Adolf Friedrich Karl Streckfuss

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Adolf Friedrich Karl Streckfuss

Adolf Friedrich Karl Streckfuss (Gera, 20 settembre 1778Berlino, 26 luglio 1844) è stato un poeta e traduttore tedesco, conosciuto per aver riportato in auge Dante Alighieri in Germania, insieme a Karl Ludwig Kannegiesser, e per averne tradotto il capolavoro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Gera, in Turingia, nel 1778, Adolf Friedrich Karl Streckfuss manifestò interesse verso la poesia dello Sturm und Drang e del più maturo romanticismo nazionale, scrivendo liriche e romanzi sui modelli allora in voga (Clementine Wallner, 1811[1]) e mantenendo contatti epistolari con Johann Wolfang von Goethe[2]. Nonostante avesse intrapreso la carriera amministrativa nel Regno di Prussia, Streckfuss continuò a dedicarsi ai suoi interessi letterari e alla traduzione di varie opere italiane in lingua tedesca[3], tra cui: l'Orlando Furioso di Ariosto (Der rasende Roland, 1818-20), la Gerusalemme Liberata di Tasso (Das befreite Jerusalem, 1822), la Divina Commedia di Dante (Die göttliche Komödie, 1824-26), l'Adelchi di Manzoni (1827)[4] ed, infine, la Francesca da Rimini di Silvio Pellico (1835)[1]. Grazie alla sua traduzione della Commedia dantesca, per quanto fosse sciatta e ampiamente critica da Witte nei decenni successivi[5], Streckfuss ne permise la diffusione in Germania facendola conoscere presso la platea romantica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Elwert.
  2. ^ Gabetti.
  3. ^ Streckfuss aveva appreso l'italiano a Trieste tra il 1801 e il 1803 (Elwert e Gabetti)
  4. ^ Gabetti e Streckfuss
  5. ^ Elwert e Gabetti

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Gabetti, STRECKFUSS, Adolf Friedrich Karl, in [[ Enciclopedia Italiana]], Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1936. URL consultato il 13 agosto 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN17996548 · ISNI (EN0000 0001 0957 3567 · SBN RAVV071549 · BAV 495/197966 · CERL cnp00906279 · LCCN (ENn85152556 · GND (DE117313165 · J9U (ENHE987007268535305171 · CONOR.SI (SL30160739 · WorldCat Identities (ENlccn-n85152556