Agnese Pini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Agnese Pini (Carrara, 5 marzo 1985) è una giornalista italiana, dal 1º agosto 2019 direttrice del quotidiano fiorentino La Nazione. È la prima donna in 160 anni di storia del giornale a ricoprire questo incarico. Il 27 luglio 2021 la rivista Forbes la inserisce fra le 100 italiane di successo dell'anno[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Decise di fare la giornalista a 16 anni, in seguito all’attentato dell'11 settembre, impressionata dai punti di vista espressi negli interventi di Oriana Fallaci, Enzo Biagi, Dacia Maraini, Tiziano Terzani, che il Corriere della Sera pubblicò in seguito al crollo delle Torri gemelle[2]. Dopo il conseguimento del diploma di maturità scientifica presso il Liceo Guglielmo Marconi di Carrara, si iscrisse alla Facoltà di Lettere dell'Università di Pisa[3] nel 2004, dove si laureò con lode nel 2007 con una tesi sul carteggio tra Michelangelo Buonarroti e Vittoria Colonna.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Appena ventunenne, nell'anno precedente alla laurea, iniziò la sua collaborazione con La Nazione di Carrara[4].

Nel 2009 si iscrisse al master in giornalismo alla Scuola di giornalismo Walter Tobagi dell'Università Statale di Milano[5] e nello stesso anno diventò giornalista professionista. In seguito a questa esperienza, si occupò di cronaca nera e giudiziaria per Il Giorno di Milano e collaborò con l’agenzia ANSA, con Mondadori e con il Gruppo editoriale L’Espresso[6].

A giugno del 2016 approdò alla redazione senese de La Nazione come vice caposervizio e l'anno successivo a quella fiorentina, dapprima come vice capocronista e poi come vicedirettrice del quotidiano[7]. Dirige il giornale La Nazione dal 1º agosto del 2019, all'età di 34 anni, la prima donna nella storia del quotidiano.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 novembre 2019 ha vinto il premio giornalistico Guidarello.[8]

Il 1 luglio 2021 ha vinto il premio giornalistico Matilde Serao.[9]

Il 2 luglio 2021 ha vinto il Premio Ischia per la Carta Stampata.[10]

Il 27 luglio 2021 la rivista Forbes Italia la inserisce fra le 100 italiane di successo dell'anno.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Le 100 donne italiane di successo selezionate da Forbes Italia per il 2021, su Forbes Italia, 27 luglio 2021. URL consultato il 28 luglio 2021.
  2. ^ Marco Mancini, Informare è fare opinione La Freccia incontra la direttrice de la Nazione, Agnese Pini, in FSNews, 1º ottobre 2019.
  3. ^ Annamaria Barbato Ricci, Agnese Pini, direttrice (a 34 anni) della Nazione: «Le giornaliste? Hanno pochi modelli a cui ispirarsi», in Il Messaggero, 5 agosto 2019.
  4. ^ Agnese Pini, direttrice de La Nazione, in Il Sole 24 Ore.
  5. ^ Irene Soave, Agnese Pini, 34 anni, direttrice. La prima donna a firmare la «Nazione», in 27esimaora.corriere.it, 5 agosto 2019.
  6. ^ Agnese Pini, su L'Eredità delle donne.
  7. ^ Agnese Pini – biografia, su CGIL. URL consultato il 14 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2020).
  8. ^ il Resto del Carlino, Premio Guidarello, riconoscimenti ad Agnese Pini e Ferruccio de Bortoli, su il Resto del Carlino. URL consultato il 28 luglio 2021.
  9. ^ Premio Serao: la vincitrice dell'edizione 2021 è Agnese Pini, direttrice del quotidiano La Nazione - Il Mattino
  10. ^ �rkestra- http://www.orkestra.it, Premiati della 42ª edizione, su Premio Ischia Internazionale di Giornalismo. URL consultato il 28 luglio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]