Ahmad Isma'il 'Ali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aḥmad Ismāʿīl ʿAlī
Field Marshal Ahmed Ismail Ali.jpg
14 ottobre 1917 – 25 dicembre 1974 (57 anni)
Nato aIl Cairo
Morto aLondra
Cause della mortecancro
Dati militari
Paese servitoFlag of Egypt (1922–1958).svg Regno d'Egitto
Flag of the United Arab Republic.svg Repubblica Araba Unita
Flag of Egypt.svg Egitto
Forza armataFlag of the Army of Egypt.svg Esercito egiziano
Unità16º Cavalleria
Anni di servizio1938-1974
GradoMushīr (Feldmaresciallo)
GuerreSeconda guerra mondiale
Guerra arabo-israeliana del 1948
Crisi di Suez
Guerra dei sei giorni
Guerra del Kippur
CampagneCampagna del Nordafrica
Comandante diCoat of arms of Egypt (Official).svg Forze armate egiziane (Comandante in capo)
Apparato d'informazioni generali
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Aḥmad Ismāʿīl ʿAlī (in arabo: أحمد إسماعيل علي‎); Il Cairo, 14 ottobre 1917Londra, 25 dicembre 1974) è stato un generale egiziano.

Frequentò l'Accademia Militare Egiziana, diplomandosi nel 1938, fu compagno di corso di Gamal Abd el-Nasser e di Anwar al-Sādāt.

Aḥmad Ismāʿīl ʿAlī partecipò con gli Alleati nel Deserto occidentale egiziano alla Seconda guerra mondiale, fu poi comandante di Brigata nel corso della Guerra arabo-israeliana del 1948 e, dopo aver seguito dei corsi di addestramento militare nel Regno Unito, combatté contro le forze anglo-francesi-israeliane durante la Crisi di Suez.
Nel 1967 fu nominato generale di divisione e come tale prese parte nel 1967 alla Guerra dei sei giorni.
Nel marzo del 1969 divenne per breve tempo capo di stato maggiore, dovendosi però quasi subito dimettere, a settembre, su richiesta dello stesso Presidente Nasser a causa dell'incapacità delle forze armate egiziane di metter freno ai raid israeliani.
Anwar al-Sādāt, succeduto a Nasser, lo nominò già nel settembre del 1970 responsabile dell'Apparato d'Informazioni Generali (Gihāz al-Mukhābarāt al-ʿĀmma): compito che assolse fino al 1972. Fu infine nominato comandante in capo delle forze armate egiziane e ministro della Guerra nel corso della Guerra di Ramadan (chiamata per lo più, fuori del mondo arabo, Guerra del Kippur). È noto per essere stato l'artefice del piano strategico d'attacco finalizzato all'attraversamento del Canale di Suez e dello scavalcamento della linea fortificata israeliana nota come Linea Bar-Lev (la cosiddetta "Operazione Badr[1]"), effettivamente realizzati il 6 ottobre del 1973.

Nell'ottobre del 1972, Aḥmad Ismāʿīl aveva accompagnato il Primo ministro ʿAzīz Sidqī in visita a Mosca e al suo ritorno fece fallire un colpo di Stato contro il Presidente. Quello stesso mese, rimpiazzò il generale anti-sovietico Muhammad Sadiq come ministro della Guerra e comandante in capo, ricevendo nel novembre del 1973 la promozione a Feldmaresciallo (mushīr).

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Aḥmad Ismāʿīl ʿAlī morì il 25 dicembre 1974, a seguito di un cancro in stato avanzato. Al momento della morte aveva appena 57 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal nome della prima vittoria di Maometto contro i pagani meccani.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN60947672 · ISNI: (EN0000 0000 3640 0365 · BNF: (FRcb15530205m (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie