Agatodemone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Agatodemone (in greco antico: Ἀγαθοδαίμων, Agathodáimōn; Alessandria d'Egitto, floruit IV/V secolo – ...) è stato un geografo egizio alessandrino.

Biografia e opere[modifica | modifica wikitesto]

Le informazioni possedute su Agatodemone sono ben poche.[1] Si sa con certezza che fu un cartografo alessandrino,[1] ma anche il periodo in cui visse è difficile da stabilire con certezza, sebbene alcuni studiosi lo pongano tra il IV e il V secolo.[1]

Secondo un'altra teoria, Agatodemone sarebbe stato l'autore che delineò alcune delle mappe presenti nella Geografia di Tolomeo[2] e di conseguenza sarebbe da considerare suo contemporaneo, e quindi vissuto nel II secolo,[2] o comunque di poco posteriore a Claudio Tolomeo. Alla base di questa convinzione ci sono due manoscritti, quello di Vienna e quello di Venezia,[2] in cui risultano mappe con la didascalia:

(GRC)

« Ἐκ τῶν Κλαυδίου Πτολεμαίου Γεογραφικῶν βιβλίων ὄκτο τὴν οἰκουμένην πᾶσαν Ἀγαθοδαίμων Ἀλεξανδρεὺς ὑπετύπωσε »

(IT)

« Agatodemone di Alessandria delineò l'intero ecumene secondo gli 8 libri della Geografia di Claudio Tolomeo »

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c AGATODEMONE, treccani.it. URL consultato il 4 febbraio 2017.
  2. ^ a b c Nuova Enciclopedia Popolare ovvero Dizionario generale di scienze, lettere, arti, storia, geografia ecc..., p. 299.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori vari, Nuova enciclopedia popolare, ovvero Dizionario generale di scienze, lettere, arti, storia, geografia, ecc. ecc. opera compilata sulle migliori in tal genere, inglesi, tedesche e francesi coll'assistenza e col consiglio di scienzati e letterati italiani, 1847.