Adriaan de Groot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adriaan de Groot

Adriaan de Groot, anche Adrianus Dingeman (Santpoort, 26 ottobre 1914Schiermonnikoog, 14 agosto 2006), è stato uno scacchista e psicologo olandese.

È stato famoso per i suoi esperimenti sulle menti dei campioni di scacchi negli anni 1940-60. Nel 1946 scrisse la sua tesi Het denken van den schaker,[1] che nel 1965 fu tradotta in inglese e pubblicata con il titolo Thought and choice in chess (Pensiero e scelta negli scacchi). De Groot giocò per l'Olanda nelle Chess Olympiads del 1937 e del 1939.[2] Nel 1973 divenne membro della Royal Netherlands Academy of Arts and Sciences.[3]

Studio sui giocatori di scacchi[modifica | modifica wikitesto]

Lo studio coinvolse giocatori di tutti i livelli, da principianti a campioni. De Groot analizzò i processi mentali e i meccanismi cognitivi che entrano in gioco quando si deve giocare una mossa. Ai partecipanti agli esperimenti era richiesto di risolvere un problema di scacchi sotto la supervisione di un ricercatore e di esprimere oralmente i processi mentali in modo da poterli registrare.

De Groot scoprì che la maggior parte degli elementi importanti per decidere quale mossa giocare si delineano durante i primi secondi di esposizione ad una nuova posizione. Egli identificò quattro stadi decisionali. Nel primo stadio, detto di orientamento, il soggetto valuta la posizione e determina un'idea molto generale di cosa fare successivamente. Nel secondo stadio, detto di esplorazione, il soggetto analizza alcuni rami dell'albero di gioco. Nel terzo stadio, o fase investigativa, il soggetto sceglie la mossa probabilmente migliore. Infine nel quarto stadio, la cosiddetta fase di verifica, il soggetto conferma o meno che i risultati della fase investigativa siano corretti.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Thought and choice in chess (1965).
  • Saint Nicholas, A psychoanalytic study of his history and myth (1965).
  • Methodology. Foundations of inference and research in the behavioral sciences (1969).
  • Perception and memory in chess: Heuristics of the professional eye (1996; con Fernand Gobet e Riekent Jongman).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Adriaan de Groot at the Mathematics Genealogy Project
  2. ^ Wojciech Bartelski, Men's Chess Olympiads: Adriaan de Groot, OlimpBase. URL consultato il 18 dicembre 2009.
  3. ^ Adriaan Dingeman de Groot (1914 - 2006), Royal Netherlands Academy of Arts and Sciences. URL consultato il 27 luglio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79051703 · ISNI (EN0000 0001 1677 9723 · LCCN (ENn79018844 · GND (DE137181655 · BNF (FRcb12053861m (data)