Addomesticamento del cane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il cane è stato selezionato a partire da una oggi estinta specie di lupo nell'Ultimo massimo glaciale, quando la maggior parte dell'Eurasia era dominata dal bioma della c.d. Steppa dei mammut.

L'addomesticamento del cane è la conseguente selezione da parte dell'uomo delle varie razze canine è ad oggi motivo di dibattito scientifico. Il cane domestico è membro del genere Canis, un gruppo di specie morfologicamente simili al lupo che compongono ad oggi la famiglia di carnivori più diffusa sul pianeta Terra[1][2][3][4][5]. Il parente selvatico più prossimo al cane domestico è a punto il lupo grigio, non esistendo oggi altre specie che possono aver contribuito allo sviluppo della linea genetica del cane[2][3][6][7], e le due specie, il canis lupus familiaris ed il canis lupus[7][8][9] non sono l'una derivata dall'altra: sarebbe a dire che i lupi moderni sono a loro volta discendenti da un antenato comune al cane[8][9].

È ancora oggi oggetto di dibattito quando e dove l'antenato comune tra il cane ed il lupo venne addomesticato dall'uomo, marcando la divergenza tra le sue specie.
Il dibattito cronologico ha circoscritto il campo al Neolitico (come suggerirebbero i reperti archeologici che datano al XIII millennio a.C. i primi resti di un cane inumato insieme ad un uomo)[10], quando cioè l'uomo ha scoperto l'agricoltura ed ha avviato la costituzione d'insediamenti stabili, o nel Paleolitico[11], quando gli esseri umani erano ancora dei semplici cacciatori-raccoglitori[3][8].
Il dibattito geografico contrappone l'Europa occidentale[3][12], l'Asia centrale[12][13] e l'Estremo Oriente[12][14]. In tempi recenti, è stata poi proposta una nuova teoria che vede l'addomesticamento del cane come un processo iniziato indipendentemente sia nell'Occidente sia nell'Oriente dell'Eurasia tra il 12000 ed il 4400 a.C., momento in cui i cani orientali si sarebbero mescolati con quelli occidentali, in buona sostanza quasi soppiantandoli, contestualmente allo spostamento di popolazioni da Est verso Ovest[12][15][16].

L'unico dato ad oggi certo è che il cane è stato il primo animale oggetto di addomesticamento da parte dell'uomo[9][17][18][19].

Evoluzione di ominidi e canidi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Canidae § Evoluzione e Hominidae § Evoluzione.

Sei milioni di anni fa, al termine dei Miocene, il clima della Terra iniziò a raffreddarsi, portando alle glaciazioni del Pliocene e del Pleistocene. In buona parte del pianeta le foreste scomparvero, lasciando il posto a savane e steppe che risultarono inospitali per le specie animali che non riuscirono ad adattarsi al cambiamento. Agli angoli opposti del globo, due lignaggi di mammiferi avviarono un processo evolutivo che li avrebbe resi i più diffusi sul pianeta. Nel meridione del Nord America, piccoli canini di foresta divennero più grandi, migliorando la loro capacità di correre, ed al termine del Miocene la prima specie del genere Canis, il cosiddetto Canis lepophagus, antenato di lupi, coyote e cani, fece la sua comparsa. Nell'Africa orientale, i primati si divisero in due tronconi evolutivi: alcuni rimasero sugli alberi, altri spostarono il loro habitat al suolo, imparando a camminare eretti, sviluppando un cervello più grande, imparando a meglio difendersi dai predatori ed a divenire predatori essi stessi. Canidi e ominidi si incontrarono nel continente eurasiatico, "legando le loro vite ed il fato evolutivo dei loro eredi in un modo che, immaginiamo, non avrebbero mai potuto immaginare"[20].

Evoluzione del cane domestico[modifica | modifica wikitesto]

Premessa: genetica, archeologia e morfologia del cane e del lupo[modifica | modifica wikitesto]

Il cane domestico è il carnivoro più abbondantemente diffuso sulla Terra[2][3][4]. Dove e quando il cane venne addomesticato è un quesito che affligge da decadi i genetisti e da secoli gli archeologi[9]. L'identificazione dei primi cani è complicata da un'impasse formale: ciò che oggi differenzia morfologicamente il cane dal lupo (dimensioni e posizionamento dei denti, patologie dentali, dimensioni e proporzioni degli elementi craniali e postcraniali) è frutto del processo evolutivo del cane domestico e non costituiva, quindi, un elemento di distinzione tra il cane arcaico ed il lupo arcaico. Non sappiamo, cioè, definire il momento in cui i caratteri morfologici tipici del cane ed obbligatoriamente presenti, come evoluzioni/aberrazioni del lupo, si sono manifestati pienamente[17].

Recenti studi genetici hanno proposto cinque generalizzazioni[21]:

  • negli ultimi milioni di anni sono esistite diverse "forme" di lupo che si sono avvicendate ed il lupo moderno non può essere considerato l'antenato del cane[2][3][8][22]. Seppur la ricerca confermi l'enorme vicinanza genetica tra lupo e cane[7][23][24], recenti studi di filogenetica hanno fortemente supportato l'ipotesi che il cane sia da considerare un clade monofiletico fratello di quello dei lupi euroasiatici e che questi due cladi siano a loro volta fratelli del clade dei lupi nordamericani[2][21]. Ne consegue che: 1) la popolazione di lupi preistorici da cui i cani domestici originarono non è ancora stata identificata; 2) questa popolazione di antenati canini è estinta[8][9]; 3) il cane non è da considerarsi specie separata dal lupo[2][21].
  • gli studi propongono come data della divergenza tra il cane e l'antenato-lupo 27.000 anni fa[2][3][8][15][25], 36.900-41.500 anni fa secondo stime recenti, con l'addomesticamento del cane datato tra i 20.000 ed i 40.000 anni fa[26].
  • il cane è stato il primo animale ad essere addomesticato[9][17][18][19] ed apparve ben prima di 15.000 anni fa. La sua presenza in Eurasia è databile a prima della fine del Pleistocene inferiore, prima dell'introduzione dell'agricoltura e della successiva domesticazione degli altri animali 10.000 anni fa[17], quando cioè gli uomini erano ancora dei cacciatori-raccoglitori[27]. Geneticamente parlando, l'evoluzione del cane ha subito due distinti colli di bottiglia: il primo al momento del distacco del cane dal lupo ed il secondo con la creazione delle razze canine[21].
  • i cani sono divisi in una genealogia antica ed una moderna. I lignaggi antichi apparvero in Asia e scomparvero in Europa durante l'epoca vittoriana a causa dello sviluppo delle genealogie moderne[6][13][15]. Tutte le razze canine odierne dimostrano un miscuglio genetico di lignaggi antichi e moderni. Alcune antiche razze europee (diffuse anche nel Nuovo Mondo) sono oggi estinte[3][9][15][28] in quanto completamente rimpiazzate da razze moderne o perché il loro lignaggio si è disciolto a seguito d'incroci continui[21].
  • nel corso della storia, tutte le popolazioni di lupi euroasiatiche si sono mescolate con i cani, anche in tempi recenti[2][21], eccezion fatta per i lupi dell'altopiano del Tibet. I lupi del Nuovo Mondo sono rimasti esenti da questa ibridazione[2][8].

La scomparsa dei lupi preistorici da cui i cani domestici originarono ed il continuo mescolarsi, almeno negli ultimi 10.000 anni, dei cani con i lupi, ha confuso ed accorciato la differenza genetica tra le due specie, complicando gli studi sulle origini del cane domestico[9][17]. Alcuni studiosi ritengono però che entrambe le specie, i cani "primitivi" ed i lupi, si siano da subito avvicendate nell'affiancare gli umani durante il processo di addomesticamento nel Pleistocene inferiore[29] [30].

La divergenza tra cane e lupo[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'Ultimo massimo glaciale (al termine del Quaternario), il bioma più diffuso nel emisfero boreale del pianeta era la "Steppa dei mammut": un ecosistema freddo, secco, la cui flora era dominata da erba e arbusti e la cui fauna era caratterizzata da animali di grandissime dimensioni (la "Megafauna del Pleistocene")[31]. Durante il Pleistocene inferiore la megafauna scomparve gradualmente, privando del loro sostentamento i carnivori specializzati nella predazione dei mega-erbivori. Tra questi carnivori figurava un ecomorfo del lupo, dotato di una struttura muscolare ed ossea più robusta, il Lupo della megafauna, diffuso nella regione olartica del globo. Il lupo vero e proprio, o meglio, l'antenato dell'attuale Canis lupus, più snello e meno specializzato, occupava la medesima nicchia ecologica ma nelle regioni più calde. Laddove il suo equivalente meridionale prosperò e si diffuse al termine delle glaciazioni, originando il lupo moderno, il lupo della megafauna s'incamminò verso l'estinzione salvo (parrebbe) legare il proprio destino a quello dei primi uomini, giunti in Europa (spec. Italia[32] e Gran Bretagna[33]) circa 45.000 anni fa, ed originando il cane domestico. Il lupo della megafauna sarebbe infatti la tipologia di lupo più geneticamente vicina al cane[34].

Allo stato attuale siamo quindi nella condizione d'identificare con accettabile accuratezza il momento in cui originò la divergenza evolutiva tra il cane ed il lupo. Risulta però ancora ignoto il momento in cui il cane primitivo, non ancora domestico, venne domesticato. La data della divergenza evolutiva tra "selvatico" e "domestico", infatti, non forzatamente coincide con la data della domesticazione[12]: a titolo di esempio, basti ricordare che il cavallo domestico, addomesticato 5.500 anni fa, si distaccò geneticamente dall'antenato selvatico (Equus ferus przewalskii) 45.000 anni fa. Taluni studiosi ritengono quindi che il cane fosse cane ancor prima di essere domesticato[35][36] e che condivida con il lupo un antenato comune[37].

Addomesticamento del cane[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Addomesticamento.

Per addomesticamento, o meglio domesticazione[38][39] s'intende il processo attraverso cui una specie animale o vegetale viene resa domestica, ovvero dipendente dalla convivenza con l'uomo e dal controllo da parte di quest'ultimo[40]. Per molte specie, la domesticazione ha comportato notevoli mutamenti nel comportamento, nel ciclo biologico e addirittura nella fisiologia. Nella maggior parte dei casi, la domesticazione di una specie ha perseguito più di uno scopo: un esempio fra tutti è appunto quello del cane, in origine aiutante nella caccia e nella protezione della casa, in seguito usato come animale da compagnia e/o da lavoro estremamente specializzato: es. cani da tartufi, cani antidroga, cani guida per ciechi ecc.
Il cane è appunto il primo dei "domesticati" ed affianca l'uomo sin da un non precisato momento del Pleistocene superiore, quando gli ominidi hanno dismesso le loro abitudini di cacciatori-raccoglitori per praticare l'agricoltura.

Montaggio raffigurante la grande variabilità morfologica delle razze canine.

I primi cani: utilizzo e razze[modifica | modifica wikitesto]

Cratere greco raffigurante una caccia al cinghiale con i cani.
Cani da slitta - schizzo del 1833.

Si ritiene che durante il Paleolitico inferiore l'aumento della popolazione umana e la maggior efficienza delle sue armi e tecniche di caccia abbia ridotto, a discapito di alcune popolazioni di lupi, la disponibilità delle prede da cacciare obbligando i canidi alla saprofagia. La modifica comportamentale ne avrebbe poi prodotte altre (es. docilità), impattando anche a livello strutturale con lo sviluppo di dimensioni corporee ridotte ed un accorciamento dell'età riproduttiva che finirono con il fare di questi lupi dei saprofagi obbligati[13][41]. Questa teoria non permette però di definire se la saprofagia abbia fatto di questi primi cani dei semplici commensali dell'uomo o abbia portato ad un reciproco beneficio[13].

Altri ricercatori hanno invece marcato l'esistenza di una simbiosi tra uomini e cani finalizzata alla caccia come ragion d'essere dell'addomesticamento[42][43][44]. Questo perché con l'avvio dell'Olocene il cambio climatico portò ad un rifiorire delle foreste all'interno delle quali il supporto del fiuto dei cani divenne fondamentale per individuare le prede, fattesi più piccole rispetto ai mega-erbivori delle steppe dei mammut e quindi più difficili da localizzare per gli uomini[43][44].
In Giappone, a titolo di esempio, la drastica diffusione delle foreste temperate sull'isola di Honshū portò all'estinzione dell'Elefante di Naumann e del Cervo gigante di Yabe, costringendo gli uomini della Cultura di Jōmon a praticare la caccia a prede più piccole e veloci, il sika ed il cinghiale, nel folto della foresta, con la conseguente adozione dell'uso dei cani da caccia (inumati dagli Jōmon una volta morti) e di punte di freccia più piccole e leggere[44]. Il ruolo giocato dal cane da caccia nel sostentamento del gruppo umano al quale era legato ne fece l'oggetto di particolari attenzioni e cure[44] (probabilmente maggiori rispetto a quelle riservate a un cane pariah che si limitava ad eliminare i rifiuti della comunità) tra cui l'attribuzione di un nome e, come detto, una propria sepoltura con tanto di corredo[45][46][47]. Il cane da caccia particolarmente abile o morto in azione poteva poi anche essere oggetto di racconti/venerazione intorno al bivacco della comunità[44][48] della quale, in ragione dei suoi meriti, era stato considerato a pieno titolo membro cioè antropomorfizzato[49].
Sepolcri singoli di cani e resti di ungulati predati sono stati rinvenuti anche in insediamenti umani datati al Olocene superiore in Europa[50] e Nord America[51][52], a riprova che l'utilizzo del cane da caccia agli ungulati ha caratterizzato tutte le culture del Olartico[44].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Julie K. Young, Kirk A. Olson, Richard P. Reading, Sukh Amgalanbaatar e Joel Berger, Is Wildlife Going to the Dogs? Impacts of Feral and Free-roaming Dogs on Wildlife Populations, in BioScience, vol. 61, n. 2, 1º febbraio 2011, pp. 125-132, DOI:10.1525/bio.2011.61.2.7, ISSN 0006-3568 (WC · ACNP).
  2. ^ a b c d e f g h i Zhenxin Fan, Pedro Silva, Ilan Gronau, Shuoguo Wang, Aitor Serres Armero, Rena M. Schweizer, Oscar Ramirez, John Pollinger, Marco Galaverni, Diego Ortega Del-Vecchyo, Lianming Du, Wenping Zhang, Zhihe Zhang, Jinchuan Xing, Carles Vilà, Tomas Marques-Bonet, Raquel Godinho, Bisong Yue e Robert K. Wayne, Worldwide patterns of genomic variation and admixture in gray wolves, in Genome Research, vol. 26, n. 2, 2016, pp. 163-73, DOI:10.1101/gr.197517.115, PMID 26680994.
  3. ^ a b c d e f g h O. Thalmann, Complete mitochondrial genomes of ancient canids suggest a European origin of domestic dogs, in Science, vol. 342, n. 6160, 2013, pp. 871-4, DOI:10.1126/science.1243650, PMID 24233726.
  4. ^ a b C. Vila, I. R. Amorim, J. A. Leonard, D. Posada, J. Castroviejo, F. Petrucci-Fonseca, K. A. Crandall, H. Ellegren e R. K. Wayne, Mitochondrial DNA phylogeography and population history of the grey wolf Canis lupus, in Molecular Ecology, vol. 8, n. 12, 1999, pp. 2089-103, DOI:10.1046/j.1365-294x.1999.00825.x, PMID 10632860.
  5. ^ (EN) Daniels, Thomas J. e Bekoff, Marc, Population and Social Biology of Free-Ranging Dogs, Canis familiaris, 1989.
  6. ^ a b B. vonHoldt, Genome-wide SNP and haplotype analyses reveal a rich history underlying dog domestication, in Nature, vol. 464, n. 7290, 2010, pp. 898-902, DOI:10.1038/nature08837, PMC 3494089, PMID 20237475.
  7. ^ a b c C. Vila, Multiple and ancient origins of the domestic dog, in Science, vol. 276, n. 5319, 1997, pp. 1687-9, DOI:10.1126/science.276.5319.1687, PMID 9180076.
  8. ^ a b c d e f g A. Freedman, Genome sequencing highlights the dynamic early history of dogs, in PLOS Genetics, vol. 10, n. 1, 2014, pp. e1004016, DOI:10.1371/journal.pgen.1004016, PMC 3894170, PMID 24453982.
  9. ^ a b c d e f g h Larson G e Bradley DG, How Much Is That in Dog Years? The Advent of Canine Population Genomics, in PLOS Genetics, vol. 10, n. 1, 2014, pp. e1004093, DOI:10.1371/journal.pgen.1004093, PMC 3894154, PMID 24453989.
  10. ^ Liane Giemsch, Susanne C. Feine, Kurt W. Alt, Qiaomei Fu, Corina Knipper, Johannes Krause, Sarah Lacy, Olaf Nehlich, Constanze Niess, Svante Pääbo, Alfred Pawlik, Michael P. Richards, Verena Schünemann, Martin Street, Olaf Thalmann, Johann Tinnes, Erik Trinkaus & Ralf W. Schmitz. "Interdisciplinary investigations of the late glacial double burial from Bonn-Oberkassel". Hugo Obermaier Society for Quaternary Research and Archaeology of the Stone Age: 57th Annual Meeting in Heidenheim, 7th – 11th April 2015, 36-37
  11. ^ M. Germonpre, Fossil dogs and wolves from Palaeolithic sites in Belgium, the Ukraine and Russia: Osteometry, ancient DNA and stable isotopes, in Journal of Archaeological Science, vol. 36, n. 2, 2009, pp. 473-490, DOI:10.1016/j.jas.2008.09.033.
  12. ^ a b c d e David E. Machugh, Greger Larson e Ludovic Orlando, Taming the Past: Ancient DNA and the Study of Animal Domestication, in Annual Review of Animal Biosciences, vol. 5, 2016, pp. 329-351, DOI:10.1146/annurev-animal-022516-022747, PMID 27813680.
  13. ^ a b c d L. Shannon, Genetic structure in village dogs reveals a Central Asian domestication origin, in Proceedings of the National Academy of Sciences, vol. 112, n. 44, 2015, pp. 13639-44, DOI:10.1073/pnas.1516215112, PMC 4640804, PMID 26483491.
  14. ^ G. Wang, Out of southern East Asia: the natural history of domestic dogs across the world, in Cell Research, vol. 26, n. 1, 2015, pp. 21-33, DOI:10.1038/cr.2015.147, PMC 4816135, PMID 26667385.
  15. ^ a b c d L. A. F. Frantz, V. E. Mullin, M. Pionnier-Capitan, O. Lebrasseur, M. Ollivier, A. Perri, A. Linderholm, V. Mattiangeli, M. D. Teasdale, E. A. Dimopoulos, A. Tresset, M. Duffraisse, F. McCormick, L. Bartosiewicz, E. Gal, E. A. Nyerges, M. V. Sablin, S. Brehard, M. Mashkour, A. b l Escu, B. Gillet, S. Hughes, O. Chassaing, C. Hitte, J.-D. Vigne, K. Dobney, C. Hanni, D. G. Bradley e G. Larson, Genomic and archaeological evidence suggest a dual origin of domestic dogs, in Science, vol. 352, n. 6290, 2016, pp. 1228-31, DOI:10.1126/science.aaf3161, PMID 27257259.
  16. ^ David Grimm, Dogs may have been domesticated more than once, in Science, 2016, DOI:10.1126/science.aaf5755.
  17. ^ a b c d e Larson G, Rethinking dog domestication by integrating genetics, archeology, and biogeography, in PNAS, vol. 109, n. 23, 2012, pp. 8878-8883, DOI:10.1073/pnas.1203005109, PMC 3384140, PMID 22615366.
  18. ^ a b Domestication, su britannica.com, Encyclopædia Britannica, 2016. URL consultato il 26 maggio 2016.
  19. ^ a b Angela Perri, A wolf in dog's clothing: Initial dog domestication and Pleistocene wolf variation, in Journal of Archaeological Science, vol. 68, 2016, pp. 1-4, DOI:10.1016/j.jas.2016.02.003.
  20. ^ M. Derr, How the Dog Became the Dog: From Wolves to Our Best Friends, Penguin Group USA, 2011, p. 40, ISBN 1-59020-700-9.
  21. ^ a b c d e f Adam H. Freedman, Kirk E. Lohmueller e Robert K. Wayne, Evolutionary History, Selective Sweeps, and Deleterious Variation in the Dog, in Annual Review of Ecology, Evolution, and Systematics, vol. 47, 2016, pp. 73-96, DOI:10.1146/annurev-ecolsys-121415-032155.
  22. ^ Jennifer A. Leonard, Carles Vilà e Robert K. Wayne, FAST TRACK: Legacy lost: Genetic variability and population size of extirpated US grey wolves (Canis lupus), in Molecular Ecology, vol. 14, n. 1, 2004, pp. 9-17, DOI:10.1111/j.1365-294X.2004.02389.x, PMID 15643947.
  23. ^ R. Wayne, <247::AID-BIES9>3.0.CO;2-Z Origin, genetic diversity, and genome structure of the domestic dog, in BioEssays, vol. 21, n. 3, 1999, pp. 247-57, DOI:10.1002/(SICI)1521-1878(199903)21:3<247::AID-BIES9>3.0.CO;2-Z, PMID 10333734.
  24. ^ R. Wayne, Molecular evolution of the dog family, in Trends in Genetics, vol. 9, n. 6, 1993, pp. 218-24, DOI:10.1016/0168-9525(93)90122-X, PMID 8337763.
  25. ^ P. Skoglund, Ancient wolf genome reveals an early divergence of domestic dog ancestors and admixture into high-latitude breeds, in Current Biology, vol. 25, n. 11, 2015, pp. 1515-9, DOI:10.1016/j.cub.2015.04.019, PMID 26004765.
  26. ^ Laura R. Botigué, Shiya Song, Amelie Scheu, Shyamalika Gopalan, Amanda L. Pendleton, Matthew Oetjens, Angela M. Taravella, Timo Seregély, Andrea Zeeb-Lanz, Rose-Marie Arbogast, Dean Bobo, Kevin Daly, Martina Unterländer, Joachim Burger, Jeffrey M. Kidd e Krishna R. Veeramah, Ancient European dog genomes reveal continuity since the Early Neolithic, in Nature Communications, vol. 8, 2017, p. 16082, DOI:10.1038/ncomms16082, PMID 28719574.
  27. ^ W. M. Schleidt, Is humaneness canine?, in Human Ethology Bulletin, vol. 13, n. 4, 1998, pp. 1-4.
  28. ^ J. A. Leonard, R. K. Wayne, J. Wheeler, R. Valadez, S. Guillén e C. Vilà, Ancient DNA Evidence for Old World Origin of New World Dogs, in Science, vol. 298, n. 5598, 2002, pp. 1613-6, DOI:10.1126/science.1076980, PMID 12446908.
  29. ^ Darcy F. Morey e Rujana Jeger, From wolf to dog: Late Pleistocene ecological dynamics, altered trophic strategies, and shifting human perceptions, in Historical Biology, 2016, p. 1, DOI:10.1080/08912963.2016.1262854.
  30. ^ C. Muller, Dogs can discriminate the emotional expressions of human faces, in Current Biology, vol. 25, n. 5, 2015, pp. 601-5, DOI:10.1016/j.cub.2014.12.055, PMID 25683806.
  31. ^ Jonathan Adams, Europe During the Last 150,000 Years, su esd.ornl.gov, Oak Ridge National Laboratory, Oak Ridge, USA (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2005).
  32. ^ S. Benazzi, Early dispersal of modern humans in Europe and implications for Neanderthal behaviour, in Nature, vol. 479, n. 7374, 2011, pp. 525-8, DOI:10.1038/nature10617, PMID 22048311.
  33. ^ T. Higham, The earliest evidence for anatomically modern humans in northwestern Europe, in Nature, vol. 479, n. 7374, 2011, pp. 521-4, DOI:10.1038/nature10484, PMID 22048314.
  34. ^ Stuart Wolpert, Dogs likely originated in Europe more than 18,000 years ago, UCLA biologists report, in UCLA News Room, 14 novembre 2013. URL consultato il 10 dicembre 2014.
  35. ^ M. W. Fox, 11, in The dog:its domestication and behavior, New York, Garland STPM Press, 1978, p. 248.
  36. ^ Manwell C. e Baker C. M. A., Origin of the dog: From wolf or wild Canis familiaris?, in Speculations in Science and Technology, vol. 6, n. 3, 1983, pp. 213-224.
  37. ^ Vladimir V. Pitulko e Aleksey K. Kasparov, Archaeological dogs from the Early Holocene Zhokhov site in the Eastern Siberian Arctic, in Journal of Archaeological Science: Reports, vol. 13, 2017, p. 491, DOI:10.1016/j.jasrep.2017.04.003.
  38. ^ domesticazióne in Vocabolario - Treccani, su treccani.it. URL consultato il 18 settembre 2021.
  39. ^ domesticazione nell'Enciclopedia Treccani, su treccani.it. URL consultato il 18 settembre 2021.
  40. ^ Giusti F (1996), La nascita dell'agricoltura: aree, tipologie e modelli, cap. VIII Il complesso di piante e animali domesticati nel vicino oriente e la loro diffusione in Europa, Donzelli Editore.
  41. ^ Coppinger R e Feinstein M, How Dogs Work, University of Chicago Press, Chicago, 2015, ISBN 978-0-226-12813-9.
  42. ^ S. Davis, The taming of the few, in New Scientist, vol. 95, 1982, pp. 697-700.
  43. ^ a b Clutton-Brock, J. 1984. Dog, in I.L. Mason (ed.) Evolution of domesticated animals. London:Longman.
  44. ^ a b c d e f Angela R. Perri, Hunting dogs as environmental adaptations in Jōmon Japan, in Antiquity, vol. 90, n. 353, 2016, pp. 1166-1180, DOI:10.15184/aqy.2016.115.
  45. ^ Ikeya, K. 1994. Hunting with dogs among the San in the Central Kalahari. African Study Monographs 15:119–34.
  46. ^ Gron, O. & M.G. Turov. 2007. Resource ‘pooling’ and resource management. An ethno-archaeological study of the Evenk hunter-gatherers, Katanga County, Siberia, in B. Hardh, K. Jennbert & D. Olausson (ed.) On the road: studies in honour of Lars Larsson (Acta Archaeologica Lundensia 26):67–72. Stockholm: Almqvist & Wiksell.
  47. ^ Janice Koler-Matznick, I. Lehr Brisbin Jr, S. Yates e Susan Bulmer, The New Guinea singing dog: its status and scientific importance, in The Journal of the Australian Mammal Society, vol. 29, n. 1, 2007, pp. 47-56, DOI:10.1071/AM07005.
  48. ^ Olowo Ojoade, J. 1990. Nigerian cultural attitudes to the dog, in R. Willis (ed.) Signifying animals: human meaning in the natural world: 215–21. London: Routledge.
  49. ^ Mizoguchi, K. 2002. An archaeological history of Japan: 10,000 B.C. to A.D. 700. Philadelphia: University of Pennsylvania Press.
  50. ^ Bourque, B.J. 1975. Comments on the late Archaic populations of central Maine: the view from the urner Farm. Arctic Anthropology 12: 35–45.
  51. ^ Larsson, L. 1990. Dogs in fraction—symbols in action, in P.M. Vermeersch & P. Van Peer (ed.) Contributions to the Mesolithic in Europe: 153–60. Leuven: Leuven University Press.
  52. ^ D.F. Morey, Early Holocene domestic dog burials from the North American Midwest, in Current Anthropology, vol. 33, n. 2, 1992, pp. 224-29, DOI:10.1086/204059.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]