Agenda Europa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Agenda Europa
Agenda Europe
TipoAssociazione
Fondazione2013
Sede centraleEuropa Europa
Lingua ufficialeinglese
Sito web

L'appellativo Agenda Europa (dall'inglese "Agenda Europe") fa riferimento a un centro organizzativo europeo che ha tra i suoi obbiettivi principali quello di contrastare i diritti per le persone LGBT e di promuovere posizioni estremiste di stampo conservatore.[1][2][3]

Agenda Europa è nata nel 2013 basandosi su rigidi criteri di segretezza. Le sue specifiche furono rivelate solo nel 2017 quando emersero molteplici documenti riguardanti l'operato, i partecipanti, gli obbiettivi e i finanziamenti del progetto.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nascita[modifica | modifica wikitesto]

Agenda Europa naque nel gennaio 2013 da una riunione avvenuta a Londra che coinvolse, circa, 20 leader e consulenti strategici antiabortisti Nord Americani ed Europei che avevano lo scopo di “sviluppare un gruppo di pensiero europeo di ispirazione cristiana” e “ideare nuove strategie per i movimenti antiabortisti europei”.[4][5]

Organizzato congiuntamente dalla conservatrice austriaca e attivista cattolica Gudrun Kugler[6] e dallo statunitense Terrence McKeegan[7] il ritiro londinese doveva essere “strettamente riservato". Nei documenti successivamente rinvenuti veniva riportato che "questo programma non deve essere inoltrato per nessuna ragione senza il permesso degli organizzatori”.[1][5]

Agli esordi di Agenda Europa Peadar O’Scolai, dell’organizzazione irlandese "Family and Life", chiese ai partecipanti di identificare “obiettivi realizzabili per il movimento provita”, mentre Gudrun Kugler si dedicò a “sviluppare un centro di pensiero paneuropeo per riflettere i valori cristiani”, osservando come “in Europa non esiste un centro di pensiero di ispirazione cristiana per analizzare le tendenze attuali, per elaborare le risposte, gli argomenti, le alternative e per definire i linguaggi. Tali argomenti complessi vengono lasciati alle organizzazioni non governative o a pochi legislatori perché li risolvano da soli”.[1]

Sviluppi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 apparve un blog anonimo intitolato “Agenda Europa” che si occupava delle notizie e degli sviluppi della politica europea criticando aspramente qualsiasi progresso legale e politico nell'ambito dei diritti umani in merito alla sessualità e alla riproduzione (SRR). Il blog divenne rapidamente un punto di riferimento per le prospettive tradizionaliste nell'ambito SRR e assurse alle cronache per le sue posizioni estremiste.[8]

Nell’estate del 2017 alcuni documenti riguardanti l'organizzazione divennero di dominio pubblico grazie alla franco-tedesca Arte Television. Questi documenti includevano i dettagli della sopracitata riunione di fondazione avvenuta nel 2013, il nome prescelto per il centro organizzativo, le successive riunioni a cadenza annuale del direttivo[9], una lista di esperti di social network con cui il gruppo intendeva agire su internet e il manifesto comune per la rete di Agenda Europa intitolato "Ristabilire l’ordine naturale: un’Agenda per l’Europa".

Partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

I documenti trapelati sopracitati hanno rivelato che, fino a quel momento, il direttivo di Agenda Europa contava circa 100/150 individui (tra cui molti leader politici e funzionari governativi di tutta Europa) e almeno 50 organizzazioni conservatrici.[1]

L'organizzazione può anche contare sul supporto di alcuni alti prelati cattolici; un esempio è riscontrabile al convegno annuale del 2014 quando le proprietà utilizzate per i ritiri spirituali sono state date in concessione ai partecipanti dall'arcidiocesi di Monaco.[10]

Finanziamenti[modifica | modifica wikitesto]

Per operare il gruppo può contare su numerosi finanziamenti provenienti da organizzazioni appartenenti a: miliardari, aristocratici e oligarchi. Tra i nomi più altolocati troviamo:[1]

  • Patrick Slim Domit, figlio del multimiliardario[11] Carlos Slim Helú, è uno dei maggiori finanziatori dei movimenti anti-abortisti in Messico e nel mondo.
  • L’Arciduca Imre e sua moglie, l’Arciduchessa Kathleen, che rappresentano la famiglia Asburgo-Lorena (l’ultima famiglia imperiale austriaca), i quali hanno concesso il loro patronato a molte iniziative del gruppo (il patrimonio di famiglia si aggira tra i 63 e i 207 milioni di dollari).[1]
  • Oliver Hylton, che fu il gestore patrimoniale del finanziere Sir Michel Hintze (magnate dal patrimonio di 2,6 miliardi di dollari[12] noto alle cronache per i suoi finanziamenti a gruppi di propaganda legati al negazionismo del riscaldamento globale).
  • Alexey Komov, rappresentante della Chiesa Ortodossa Russa, viene sponsorizzato dall’oligarca multimilionario di estrema destra Konstantin Malofeev, si è occupato dei progetti internazionali della fondazione.

Strategie[modifica | modifica wikitesto]

Per intraprendere i propri obbiettivi il gruppo agisce tramite: lobbismo politico, campagne referendarie, petizioni e azioni di disinformazione.[1]

Per veicolare più efficacemente le proprie istanze contro la secolarizzazione e le rivoluzioni culturali lontane dalle loro posizioni l'organizzazione si prefigge di: imputare a chi appoggia istanze diametralmente opposte alle loro di essere discriminatori e intolleranti verso i cristiani o di essere cristianofobici dipingendosi come vittime, portare le proprie proposte sotto l'appellativo di "diritti" e non "restrizioni" o "divieti", etichettare i propri avversari come violenti e se stessi come "antisistema" cercando di diventare interlocutori rispettabili a livello internazionale.[1]

Obbiettivi[modifica | modifica wikitesto]

Tematiche Leggi da abrogare/temi da proibire Leggi da adottare Azioni non legislative
Matrimonio, famiglia e diritti LGBT
  • Leggi contro la "sodomia".
  • Leggi per rendere più difficile il divorzio.
  • Favorire il matrimonio tramite la sua detassazione e altre leggi sociali.
  • Leggi per proibire la “propaganda omosessuale”.
  • Legalizzare e incentivare lo studio privato domestico in ogni paese.
Vita, contraccezione, aborto, procreazione assistita, cellule staminali, eutanasia
  • Obiezione di coscienza per medici e farmacisti (affinché il rifiuto della cura sia un diritto legale).
  • Divieto di aborto nel diritto nazionale e in quello internazionale.
  • Convenzione internazionale per proibire qualsiasi uso medico e di ricerca di cellule staminali umane.
  • Convenzione internazionale per proibire l’eutanasia.
  • Eliminare l'aborto dai programmi di Assistenza Pubblica.
  • In riferimento all’aborto, promuovere diritti genitoriali, congedi e standard igienici restrittivi.
  • Introdurre consulenze provita antiabortiste finanziate direttamente dai governi.
Uguaglianza e contrasto alla discriminazione
  • Abolizione delle leggi a favore dell’eguaglianza nell’Unione Europea, In particolare abrogazione degli articoli 21 e 23 della Carta dei Diritti Fondamentali.
  • Abolizione di tutte le leggi a favore dell’eguaglianza a livello nazionale.
  • Contrastare l’adozione della 5ª direttiva europea in merito all’eguaglianza di trattamento.
  • Creare coalizioni di aziende, società commerciali e proprietari immobiliari di piccola/media grandezza.
  • Propagandare l’incertezza giuridica e le difficoltà amministrative causate dalle leggi contro la discriminazione.
  • Evidenziare il costo delle leggi contro la discriminazione per l'economie nazionali.
  • Criticare le azioni intentate dai sostenitori delle leggi contro la discriminazione (ad esempio il gruppo ILGA).

Operato[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo ha redatto molte campagne per influenzare le legislazioni di diversi paesi e tra le più importanti troviamo:[1]

Incontri annuali[modifica | modifica wikitesto]

Il programma degli incontri segue una formula prestabilita: ai partecipanti viene offerto un ricevimento in cui viene fatto un discorso di apertura a opera solitamente di un politico come Jakob Cornides, allora amministratore della Commissione Europea, o Rocco Buttiglione, allora deputato italiano, o Aleksander Stępkowski, allora vice ministro degli Affari Esteri della Polonia.[1] Segue una celebrazione della Messa e un seminario di due giorni con un format che varia dalle presentazioni plenarie alla creazione di gruppi di lavoro tematici relativi alle istanze e ai progressi del gruppo.[1]

Lista (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Adizione Anno Luogo
I 2013 Londra
II 2014 Monaco di Baviera
III 2015 Dublino
IV 2016 Varsavia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l Rapporto redatto da Neil Datta, Segretario del Forum Parlamentare Europeosulla Popolazione & lo Sviluppo (European Parliamentary Forum on Population & Development EPF), su epfweb.org.
  2. ^ Rapporto redatto da Neil Datta, Segretario del Forum Parlamentare Europeosulla Popolazione & lo Sviluppo (European Parliamentary Forum on Population & Development EPF) (lingua originale) (PDF), su epfweb.org.
  3. ^ New book exposes European religious network intent on overturning laws related to sexuality and reproduction | EPF | European Parliamentary Forum on Population and Development, su www.epfweb.org. URL consultato il 21 marzo 2019.
  4. ^ Il presunto manifesto del Congresso delle famiglie di Verona, su www.open.online, 19 marzo 2019. URL consultato il 21 marzo 2019.
  5. ^ a b «Ristabilire l'Ordine Naturale», cosa sappiamo del documento che punta a togliere libertà a donne e Lgbtq+, su www.open.online, 23 marzo 2019. URL consultato il 23 marzo 2019.
  6. ^ Biografia di Gudrun Kugler (PDF), su iti.ac.at.
  7. ^ Biografia di Terrence McKeegan (PDF), su neumannschool.org.
  8. ^ (EN) Agenda Europe (Blog), su agendaeurope.wordpress.com. URL consultato il 20 marzo 2019.
  9. ^ (EN) Agenda Europe Summit 2016 Warsaw Poland, su LifeNetwork Foundation Malta, 2 ottobre 2016. URL consultato il 20 marzo 2019.
  10. ^ (DE) Exerzitienhaus Schloss Fürstenried, su www.erzbistum-muenchen.de. URL consultato il 21 marzo 2019.
  11. ^ Patrick Slim Domit $5.3 billion | Mexico, su wealthx.com.
  12. ^ (EN) Michael Hintze, su Forbes. URL consultato il 21 marzo 2019.
  13. ^ La Croazia ha vietato i matrimoni gay, su Il Post, 2 dicembre 2013. URL consultato il 21 marzo 2019.
  14. ^ Madrid. Spagna, Rajoy ritira la riforma sull'aborto, su www.avvenire.it, 23 settembre 2014. URL consultato il 21 marzo 2019.
  15. ^ Slovenia, no a nozze gay e adozioni nelle coppie omosessuali, su Repubblica.it, 20 dicembre 2015. URL consultato il 21 marzo 2019.
  16. ^ Aborto, l'obiezione di coscienza nel mondo: in Svezia e Finlandia non esiste, in Italia le percentuali più alte, su Il Fatto Quotidiano, 10 gennaio 2017. URL consultato il 21 marzo 2019.
  17. ^ Il referendum contro i matrimoni gay in Slovacchia non ha raggiunto il quorum, su Il Post, 7 febbraio 2015. URL consultato il 21 marzo 2019.
  18. ^ Polonia, vince la protesta delle donne. Marcia indietro sulla legge anti-aborto, su Repubblica.it, 6 ottobre 2016. URL consultato il 21 marzo 2019.
  19. ^ Autore Marilia, MUM DAD & KIDS Iniziativa dei cittadini europei per il matrimonio e la famiglia, su Uff. Pastorale della famiglia - Arcidiocesi Ferrara Comacchio, 3 marzo 2017. URL consultato il 21 marzo 2019.
  20. ^ Bulgaria: Convenzione di Istanbul dichiarata contraria alla Costituzione | Sicurezza internazionale | LUISS, su Sicurezza internazionale, 30 luglio 2018. URL consultato il 21 marzo 2019.
  21. ^ Marin Rogić, Croazia. Entrata in vigore la Convenzione di Istanbul, su lavoce.hr. URL consultato il 21 marzo 2019.
  22. ^ Giulia Zoli, Le donne sono pronte a lottare, su Internazionale, 8 marzo 2019. URL consultato il 21 marzo 2019.
  23. ^ Romania, fallisce il referendum per impedire le nozze gay, su Repubblica.it, 7 ottobre 2018. URL consultato il 21 marzo 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]