Aeroporto di Cartagena-Rafael Núñez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aeroporto di Cartagena-Rafael Núñez
77 - Carthagène - Décembre 2008.JPG
Codice IATACTG
Codice ICAOSKCG
Nome commercialeAeropuerto Internacional Rafael Núñez
Descrizione
Tipocivile e militare
ProprietarioAerocivil
GestoreSociedad Aeroportuaria de la Costa S.A. (SACSA)
StatoColombia Colombia
DipartimentoBolívar Bolívar
CittàCartagena de Indias
Altitudinem s.l.m.
Coordinate10°26′31.35″N 75°30′46″W / 10.442042°N 75.512778°W10.442042; -75.512778Coordinate: 10°26′31.35″N 75°30′46″W / 10.442042°N 75.512778°W10.442042; -75.512778
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Colombia
SKCG
SKCG
Sito web
Piste
Orientamento (QFU)LunghezzaSuperficie
01/192 540 × 45 masfalto
MIRL, PAPI
Statistiche (2013)
Passeggeri in transito3 346 766
i dati sono estratti da AIP Colombia[1]
verificato l'11 maggio 2015

L'Aeroporto di Cartagena-Rafael Núñez (IATA: CTGICAO: SKCG), noto con il nome commerciale di Aeropuerto Internacional Rafael Núñez, è un aeroporto colombiano situato a circa 1 km dal centro della città di Cartagena de Indias, Capitale del Dipartimento di Bolívar.

La struttura, intitolata alla memoria del presidente colombiano Rafael Núñez (1825 – 1894), è dotata di un'unica pista con superficie in asfalto lunga 2 540 × 45 m (8 333 per 148 ft) posta all'altitudine di 2 m (7 ft) sul livello del mare e con orientamento 01/19, equipaggiata con impianto di illuminazione a media intensità (MIRL) e di sistema di assistenza all'atterraggio PAPI.

L'aeroporto, di proprietà della Aerocivil e gestito dalla Sociedad aeroportuaria de la Costa (SACSA), è di tipologia mista, civile e militare, ed effettua attività secondo le regole VFR e IFR, su tutte le 24 ore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) SKCG - CARTAGENA Rafael Núñez (PDF), in Unidad Administrativa Especial de Aeronáutica Civil (UAEAC), http://www.aerocivil.gov.co/Paginas/default.aspx, 16 ottobre 2014. URL consultato l'11 maggio 1015 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2015).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]