomunicazioni degli Emirati Arabi Uniti.[5]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Ahmed Bukhatir ha pubblicato diversi album in inglese, arabo e francese.[6]

Anno Titolo Lista tracce[7]
1999 Entasaf Al-Layl
  • Entasaf Al Layl
  • Ajaban
  • Kam Tashtaki
2000 Al Quds Tunadeena
  • Al-Qudsu Tunadeena
  • Waqafa Al Teflo
  • Taweel Alshawq
  • Nasheed Ramadaan
  • Zayed Al Khair
2002 Fartaqi
  • Ya Adheeman
  • Al Hijab
  • Al Qur'an
  • Dar Al Ghorour
  • Fartaqi
  • Talib Al Ilm
  • Ya Eid
  • Ya Man Yara
2003 Samtan
  • Ummi
  • Nasheed Al Shariqah
  • Mobheron
  • Lenantaleq
  • Kayfa Anzahoo
  • Last Breath
2005 Da'ani
  • Da'ani
  • Thalaseemia
  • It's Time
  • Iqra
  • Naseem Al Shawq
  • Forgive Me
  • Ya Akhi
  • Zawjati
2007 Hasanat
  • Ya Bunaya
  • Sunna' Al Hayat
  • Don't Let Me Go!
  • Ayuhal Hadi
  • Hijab
  • Khair Al Khalq
  • Allah Almighty
  • Hasanat
  • Atfalana
  • I Still Ask
2010 Moments with Allah
  • Remember Them
  • Donyal Bashr
  • Hold these days
  • La ilaha il Allah
  • Moth Arafto Allah
  • Nihayat Ghorba
  • Pourquoi les hommes pleurent
  • Udata Durra
  • Ya ilahi
  • Yosif

Esibizioni e concerti[modifica | modifica wikitesto]

Bukhatir si è esibito per la prima volta nel 2002.[8] Si è esibito al concorso "Holy Qura'an" a cui hanno partecipato Mohammed Bin Rashid Al Maktoum e lo Sheikh Abdul Abdul Rahman Al Sudais, l'imam della Grande moschea della Mecca, in Arabia Saudita.[9] Ahmed ha effettuato tournée in varie altre nazioni tra cui India, Sudafrica, Australia e, in particolare, all'evento Global Peace and Unity che si è tenuto a Londra, nel Regno Unito, nel 2006.[10] Si è esibito a Londra, tra cui un concerto all'Excel Hall di Londra e al Natural History Museum di Londra.[11] Il 3 luglio 2010, Ahmed si è esibito alla terza Conferenza annuale del "Journey of Faith" tenutasi a Toronto, nell'Ontario, in Canada. Il 4 aprile 2012 si è esibito in una serata di beneficenza per la Sightsavers Middle East foundation. Nell'aprile 2012 è apparso agli eventi sponsorizzati dalla Furqaan Academy di Dallas, Houston e Chicago, e a maggio si è esibito in eventi congressuali organizzati ad Hartford, nel Connecticut.[12][13] Nel maggio 2013, Bukhatir ha partecipato al Syria charity Dinner tour nel Regno Unito. Il tour è andato da Blackburn a Leicester e si è concluso a Birmingham.[14] Nel marzo 2018, Bukhatir è stato nominato ambasciatore delle Scuole Internazionali di Scienze Creative negli Emirati Arabi Uniti. Lo stesso anno ha fatto il giro della Gran Bretagna in aprile. Includeva spettacoli a Blackburn, Dewsbury, Leicester, East London e Cardiff.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Business Real Estate News | Technology | Travel Guide, su www.ameinfo.com. URL consultato il 23 aprile 2020.
  2. ^ Global Arab Business Meeting 9–10 October 2011, Ras Al Khaimah, UAE (PDF), su horasis.org, p. 16.
  3. ^ Business Career, su bukhatir.org.
  4. ^ Is it really a break?, su web.archive.org, 8 novembre 2010. URL consultato il 23 aprile 2020 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2010).
  5. ^ (EN) World-renowned Al Munshed Ahmed Bukhatir becomes brand ambassador for du, su Al Bawaba. URL consultato il 24 aprile 2020.
  6. ^ (EN) Du names Bukhatir as brand ambassador, su www.telecompaper.com. URL consultato il 23 aprile 2020.
  7. ^ (EN) Ahmed Bukhatir Nasheeds List - Arabic Islamic Nasheeds Collection, su Ahmed Bukhatir. URL consultato il 23 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2019).
  8. ^ ::: Ahmed Bukhatir :::, su web.archive.org, 3 marzo 2009. URL consultato il 23 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2009).
  9. ^ جائزة دبي الدولية للقرآن الكريم - الرئيسة, su www.quran.gov.ae. URL consultato il 23 aprile 2020.
  10. ^ The Global Peace and Unity Event | Arts & Culture | Ethnic Now, su web.archive.org, 31 agosto 2010. URL consultato il 23 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2010).
  11. ^ A voice from heaven | Newzglobe.com, su web.archive.org, 19 giugno 2010. URL consultato il 23 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 19 giugno 2010).
  12. ^ Ahmed Bukhatir | ICNA Convention, su archive.is, 12 luglio 2012. URL consultato il 23 aprile 2020.
  13. ^ Furqaan Academy - A Night of Cultural Entertainment, su archive.is, 8 luglio 2012. URL consultato il 23 aprile 2020.
  14. ^ (EN) Ahmed Bukhatir UK Tour 2013, su Eventbrite. URL consultato il 23 aprile 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàEuropeana agent/base/108676