Adriano Bernardini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adriano Bernardini
arcivescovo della Chiesa cattolica
Adriano Bernardini.jpg
Coat of arms of Adriano Bernardini.svg
Titolo Faleri
(titolo personale di arcivescovo)
Incarichi attuali Nunzio apostolico in Italia
e nella Repubblica di San Marino
Nato 13 agosto 1942 (72 anni) a Piandimeleto
Ordinato presbitero 31 marzo 1968 dal cardinale Egidio Vagnozzi
Nominato arcivescovo 20 agosto 1992 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato arcivescovo 15 novembre 1992 dal cardinale Angelo Sodano

Adriano Bernardini (Piandimeleto, 13 agosto 1942) è un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Nasce in provincia di Pesaro e Urbino e riceve l'ordinazione presbiterale, il 31 marzo 1968, dal cardinale Egidio Vagnozzi, presidente della Prefettura degli Affari Economici della Santa Sede, per la diocesi di Roma. Frequenta la Pontificia Accademia Ecclesiastica ed entra nel servizio diplomatico della Santa Sede.

Carriera diplomatica[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 agosto 1992 papa Giovanni Paolo II lo eleva ad arcivescovo titolare di Faleri e lo nomina nunzio apostolico in Bangladesh. Riceve la consacrazione episcopale nella cappella del Pontificio Seminario Romano Maggiore il 15 novembre 1992 dal cardinale segretario di Stato Angelo Sodano, co-consacranti Josip Uhač, arcivescovo titolare di Tharros e segretario della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli, e Remigio Ragonesi, arcivescovo titolare di Ferento e vicegerente di Roma.

Il 15 giugno 1996 è trasferito come nunzio apostolico in Madagascar, Mauritius e Seychelles. Il 24 luglio 1999 è nominato nunzio apostolico in Thailandia, Singapore e Cambogia nonché delegato apostolico per Birmania, Malesia, Laos e Brunei. Il 26 aprile 2003 Giovanni Paolo II lo nomina nunzio apostolico in Argentina. Il 15 novembre 2011 papa Benedetto XVI lo nomina nunzio apostolico in Italia e nella Repubblica di San Marino.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Incaricato d'affari in Cina Successore Emblem Holy See.svg
Piero Biggio 22 gennaio 1988 - 20 agosto 1992 Juliusz Janusz
Predecessore Vescovo titolare di Faleri
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Orazio Semeraro dal 20 agosto 1992 in carica
Predecessore Nunzio apostolico in Bangladesh Successore Emblem Holy See.svg
Piero Biggio
(Pro-nunzio apostolico)
20 agosto 1992 - 15 giugno 1996 Edward Joseph Adams
Predecessore Nunzio apostolico in Madagascar, Mauritius e nelle Seychelles Successore Emblem Holy See.svg
Blasco Francisco Collaço
(Pro-nunzio apostolico)
15 giugno 1996 - 24 luglio 1999 Bruno Musarò
Predecessore Nunzio apostolico in Thailandia, Singapore e Cambogia Successore Emblem Holy See.svg
Luigi Bressan 24 luglio 1999 - 26 aprile 2003 Salvatore Pennacchio
Predecessore Delegato apostolico per il Brunei Successore Emblem Holy See.svg
Renato Raffaele Martino 24 luglio 1999 - 26 aprile 2003 Salvatore Pennacchio
Predecessore Delegato apostolico in Birmania, Malesia e Laos Successore Emblem Holy See.svg
Luigi Bressan 24 luglio 1999 - 26 aprile 2003 Salvatore Pennacchio
Predecessore Nunzio apostolico in Argentina Successore Emblem Holy See.svg
Santos Abril y Castelló 26 aprile 2003 - 15 novembre 2011 Emil Paul Tscherrig
Predecessore Nunzio apostolico in Italia
e nella Repubblica di San Marino
Successore Emblem Holy See.svg
Giuseppe Bertello dal 15 novembre 2011 in carica