Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Aeroporto di Pyongyang-Sunan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aeroporto di Pyongyang-Sunan
North Korea-Pyongyang-Sunan International Airport-02.jpg
Il Terminal 1 e la torre di controllo.
Codice IATA FNJ
Codice ICAO ZKPY
Descrizione
Tipo Civile
Proprietario Governo nordcoreano
Gestore Governo nordcoreano
Stato Corea del Nord Corea del Nord
Città Pyongyang
Posizione Sunan-guyŏk
Hub Air Koryo
Altitudine AMSL 36 m
Coordinate 39°13′26″N 125°40′12″E / 39.223889°N 125.67°E39.223889; 125.67Coordinate: 39°13′26″N 125°40′12″E / 39.223889°N 125.67°E39.223889; 125.67
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Corea del Nord
ZKPY
ZKPY
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
01/19 4000 m calcestruzzo
17/35 3500 m calcestruzzo
Pista chiusa

[1]

L'Aeroporto di Pyongyang-Sunan (편걍 수난 국제 공항?, P'yŏngyang Sunan Kukche KonghangLR),[2] citato anche come Aeroporto internazionale di Pyongyang Sunan (평양 순안 국제공항?, 平壤順安國際空港?, Pyeongyang Sunan Gukje GonghangLR), in inglese Pyongyang Sunan International Airport) (IATA: FNJICAO: ZKPY) è il principale aeroporto che serve la città di Pyongyang, capitale della Corea del Nord. Dista 24 km dal centro della città.

Dispone di due piste in calcestruzzo, dotate di ILS, la più lunga delle quali (01/19) è anche la più trafficata, ospitando tutti i voli internazionali; la seconda (17/35) è adibita ai voli da e per destinazioni interne. Le operazioni di volo si svolgono dalle ore 06:00 alle 22:00 in estate e dalle 07:00 alle 21:00 in inverno.

L'aeroporto è hub della compagnia aerea di bandiera nordcoreana Air Koryo. Fino al 2000, Aeroflot serviva la struttura con voli da Mosca e da Chabarovsk, poi entrambi cancellati. La China Southern Airlines organizza altresì voli charter da e per Pechino, dapprima solo in alta stagione, da novembre 2006 tutto l'anno. Nell'aprile 2008, Air China avviò a sua volta i collegamenti con Pechino 3 volte alla settimana. Korean Air ed Asiana Airlines effettuano altresì servizi charter da e per Seoul e Yangyang. Questi voli vengono sfruttati da cittadini coreani per visitare i loro parenti divisi dalla frontiera tra le due Coree.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Il primo aeroporto di Pyongyang si trovava a est del fiume Taedong, tuttavia l'avvento della seconda guerra mondiale rese evidente la necessità di un nuovo scalo maggiore, e così venne realizzato l'aeroporto di Sunan.

Durante la guerra di Corea, l'aeroporto venne occupato dalle forze delle Nazioni Unite per circa 7 settimane verso la fine del 1950, portando grandi quantità di ordigni bellici. Il 13 maggio 1953 l'aeroporto venne inondato quando l'US Air Force bombardò la diga di Toksan. Dopo la firma dell'armistizio, due mesi dopo, il governo nord coreano iniziò a ristrutturare e ampliare l'aeroporto.[3]

Sviluppo dagli anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000, la compagnia di bandiera russa Aeroflot cessò i collegamenti diretti da Mosca, e in seguito anche quelli da Khabarovsk.[4][5] China Southern Airlines offriva invece voli charter da Pechino, solamente durante l'alta stagione, ma anche essa nell'ottobre 2006 chiuse i collegamenti.[6] Nel marzo 2008 Air China ripropose tre collegamenti a settimana per Pechino.[7] Korean Air e Asiana Airlines mettono inoltre a disposizione voli charter verso l'Aeroporto Internazionale di Incheon, in Corea del Sud, voli riservati alle visite delle famiglie coreane divise dal confine.[4]

Modernizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2011 fu aperto il Terminal 2 dell'aeroporto, che andò ad affiancare il preesistente Terminal 1. La struttura della nuova aerostazione, in vetro e acciaio, segna un notevole stacco con l'austero stile sovietico del Terminal 1 che nel 2012 è stato sottoposto a ristrutturazione.[8] Venne realizzata una nuova torre di controllo e un terminal VIP a nord di quello principale.[9] Il progetto fu parte di una "campagna velocità" che coinvolse migliaia di lavoratori al fine di realizzare, in tempi record, il nuovo terminal. La maggior parte delle costruzioni venne realizzata a mano con semplici utensili e macchinari.[10]

Kim Jong-un ispezionò più volte il cantiere e nel novembre 2014 si lamentò del design di alcune parti del terminal che fece demolire e ricostruire. Nel maggio 2015 alcune notizie trapelate e riportate da alcune agenzie di stampa, parlano dell'esecuzione, per suo ordine, del progettista esecutivo Ma Won Chun, come parte del programma delle purghe governative.[11][12][13]

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Mappa dell'aeroporto.

L'aeroporto è dotato di parcheggio, duty-free shop, sale per passeggeri di prima classe, deposito bagagli, fermate di taxi e sportelli bancari. L'Air Koryo garantisce un collegamento autobus diretto tra l'aeroporto e Pyongyang centro. I negozi aprono tra le ore 9:00 e le 10:00 e chiudono verso le 18:00.

L'aeroporto può gestire e rifornire quattro aerei contemporaneamente, ed accoglierne in totale fino a 21. Vi è anche una zona di manutenzione per aeromobili, costituita da due hangar.

Compagnie aeree e destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

Voli di linea[modifica | modifica wikitesto]

Compagnia aerea Destinazioni
Air China Pechino-Capitale
Air Koryo Chongjin, Hamhung, Kaesŏng, Kanggye, Kilju, Pechino-Capitale, Shanghai-Pudong, Shenyang Taoxian, Sinŭiju, Vladivostok, Wonsan

Charter[modifica | modifica wikitesto]

Compagnia aerea Destinazioni
China Southern Airlines Shenyang Taoxian
Air Koryo Bangkok-Suvarnabhumi, Macao, Mosca-Šeremet'evo
Mandarin Airlines Taipei-Taoyuan


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A-Z World Airports Online - North Korea airports - P´yongyang-Sunan Airport (FNJ/ZKPY).
  2. ^ (EN) ECCAIRS 4.2.8 Data Definition Standard (PDF), su ICAO, http://www.icao.int/Pages/default.aspx, 17 settembre 2010. URL consultato il 10 febbraio 2013.
  3. ^ Corfield, Justin (2014). Historical Dictionary of Pyongyang. London, UK and New York, NY: Anthem Press. p.198.
  4. ^ a b Willoughby, Robert (2014). North Korea: The Bradt Travel Guide. Guilford, CT: The Globe Pequot Press Inc. Archived online at Google Books.
  5. ^ "1985/86: AEROFLOT Network". Airline Route. 2 March 2011. Retrieved 29 December 2015.
  6. ^ "China Southern to Halt Pyongyang Flights". The Chosun Ilbo via China Aviation Daily. 19 October 2006. Retrieved 29 December 2015.
  7. ^ Rabinovitch, Simon (31 March 2008). "Air China launches flights to North Korea". Reuters. Retrieved 29 December 2015.
  8. ^ CNN's Exclusive Look Inside North Korea's Brand New Airport Terminal in haaretz.com, 7 luglio 2015.
  9. ^ "North Korea to open new terminal at Pyongyang Sunan International Airport". Airport Technology. 26 June 2015. Retrieved 29 December 2015.
  10. ^ "North Korea enlists thousands of workers to finish new airport". Associated Press via The Guardian. 22 October 2014. Retrieved 29 December 2015.
  11. ^ "10 things to know about North Korea's new airport terminal"
  12. ^ Ware, Jessica (29 June 2015). "Kim Jong-un shows off airport designed by architect he likely had executed ". The Independent. Retrieved 29 December 2015.
  13. ^ Jones, Charlie (1 July 2015). Inside North Korea's new airport – in pictures. The Guardian. Retrieved 29 December 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]