Agostino Giovagnoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Agostino Giovagnoli (Roma, 1952) è uno storico italiano, professore ordinario presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore[1].

Si è occupato di storia dell'Italia repubblicana, dei rapporti tra Stato italiano e Chiesa cattolica e di storia delle relazioni internazionali.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in Filosofia presso l'università La Sapienza di Roma, nel 1987 diviene professore ordinario presso l'Università degli Studi di Sassari[2]. Nel 1993, quindi, sale alla cattedra di Storia contemporanea dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ove tuttora insegna.

È stato membro del comitato scientifico del programma televisivo Rai 3 Il tempo e la storia dal 2013 al 2017[3][4] e in seguito in quello di Passato e presente[5], programma della stessa rete con replica su Rai Storia.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Il partito italiano. La Democrazia cristiana dal 1942 al 1994, Laterza, Roma Bari 1996.
  • Roma e Pechino. La svolta extraeuropea di Benedetto XV, Studium, Roma 1999.
  • Storia e globalizzazione, Laterza, Roma Bari 2003.
  • Il caso Moro. Una tragedia repubblicana, Il Mulino, Bologna 2005.
  • Chiesa e democrazia. La lezione di Pietro Scoppola, Il Mulino, Bologna 2011.
  • La Repubblica degli Italiani. 1946-2016, Laterza, Roma Bari 2016.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal sito dell'Università, su docenti.unicatt.it. URL consultato il 25 marzo 2016 (archiviato il 27 giugno 2016).
  2. ^ Agostino Giovagnoli sul sito della SISSCO, su sissco.it. URL consultato il 27 marzo 2016 (archiviato il 7 aprile 2016).
  3. ^ Il Tempo e la Storia - programma, su Rai Storia. URL consultato il 25 novembre 2018 (archiviato il 26 novembre 2018).
  4. ^ Il tempo e la storia: il programma, su Rai Storia. URL consultato il 25 novembre 2018 (archiviato il 26 novembre 2018).
  5. ^ Passato e presente: Programma, su Rai Storia. URL consultato il 25 novembre 2018 (archiviato il 26 novembre 2018).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN112685598 · ISNI (EN0000 0001 1032 9633 · SBN IT\ICCU\CFIV\046809 · LCCN (ENn83220002 · GND (DE1078759375 · BNF (FRcb12029513r (data) · BAV ADV10138282 · WorldCat Identities (ENn83-220002