Adriana Destro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Adriana Destro (Verona, 18 giugno 1937) è un'antropologa italiana, specializzata in antropologia culturale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È professoressa ordinaria di antropologia culturale all'Università di Bologna, Facoltà di Lettere e Filosofia (dal 1990 al 2010). In precedenza aveva insegnato nelle università di Trieste, Sassari e Ravenna.

Ha prodotto pubblicazioni nel campo dell'antropologia del vicino Medio-Oriente, dell'antropologia delle comunità e dei villaggi, dell'antropologia delle religioni, soprattutto del giudaismo antico e del cristianesimo nascente. La sua carriera inizia con una laurea in economia, di carattere antropologico dedicata alle popolazioni zande, a cui segue una serie di ricerche antropologiche sul campo in Palestina, Israele, Italia del Nord, Turchia e Messico. Fondamentale la sua ricerca sui villaggi palestinesi nei territori occupati dagli israeliani dopo il 1966.[1] Un modello di ricerca sui villaggi è anche il suo lavoro su una comunità montana piemontese minacciata dalla creazione di un invaso artificiale.[2] Un contributo teorico importante è la sua concezione antropologica dei diversi livelli dei testi religiosi.[3] Il contributo di Destro alla disciplina è dato anche dall'avere indicato la necessità di applicare l'analisi antropologica alle religioni monoteiste come Cristianesino, Ebraismo e Islam. Al giudaismo e ai testi base della Bibbia e della Mishnah è dedicato il suo libro The Law of Jealousy. Anthropology of Sotah (1989).[4] Una serie di suoi libri hanno fortemente innovato gli studi sulla nascita del cristianesimo: Antropologia delle origini cristiane;[5] Come nasce una religione (2000); Forme culturali del cristianesimo nascente (2005); L'uomo Gesù (2008), La morte di Gesù (2014), Il racconto e la scrittura (2014). A partire dal 2000 ha creato per la prima volta a Bologna corsi di studio in Antropologia Culturale: la Laurea triennale in studi etnologici e antropologici, la Laurea specialistica in Antropologica culturale e il dottorato in studi antropologici.[6] È membro della Society of Biblical Literature, del comitato direttivo della rivista "Annali di Storia dell'Esegesi", del comitato direttivo degli Annulal Meetings di Bertinoro e del comitato direttivo del CISSR.

Ha un figlio, l'attore Stefano Pesce, e una femmina, Sara.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • "Villaggio Palestinese. Mutamento sociale in territorio occupato da Israele". Milano, Angeli 1977.
  • "Incroci di potere. Materiali di Antropologia Politica". Bologna, CUSL 1984 e 1988.
  • "L'ultima generazione. Confini materiali e simbolici di una comunità delle Alpi Marittime". Milano, Angeli 1984.
  • "In caso di gelosia. Antropologia del rituale di Sotah". Bologna, Il Mulino 1989. Traduzione americana: "The Law of Jealousy. Anthropology of Sotah". Atlanta (Georgia), Scholars Press 1989 (traduzione di n.4).
  • "Culture e Scritture". Bologna, Printer 1991 (seconda ed. rivista e ampliata 1993).
  • "Le politiche del corpo" (a cura di). Bologna, Pàtron 1994.
  • "Le vie dell'antropologia". Bologna, Pàtron 1996 e 1998.
  • "Donne e microcosmi culturali. Materiali etnografici italiani" (a cura di Adriana Destro). Bologna, Pàtron 1997.
  • "La famiglia islamica" (a cura di Adriana Destro). Bologna, Pàtron 1998.
  • A.Destro, M.Pesce (Eds.), "Religions and Cultures", New York, Global Publications, 2000.
  • "Complessità dei mondi culturali". Bologna, Pàtron 2001 (seconda ed. 2003).
  • "Antropologia dei sistemi religiosi". Bologna, Pàtron 2002.
  • "Antropologia dello spazio. Luoghi e riti dei vivi e dei morti" (a cura di Adriana Destro). Bologna, Pàtron 2002.
  • "Territori dell'antropologia. Memorie, testi, corpi", a cura di A. Destro, Bologna Patron, 2004.
  • A.Destro - M. Pesce (Eds.), "Ritual and Ethics. Patterns of Repentance: Judaism, Christianity, Islam. Second International Conference of Mediterraneum", Paris-Leuven, Peeters, 2004.
  • "Antropologia e Religioni". Brescia. Morcelliana. 2005. Seconda edizione 2009.
  • "Antropologia dei flussi globali". A cura di Adriana Destro, Roma, Carocci, 2007.
  • "Come nasce una religione" (con Mauro Pesce), Bari-Roma, Laterza, 2000
  • "Antropologia delle origini cristiane", (con Mauro Pesce), Bari-Roma, Laterza, 2008
  • "Forme culturali del cristianesimo nascente", (con Mauro Pesce), Brescia, Morcelliana, 2008
  • "L'uomo Gesù. Giorni, luoghi, incontri di una vita", (con Mauro Pesce), Milano, Mondadori, 2008.
  • "I Volti della Turchia. Come cambia un paese antico",Roma, Carocci, 2012.
  • "Rappresentare. Questioni di Antropologia, cinema e narrativa", a cura di Adriana Destro, Bologna CUEB, 2012.
  • "Encounters with Jesus. The Man in His Place and Time" (con Mauro Pesce),Minneapolis, Fortress Press, 2012.
  • "La morte di Gesù. Indagine su un mistero" (con Mauro Pesce), Milano, Rizzoli, 2014.
  • "Il racconto e la scrittura. Introduzione alla lettura dei vangeli" (con Mauro Pesce), Roma, Carocci, 2014.
  • "La muerte de Jesús. Investigación de un misterio" (con Mauro Pesce), Estrella, EDV, 2015.
  • Le recit et l'écriture. Introduction à la lectures des évanglies (con Mauro Pesce), Génève, Labor et Fides, 2016.
  • Dentro e fuori le case. Il ruolo delle donne da Gesù alle prime chiese (con Mauro Pesce), Bologna, EDB, 2016.
  • From Jesus to the First Groups of His Followers. Anthropological and Historical Perspectives (con Mauro Pesce), Leiden, Brill, 2017.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Villaggio palestinese, Milano, Franco Angeli, 1977.
  2. ^ L'ultima generazione, Milano, Franco Angeli, 1984.
  3. ^ “An Anthropology of Early Christian Texts”, in A.Destro and M.Pesce (Eds.), Religions and Cultures, New York, Global Publications 2002, 1-26.
  4. ^ Atlanta, Scholars Press, 1989. Tradotto dall'italiano In caso di gelosia, Bologna, Il Mulino, 1989.
  5. ^ Bari-Roma, Laterza 1995, Quarta edizione 2008.
  6. ^ Carla Giovannini, Storia della Facoltà di Lettere e Filosofia di Bologna, Bologna, Bononia University Press, 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN59099791 · ISNI: (EN0000 0000 6156 6500 · SBN: IT\ICCU\CFIV\049280 · LCCN: (ENn78025631 · GND: (DE1037014774 · BNF: (FRcb120371617 (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie