Afareo (scrittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Afareo (in greco antico: Ἀφαρεύς, in latino: Aphareus; Atene, IV secolo a.C. – ...) è stato un oratore e poeta ateniese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del filosofo platonico Ippia, dopo la morte di suo padre sua madre Platane si risposò con Isocrate, che lo adottò e alla cui scuola fu cresciuto. Afereo scrisse discorsi giudiziari e deliberativi e compose a nome di Isocrate e pronunciò un'orazione giudiziaria contro Megaclide.

Secondo Plutarco Afareo scrisse 37 tragedie, ma la paternità di alcune di esse era dubbia. La sua attività di tragediografo iniziò nel 369 a.C. e continuò fino al 342 a.C. Ottenne due vittorie alle Dionisie e due alle Lenee. Delle sue opere tragiche non ci è tuttavia pervenuto alcun frammento e nemmeno un titolo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti secondarie
Controllo di autoritàVIAF (EN27455073 · ISNI (EN0000 0000 0500 7501 · GND (DE102380422 · CERL cnp00283443