Adularia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adularia
AdulaireSuisse2.jpg
Classificazione Strunz VII
Formula chimica K AlSi3 O8
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino  
Sistema cristallino monoclino
Parametri di cella  
Gruppo puntuale  
Gruppo spaziale  
Proprietà fisiche
Densità 2,55 - 2,83 g/cm³
Durezza (Mohs) 6
Sfaldatura  
Frattura superfici piatte e irregolari in pattern irregolari
Colore incolore, verdolino, giallastro, bianco, rosa
Lucentezza vitrea
Opacità da trasparente a translucida
Striscio bianco
Diffusione raro
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

L'adularia è un minerale della sottoclasse dei tettosilicati appartenente al gruppo dei feldspati, varietà ortoclasio e costituita da cristalli romboidali di colore verdolino a causa delle inclusioni di clorite. Si tratta di un silicato di potassio che può cristallizzare in altri due tipi di minerali a seconda delle condizioni di pressione e temperatura: il microclino ed il sanidino. È una varietà di ortoclasio, detto anche ortose, nome ancora oggi utilizzato e che deriva dal greco orthos=dritto, a causa della propria sfaldabilità lungo le direzioni del prisma.

Molte volte viene venduta come adularia (o Pietra di Luna), la labradorite bianca che è rassomigliante, ma non è lo stesso minerale, un metodo per riconoscerla, è anche il prezzo, la vera adularia si prezza al carato, essendo molto costosa, mentre la labradorite bianca essendo meno pregiata costa molto poco.

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

Si forma nelle vene idrotermali e nelle litoclasi di tipo alpino. Nella zona di Karlsbad si rinvenivano molti ortoclasi geminati che avevano una particolare geminazione, dove i cristalli si sviluppano l'uno a lato dell'altro e si compenetrano, questa geminazione prese il nome geminazione di tipo Karlsbad. La varietà di ortoclasio detta Adularia, deve invece il proprio nome al Monte Adula (nelle Alpi Svizzere- Canton Ticino) dove si rinviene nelle fessure delle rocce alpine.

Esempio di Adularia (Pietra di Luna) tagliata in forma di cabochon
Labradorite bianca

Usi[modifica | modifica wikitesto]

L'ortoclasio riveste importanza nell'industria delle porcellane, cristalli gialli molto belli vengono tagliati per fini gemmologici così come l'Adularia; i cristalli più belli e più grandi finiscono nelle più importanti collezioni mineralogiche. L'ortoclasio nella varietà Adularia è detta più comunemente pietra di luna o lunaria a causa del fenomeno ottico dell'adularescenza (lampi di colore azzurrastro che ricordano i bagliori della luna) fenomeno che a volte è accompagnato dal fenomeno ottico del gatteggiamento ed è molto utilizzata in gioielleria, solitamente tagliata a cabochon.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia