Adamo d'Arogno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Adamo da Arogno)
Jump to navigation Jump to search

Adamo d'Arogno (Arogno, 1180 circa – 1240 circa) è stato un architetto svizzero-italiano.

L'abside della cattedrale di Trento, opera di Adamo

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vissuto tra il XII e il XIII secolo, proveniente da una famiglia di maestri muratori. A lui è attribuito il progetto della Cattedrale di San Vigilio a Trento, voluta dal principe vescovo Federico Vanga, la cui costruzione è cominciata nel 1212 e proseguita in collaborazione coi figli e nipoti, come ricorda l'epigrafe sepolcrale della famiglia, murata nell'edificio.[1].

A lui è dedicata la piazza a sud del Duomo, un tempo cimitero, dove venne seppellito.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zanolini, 1899, 97-166; Weber, 1908, 201-220; Peroni, 1992, 35-249; Lomartire, 1992, 144-171.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Merzario, I maestri Comacini. Storia artistica di mille duecento anni (600-1800), Milano 1893, I, 135-136.
  • Vigilio Zanolini, Per la storia del Duomo di Trento, in Atti della i. R. Accademia degli Agiati in Rovereto, a.a., CXLIX, S. III, Volume V, f. II, 1899.
  • Simone Weber, I Maestri Comacini a Trento, in Rivista Tridentina, VIII, 1908.
  • Ugo Donati, Breve storia di artisti ticinesi, Arturo Salvioni & Co. Editori, Bellinzona 1936, 26.
  • Gian Piero Bognetti, I magistri Antelami e la Valle 'intelvi, in Periodico Storico Comense, II, n.s. 1938, 1-56.
  • Gian Piero Bognetti, Gli Antelami e la carpenteria da guerra, in Munera. Scritti in onore di Carlo Castiglioni, Milano 1944, 217.
  • Francesco Gandolfo, Antelami, Magistri, (ad vocem) in Enciclopedia dell'Arte Medievale, II, Roma 1991, 68-70.
  • Adriano Peroni, Il Duomo di Trento e il mito moderno della cattedrale, in Il Duomo di Trento, a cura di Enrico Castelnuovo e A. Peroni, Trento 1992.
  • Saverio Lomartire, Note sui primi interventi campionesi nel Duomo di Trento, in Maestri Campionesi, a cura di Rossana Bossaglia e Gian Alberto Dell'Acqua, Bergamo 1992.
  • Saverio Lomartire, Magistri Campionesi a Bergamo nel Medioevo da Santa Maria Maggiore al Battistero, in Giorgio Mollisi (a cura di), Svizzeri a Bergamo nella storia, nell'arte, nella cultura, nell'economia dal '500 ad oggi. Campionesi a Bergamo nel Medioevo, Arte&Storia, anno 10, numero 44, settembre-ottobre 2009, 56,(con ampia bibliografia).
  • Saverio Lomartire, Comacini, Campionesi, Antelami, "Lombardi". Problemi di terminologia e di storiografia, in Atti del Convegno internazionale Els Comacini i l'arquitectura romanica a Catalunya, (Girona/Barcellona, 25-26 novembre 2005), 2009.
  • AA.VV., I Magistri Commacini. Mito e realtà nel Medioevo lombardo, in Atti del 19º Congresso internazionale di Studi (Como-Varese, 23-25 ottobre 2008), Spoleto 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]