Adelchi (Carmelo Bene)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Adelchi
Opera teatrale
Carmelo Bene Adelchi.png
AutoreCarmelo Bene
Titolo originaleAdelchi
Lingua originaleItaliano
Genere[1]
Composto nel1984
Prima assoluta23 febbraio 1984
Teatro Lirico, Milano
Personaggi
 

L'Adelchi è uno spettacolo teatrale del 1984, riedito nel 1997, diretto e interpretato[2] da Carmelo Bene, tratto dall'omonima tragedia di Alessandro Manzoni.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Teatro:

  • 1984 - L'Adelchi di Alessandro Manzoni (in forma di concerto), uno studio di Carmelo Bene e Giuseppe Di Leva. Nel bicentenario della nascita di Alessandro Manzoni. Con Anna Perino. Musiche di Gaetano Giani Luporini. Direttore d'orchestra: E. Collina. Orchestra e coro della RAI di Milano. Percussioni dal vivo: Antonio Striano. Milano, Teatro Lirico (23 febbraio 1984).
  • 1997 - Adelchi di Manzoni, spettacolo in forma di concerto (II edizione). In memoria di Antonio Striano. Con Elisabetta Pozzi. Musiche di Gaetano Giani Luporini. Costumi: L. Viglietti. Roma, Teatro Quirino (8 ottobre 1997).

Televisione:

  • 1984 – L'Adelchi di Alessandro Manzoni (in forma di concerto); da uno studio di C. B. e Giuseppe Di Leva L'Adelchi o la volgarità del politico; regia e interprete principale C. B.; regia televisiva Carlo Battistoni; musiche Gaetano Giani Luporini; altri interpreti: Ermengarda – Anna Perino; percussioni live Antonio Striano; registrato al Teatro Lirico di Milano 1984; trasmesso il 9/9/1985, Rai 2.

Discografia:

  • 1984 – L'Adelchi di Alessandro Manzoni; uno studio di Carmelo Bene e Giuseppe Di Leva; musiche di Gaetano Giani Luporini, orchestra sinfonica e coro di Milano della Rai; Direttore E. Collina, maestro del coro M. Balderi; voce principale C. B.; Ermengarda: A. Perino; percussioni Antonio Striano; registrato in occasione delle recite al Teatro Lirico di Milano febbraio – marzo 1984; produzione a cura di A, Pischedda; regia del mixaggio C. B.; tecnici del suono L. Cavallarin, G. Jametti; Fonit-Cetra.

Radio:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In realtà il genere, per quanto concerne le opere beniane, è difficile da determinare. Carmelo Bene definisce a volte la sua arte (teatrale, filmica, letteraria, ...) "degenere".
  2. ^ Bisogna valutare il fatto che Bene considera le sue versioni non rivisitazioni o reinterpretazioni di un testo, ma una restituzione del così definito da Klossowski "significato metafisico del teatro". Vita di Carmelo Bene, op. cit., pag. 331

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

L'Adelchi o la volgarità del politico (Con G. Di Leva), Longanesi, Milano, 1984.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Teatro