Aeroporto Internazionale di Kabul

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aeroporto Internazionale di Kabul
Kabul International Airport in 2008.jpg
l'aeroporto nel 2008
Codice IATAKBL
Codice ICAOOAKB
Nome commerciale(PS) دکابل نړیوال هوایی ډګر
(FA) میدان هوایی بین المللی کابل
Descrizione
TipoCivile
Militare
GestoreMinistero dei Trasporti e dell'Aviazione Civile
StatoAfghanistan Afghanistan
CittàKabul
HubAriana Afghan Airlines
Costruzione1960
UtilizzatoreGrecia Polemikì Aeroporìa
Altitudine AMSL1 789 m
Coordinate34°33′56″N 69°12′39″E / 34.565556°N 69.210833°E34.565556; 69.210833Coordinate: 34°33′56″N 69°12′39″E / 34.565556°N 69.210833°E34.565556; 69.210833
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Afghanistan
OAKB
OAKB
Sito web
Piste
Orientamento (QFU)LunghezzaSuperficie
11/292.500 mMarciapiede

L'Aeroporto Internazionale di Kabul (IATA: KBL, ICAO: OAKB) è un aeroporto afghano che serve la città di Kabul; chiamato anche Aeroporto Khawaja Rawash, è situato a 16 km dal centro cittadino.

È l'hub della compagnia aerea Ariana Afghan Airlines.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Costruito nei primi anni sessanta, passò molto tempo prima che il governo afghano si decise a modernizzarlo. Durante la Guerra in Afghanistan tenutasi tra il 1979 e il 1989, l'aeroporto fu sotto il controllo dell'Armata Rossa. Ritirati i sovietici, l'aeroporto riprese il controllo statale sino al 2001, quando iniziò la Guerra dell'Afghanistan ancora in corso, guidata dagli Stati Uniti.

Inizialmente, l'Aeroporto di Kabul, era destinato solo alla United States Armed Forces e all'ISAF, un'organizzazione a scopo di pace che fa capo all'ONU. All'inizio del 2002 è stato rilasciato il permesso di operare alle compagnie aeree civili.[1] Dal 23 aprile 2006 vi ha operato il 21º Gruppo. Attualmente l'aeroporto è utilizzato dalla Polemikì Aeroporìa, la forza aerea greca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]