Adam Hochschild

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Adam Hochschild

Adam Hochschild (New York, 5 ottobre 1942) è uno scrittore, giornalista e storico statunitense. È stato autore di numerose opere letterarie a carattere storioco. È uno dei fondatori del periodico statunitense Mother Jones.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato presso l'Università di Harvard dove si è laureato in storia e letteratura nel 1963.

Mentre era in Sud Africa è devenuto sensivile al tema delle ingiustizie del razzismo e si è impegnato in politica. Si è unito al movimento per i diritti civili negli Stati Uniti ed ha manifestato contro la guerra del Vietnam. Ha iniziato a lavorare come giornalista per Ramparts. Più tardi, ha fondato Mother Jones con due soci.

Nel 1990 ha vissuto 6 mesi in India. Ha scritto The Mirror at Midnight: A South African Journey (1990) e The Unquiet Ghost: Russians Remembering Stalin (1994), Finding the Trapdoor: Essays, Portraits, Travels (1997) e The Phantoms of King Leopold (1998) sulla colonizzazione del Stato Libero del Congo da parte di Leopoldo II del Belgio. A questo proposito, ha reso omaggio all'opera di Jules Marchal, storico belga la cui ricerca gli ha fornito un supporto fondamentale:

«C'è soprattutto, per me, lo storico Jules Marchal che per oltre 25 anni ha investigato scrupolosamente questi aspetti del passato coloniale che molti dei suoi compatrioti preferiscono ignorare. Il suo lavoro è un modello per tutti noi.»

[1]

Il suo libro Bury the Chains: Prophets and Rebels in the Fight to Free an Empire's Slaves è stato pubblicato nel 2005; To End All Wars: A Story of Loyalty and Rebellion, 1914-1918 è stato pubblicato nel 2011; mentreSpain in Our Hearts: Americans in the Spanish Civil War, 1916-1939 nel 2016. I suoi libri sono tradotti in 14 lingue.

Hochschild ha anche scritto per varie testate giornlistiche come il settimanale The New Yorker, Harper's Magazine, The New York Review of Books, The New York Times Magazine e The Nation. È stato anche commentatore di All Things Considered della National Public Radio.

Hochschild vive a Berkeley e insegna scrittura presso la Graduate School of Journalism dell'Università della California a Berkeley.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Elenco parziale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un mot d'Adam Hochschild, su Toudi, n° 42-43, décembre-janvier, 2001-2002.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN88069333 · ISNI (EN0000 0001 1682 7692 · LCCN (ENn85318056 · GND (DE114697809 · BNF (FRcb133349961 (data) · BNE (ESXX1279629 (data) · WorldCat Identities (ENn85-318056