Agata Alma Cappiello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alma Cappiello
Agata Alma Cappiello.jpg

Senatrice della Repubblica Italiana
Legislature XI Legislatura
Gruppo
parlamentare
Socialista
Circoscrizione Lombardia
Collegio Milano V
Incarichi parlamentari
  • Componente della I COMMISSIONE (AFFARI COSTITUZIONALI)
  • Componente della II COMMISSIONE (GIUSTIZIA)
Sito istituzionale

Deputata della Repubblica Italiana
Legislature X Legislatura
Gruppo
parlamentare
Socialista
Collegio Milano
Incarichi parlamentari
  • Componente della GIUNTA PER LE AUTORIZZAZIONI A PROCEDERE
  • Componente della I COMMISSIONE (AFFARI COSTITUZIONALI)
  • Componente della II COMMISSIONE (GIUSTIZIA)
  • Componente della COMMISSIONE D'INDAGINE EX ARTICOLO 58 (On. De Rose)
  • Componente della COMMISSIONE PARLAMENTARE PER IL PARERE AL GOVERNO SULLE NORME DELEGATE RELATIVE AL NUOVO CODICE DI PROCEDURA PENALE
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Italiano
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione avvocata

Agata Alma Cappiello (Milano, 16 gennaio 1948Milano, 7 novembre 2006) è stata una politica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Milanese di origini partenopee, fu avvocata civilista, docente di diritto, consigliera comunale nella sua città, deputata socialista dal 1987 al 1992, senatrice dal 1992 al 1994.

Fu membro delle Commissioni Affari Costituzionali e Giustizia della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica, nonché della Commissione Bicamerale per le Riforme Istituzionali e della Commissione Vigilanza RAI; fu inoltre coordinatrice della Commissione Nazionale Parità presso la Presidenza del Consiglio dei ministri e vicepresidente del Comitato delle Pari Opportunità presso il Ministero del Lavoro. In materia di pari opportunità lavorò alla redazione della legge 10 aprile 1991, n. 125, riguardante l'accesso delle donne nel lavoro, e della legge 25 febbraio 1992, n. 215, meglio conosciuta come legge sull'imprenditoria femminile.

Responsabile femminile delle donne socialiste, nel 2005 aveva scelto di aderire alla politica dei DS.

Fra le sue attività anche quelle di pubblicista, come collaboratrice a quotidiani e riviste, e scrittrice.

Il suo impegno parlamentare è durato circa 10 anni; si occupò delle adozioni, dell'affido e della legge sui Pacs. Nel 1988 iniziò la sua battaglia per il riconoscimento delle coppie gay. Negli anni successivi a Tangentopoli è stata anche insegnante di diritto presso l'istituto tecnico industriale statale Feltrinelli di Milano.

Muore a Milano il 7 novembre 2006 dopo una lunga malattia ed è sepolta nel cimitero di Montemarcello, accanto al figlio Michelangelo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Agata Alma Cappiello, Marisa Del Bufalo, Elena Marinucci, Laura Remiddi, Maria Rita Saulle, Codice donna: norme interne e atti internazionali, Roma, Presidenza del Consiglio dei ministri, Dipartimento per l'informazione e l'editoria, 1985, 978-88-2400-108-4.
  • Agata Alma Cappiello, Donne e diritto: due secoli di legislazione, 1796-1986, Presidenza del consiglio dei ministri, Direzione generale delle informazioni dell'editioria e della proprietà letteraria artistica e scientifica, 1988.
  • Socialismo e movimento delle donne dall'800 al 900
  • Tina Lagostena Bassi, Agata Alma Cappiello, Giacomo F. Rech, Violenza sessuale: 20 anni per una legge, Istituto Poligrafico dello Stato, 1997.* Agata Alma Cappiello, Donne e diritto: due secoli di legislazione, 1796-1986, Presidenza del consiglio dei ministri, Direzione generale delle informazioni dell'editioria e della proprietà letteraria artistica e scientifica, 1988.
  • Lella Golfo, Agata Alma Cappiello, Censis Servizi, Associazione Culturale Buongiorno Primavera, Donne e lavoro nel Sud, 1991?.
  • Unione femminile nazionale, Società anonima cooperativa, Sede centrale, Milano; prefazione: Agata Alma Cappiello, I primi cinque anni di vita: 1900-1905, Imola, Galeati, 1992?.
  • Agata Alma Cappiello, intervista di Serena Cipolla, prefazione di Anna Finocchiaro, testimonianza di Elena Marinucci, considerazioni di Maria Rita Parsi, Infrangere Il Tetto Di Vetro: Quindici Anni Di Politica Per Le Donne, Koinè, 1999, 978-88-8750-902-1.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]