Agostino Catalano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Agostino Catalano (poliziotto))
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Agostino Catalano
NascitaPalermo, 16 maggio 1949
MortePalermo, 19 luglio 1992 (43 anni)
Cause della morteattentato dinamitardo
Luogo di sepolturaCimitero di Santa Maria dei Rotoli
Dati militari
Paese servitoBandiera dell'Italia Italia
Forza armata Polizia di Stato
UnitàScorta di Paolo Borsellino
Anni di servizio?-1992
GradoAgente
DecorazioniMedaglia d'oro al valor civile (postumo)[1]
voci di militari presenti su Wikipedia

Agostino Catalano (Palermo, 16 maggio 1949[2]Palermo, 19 luglio 1992) è stato un poliziotto italiano, morto nella strage di via D'Amelio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Agostino Catalano nacque a Palermo nel 1949. Entrò giovanissimo nella Polizia di Stato e rimase fino al 1970 per tornare nel 1978. Gli anni di lontananza dall'arma radicarono in lui ulteriormente i valori della Giustizia e della Legalità.

Prestò servizio presso la Squadra Mobile di Foggia, di Genova e di Palermo. Nel 1986 frequentò il corso di specializzazione per Agenti della Scorta presso il Centro di Addestramento e Istruzione della Polizia di Stato (C.A.I.P.) di Abbasanta, in Sardegna. Presso la Questura di Palermo svolse servizio di scorta e tutela a personalità politiche e della Magistratura, tra le quali padre Bartolomeo Sorge e il giudice Paolo Borsellino.

Nel 1989 fu promosso Assistente di Polizia di Stato e, nel 1990, Assistente Capo. Nel 1992 vinse il concorso per Vice Sovrintendente, ma la prematura scomparsa non gli diede modo di frequentare il corso di formazione per la nomina definitiva. Ebbe una carriera impeccabile, distinguendosi per meriti anche al di fuori del servizio. Il 16 maggio 1992, giorno del suo 43º compleanno, si rese protagonista del salvataggio di un bambino che rischiava di annegare nel mare di Mondello.[3]

Insieme ai suoi colleghi Emanuela Loi, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Li Muli, e Claudio Traina, affiancò fino alla fine il giudice Paolo Borsellino e con questi perse la vita nell'attentato del 19 luglio 1992 in via D'Amelio, a Palermo. Oggi riposa nel cimitero di Santa Maria dei Rotoli.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor civile - nastrino per uniforme ordinaria
«Preposto al servizio di scorta del giudice Paolo Borsellino, pur consapevole dei gravi rischi cui si esponeva a causa della recrudescenza degli attentati contro rappresentanti dell'ordine giudiziario e delle Forze di Polizia, assolveva il proprio compito con grande coraggio e assoluta dedizione al dovere. Barbaramente trucidato in un proditorio agguato di stampo mafioso, sacrificava la vita a difesa dello Stato e delle Istituzioni. Palermo, 19 luglio 1992.»
— 5 agosto 1992[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Catalano Agostino, su Il sito ufficiale della Presidenza della Repubblica. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  2. ^ Gli otto "angeli" di Capaci e di via D'Amelio, chi sono gli uomini e le donne delle scorte di Falcone e Borsellino (PDF), su poliziadistato.it, 23 maggio 2018. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  3. ^ La scorta di Paolo Borsellino: Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina, Emanuela Loi e Claudio Traina (PDF), su interno.gov.it, p. 2. URL consultato il 14 gennaio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]