After.Life

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
After.Life
After.life.jpg
Una scena del film
Titolo originale After.Life
Paese di produzione USA
Anno 2009
Durata 104 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere thriller, orrore, drammatico
Regia Agnieszka Wójtowicz-Vosloo
Soggetto Agnieszka Wójtowicz-Vosloo, Paul Vosloo, Jakub Korolczuk
Sceneggiatura Agnieszka Wójtowicz-Vosloo, Paul Vosloo, Jakub Korolczuk
Produttore Bill Perkins, Brad Michael Gilbert, Celine Rattray
Casa di produzione Harbor Light Entertainment/Lleju Productions/Plum Pictures
Distribuzione (Italia) 01 Distribution
Fotografia Anastas N. Michos
Montaggio Niven Howie
Effetti speciali Andrew Mortelliti
Musiche Paul Haslinger
Scenografia Ford Wheeler
Costumi Luca Mosca
Trucco Nicki Ledermann
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Le altre persone non capiscono. Non vedono ciò che vediamo noi »

After.Life è un film del 2009 diretto da Agnieszka Wójtowicz-Vosloo.

La giovane cineasta polacca, alla sua opera prima, indaga, in forma di thriller psicologico, il sottile confine tra la vita e la morte, in una produzione statunitense che vede come protagonisti due volti noti del cinema contemporaneo: Christina Ricci e Liam Neeson.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Anna si precipita in macchina nella pioggia, dopo una lite furibonda col suo fidanzato, e si risveglia sul tavolo preparatorio per il suo funerale. Eliot, la persona che si occupa di prepararne il corpo, le spiega che, anche se a lei sembra di essere ancora viva, in realtà è nel limbo che precede la morte e che lui riesce a comunicare con lei tramite la sua capacità di parlare coi morti.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film, girato tutto nello stato di New York, sono terminate nel dicembre 2008.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto un'accoglienza poco entusiasta, sia da parte della critica che da parte del pubblico.[1] Nonostante l'insuccesso generale, la regista, alla sua opera prima, ha avuto apprezzamenti per il registro stilistico e le capacità tecniche dimostrate.[2]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ After.Life (2009), Rotten Tomatoes. URL consultato il 16 dicembre 2012.
  2. ^ (EN) Matthew Kaminski, Death Becomes Her, online.wsj.com, 8 aprile 2010. URL consultato il 16 dicembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema