Aerautodromo di Modena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'attuale circuito sportivo di Marzaglia, vedi Autodromo di Modena.
Aerautodromo di Modena
Tracciato di Aerautodromo di Modena
Localizzazione
Stato Italia Italia
Località Modena
Caratteristiche
Lunghezza 3.800 m
Curve 9
circuito esterno: 2,306 m
Curve: 7
Inaugurazione 1950
Categorie
Formula 2
Formula 1
Gran Premio di motociclismo
Mappa di localizzazione

Coordinate: 44°39′01″N 10°54′21″E / 44.650278°N 10.905833°E44.650278; 10.905833

L'aerautodromo di Modena era un impianto sportivo che si trovava a Modena lungo la via Emilia. In esso erano contemporaneamente sia le strutture tipiche di un aeroporto (pista in cemento, torre di controllo, aviorimesse) che quelle di un autodromo (direzione gara, box, tribune), da qui la particolare denominazione. Sull'area su cui sorgeva l'impianto, in principio periferica ma ormai inglobata dal tessuto urbano della città, sorge oggi il parco Enzo Ferrari (che ha completamente cancellato il tracciato della pista)[1][2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Aerautodromo di Modena tra il 1948 e il 1950

Costruito nel 1949 e inaugurato il 7 maggio 1950 con il Gran Premio di Modena riservato a vetture di Formula 2 vinto da Alberto Ascari[3], l'impianto fu attivo principalmente negli anni cinquanta e sessanta, venendo utilizzato come aeroporto, circuito per gare di auto e moto, scuola di pilotaggio (Piero Taruffi vi dirigeva i corsi della Scuderia Centro Sud, che aveva la sua sede di fronte all'Aerautodromo[4]) e pista per i collaudi delle case costruttrici della zona, soffrendo quindi di problemi di convivenza tra le varie esigenze[5], tanto che all'inizio degli anni settanta la Scuderia Ferrari, che vi collaudava le proprie auto da competizione, viste le sempre maggiori limitazioni all'uso dell'impianto decise la realizzazione della propria pista di collaudo, il circuito di Fiorano, inaugurato nel 1972 su un'area adiacente allo stabilimento di Maranello[2]. Durante la sua attività l'impianto ha anche ospitato ventidue edizioni del Gran Premio Motociclistico di Modena[5], solitamente valido per il Campionato Italiano e la Temporada Romagnola. Questo Gran Premio spesso assumeva una notevole rilevanza poiché, disputandosi in marzo, era il primo evento dopo la lunga pausa invernale, attirando l'interesse di Case e piloti.[6]

Il tracciato[modifica | modifica wikitesto]

Il circuito era concepito in due diverse varianti, quello Perimetrale, lunga circa 2,3 km e quello Completo, che adoperava anche la pista di decollo ed era lungo circa 3,8 km: la larghezza era 8-10 metri lungo il Perimetrale e di 30 metri (divisi in due corsie) lungo la pista di decollo[7].

Concorrenti del Gran Premio di Modena del 1950 all'uscita della Variante Stanguellini

La linea di partenza si trovava sul lato lungo occidentale del terreno ove sorgeva l'impianto, a poca distanza dall'ultima curva, posta a nord di essa: il tracciato si dirigeva verso sud-ovest in linea retta per qualche centinaio di metri passando davanti alle tribune principali, fino a raggiungere la Variante Stanguellini, una chicane che precedeva una secca curva verso sinistra a 90°, posta a ridosso della tribunetta privata riservata ai soci del "Circolo della Biella" addossata al muro di recinzione meridionale[7].
Da qui la pista imboccava un breve rettilineo seguito da un ampio curvone a sinistra di 250 metri di raggio la quale attraversava il piazzale sud della pista di decollo per poi immettere i concorrenti su un rettifilo (parallelo e opposto a quello di partenza) lungo oltre mezzo chilometro, il quale terminava con un'altra secca curva a gomito di soli 15 metri di raggio, che imponeva una brusca frenata per poter imboccare il successivo tratto parallelo alla via Emilia e che conduceva al piazzale nord della pista[7].
In questo piazzale il circuito Perimetrale aveva l'ultima curva a gomito, che riportava sul rettilineo di partenza, mentre quando si usava il circuito Completo i piloti proseguivano verso sud lungo la pista di decollo che, suddivisa in due corsie da una fila di balle di paglia, veniva percorsa per quasi tutta la sua lunghezza in un "andata e ritorno" che riportava i concorrenti al piazzale nord, dove si avviavano verso il traguardo con una curva di quasi 180° dal raggio di 15 metri[7].

Parco pubblico Enzo Ferrari[modifica | modifica wikitesto]

Comizio di Enrico Berlinguer nel 1977 nel futuro parco Ferrari

Nel 1979 nasce l'idea di realizzare un grande parco pubblico di 110 ettari, progettato l'anno successivo da Leonardo Benevolo e dall'architetto paesaggista inglese Geoffrey Jellicoe.

Nel 1991 l'area dell'ex aerautodromo, avente una superficie di 40,62 ettari, viene trasformata in parco cittadino ed intitolato alla memoria di Enzo Ferrari.

Il parco viene poi ristrutturato negli anni 1998 e 1999.

All'interno del parco sono presenti un laghetto artificiale di 10.664 m2 popolato di pesci e tartarughe, una zona boscata con oltre 3.600 alberi, cinque aree di gioco per bambini (di cui una a tema spaziale), un campo da calcio e un campo da pallavolo, un anfiteatro naturale realizzato su una delle colline, 180 panchine, aree attrezzate con tavoli, panche e barbecue, un percorso vita, servizi igienici, un'area di sgambatura per cani, un parcheggio scambiatore con messa a disposizione di biciclette pubbliche gratuite. La restante parte di 334.440 m2 è adibita a prato, dove soprattutto nella stagione estiva vengono organizzati spettacoli ed eventi culturali.

Nell'angolo nord-est del parco (vicino all'incrocio della via Emilia con viale Italia) è presente un monumento alto 6,70 metri dedicato ad Enzo Ferrari e realizzato nel 1998 dallo scultore Marino Quartieri (1917-2002) su commissione di Piero Ferrari, figlio del Drake. Inizialmente l'opera, affettuosamente ribattezzata dai modenesi al muzgòn (torsolo di mela) per la sua forma, venne collocata davanti alla casa di Enzo Ferrari posta in largo Giuseppe Garibaldi; successivamente la scultura venne spostata nell'estate 2005 nell'attuale collocazione.[8]

Eventi di massa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1977 ospitò la festa nazionale de l'Unità, mentre per il 1º luglio 2017 è stato organizzato il concerto Modena Park 2017 di Vasco Rossi, entrato nel guinness dei primati per aver il maggior pubblico pagante per un artista singolo nel mondo (225.000 circa spettatori)[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. Fossati, Aerautodromo di Modena: Descrizione dell'impianto sportivo, www.modelfoxbrianza.it, 20 maggio 2004. URL consultato il 16 gennaio 2012.
  2. ^ a b Guido De Carli, MODENA, AERAUTODROMO, www.gdecarli.it. URL consultato il 15 gennaio 2012.
  3. ^ G. Fossati, Il progetto dell'Aerautodromo di Modena, www.modelfoxbrianza.it, 20 maggio 2004. URL consultato il 16 gennaio 2012.
  4. ^ Nunzia Manicardi, Scuderie storiche: Centro-Sud, www.motorvalley.it. URL consultato il 17 gennaio 2012.
  5. ^ a b Autodromo di Modena - Storia e futuro, www.autodromodimodena.it. URL consultato il 6 giugno 2015.
  6. ^ Massimo Falcioni, Mototemporada, quando il 19 marzo “apriva” la stagione Made in Italy, Blogo.it, 19 marzo 2015. URL consultato il 6 giugno 2015.
  7. ^ a b c d G. Fossati, Diorama dell'Aerautodromo di Modena (1949-1955), www.modelfoxbrianza.it, 20 maggio 2004. URL consultato il 16 gennaio 2012.
  8. ^ Si sposta il monumento ad Enzo Ferrari, Comune di Modena, 22 luglio 2005.
  9. ^ SIAE: L’EVENTO DI VASCO UN GRANDE SUCCESSO CONTRO IL SECONDARY TICKETING | Società Italiana degli Autori ed Editori, su www.siae.it. URL consultato il 18 ottobre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]