Adalberto di Prussia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adalberto di Prussia

Adalberto di Prussia, (nome completo Adalbert Ferdinand Berengar Viktor Prinz von Preußen[1]) (Potsdam, 14 luglio 1884La Tour-de-Peilz, 22 settembre 1948), membro della famiglia degli Hohenzollern, fu principe di Prussia e conte di Lingen[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Famiglia d'origine[modifica | modifica wikitesto]

Suo padre era l'imperatore Guglielmo II di Germania[1], figlio di Federico III di Germania e di Vittoria di Sassonia-Coburgo-Gotha, nata principessa Reale del Regno Unito; sua madre era l'imperatrice Augusta Vittoria di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg[1], figlia del principe Federico VIII di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg e della principessa Adelaide di Hohenlohe-Langenburg.

Dopo aver ricevuto una rigida educazione militare, nel 1894 entrò nell'Accademia Navale di Kiel. Al completamento della sua formazione intraprese alcuni viaggi all'estero, in paesi come il Brasile e rappresentò il Kaiser Guglielmo II alla corte di Pechino e Atene. In qualità di ufficiale di marina, visse in una piccola casa nel porto di Kiel, Villa Seelust.

Per la cattiva salute di sua moglie Adelaide intraprese frequenti viaggi in Svizzera. Alla fine, la famiglia vi si trasferì nel 1928 in modo permanente. Adalberto continuò a vivere una vita molto appartata e non prese parte alla politica tedesca. Morì sul lago di Ginevra, all'età di soli 64 anni.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 agosto del 1914[1], a Wilhelmshaven, Adalberto sposò la principessa Adelaide di Sassonia-Meiningen, figlia del principe Federico Giovanni di Sassonia-Meiningen e della contessa Adelaide di Lippe-Biesterfeld (1870-1948).

Prima Guerra Mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Allo scoppio della prima guerra mondiale, Adalberto era un ufficiale della Marina Imperiale sulla SMS Kaiser. Successivamente, fu secondo Ammiraglio della quarta squadra e dal maggio 1917 comandante dell'incrociatore SMS Danzig. Nel marzo 1918 prese il comando del SMS Dresda fino alla fine della guerra.

Adalberto era anche maggiore del 1º reggimento di fanteria dell'esercito prussiano e del reggimento granatieri "Re Federico il Grande".

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 1919 Adalberto lasciò, con la sua famiglia, Kiel e si trasferì in una villa a Bad Homburg. Gli anni successivi visse una vita molto appartata come privato cittadino in Germania. A causa dei problemi di salute di Adelaide, la famiglia faceva frequenti visite in Svizzera, dove si stabilirono definitivamente nel 1928, utilizzando il nome di conte e contessa von Lingen. Adalberto non prese parte nella politica tedesca. Morì a La Tour-de-Peilz sul lago di Ginevra, all'età di 64 anni.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Adalberto ed Adelaide ebbero tre figli:[1]

  • Vittoria Marina (nata e morta il 4 settembre 1915);
  • Vittoria Marina (11 settembre 1917-21 gennaio 1981), sposò Kirby William Patterson, divorziarono nel 1962;
  • Guglielmo Vittorio (15 febbraio 1919-7 febbraio 1989), sposò la contessa Maria Antoinetta di Hoyos.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Adalberto di Prussia Padre:
Guglielmo II di Germania
Nonno paterno:
Federico III di Germania
Bisnonno paterno:
Guglielmo I di Germania
Trisnonno paterno:
Federico Guglielmo III di Prussia
Trisnonna paterna:
Luisa di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonna paterna:
Augusta di Sassonia-Weimar-Eisenach
Trisnonno paterno:
Carlo Federico di Sassonia-Weimar-Eisenach
Trisnonna paterna:
Marija Pavlovna di Russia
Nonna paterna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Gotha
Bisnonno paterno:
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonno paterno:
Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonna paterna:
Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Bisnonna paterna:
Vittoria del Regno Unito
Trisnonno paterno:
Edoardo Augusto di Hannover
Trisnonna paterna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Madre:
Augusta Vittoria di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Nonno materno:
Federico VIII di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Bisnonno materno:
Cristiano di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Trisnonno materno:
Federico Cristiano II di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Trisnonna materna:
Luisa Augusta di Danimarca
Bisnonna materna:
Luisa Sofia di Danneskiold-Samsøe
Trisnonno materno:
Cristiano Corrado di Danneskiold-Samsøe
Trisnonna materna:
Giovanna Kaas di Mur
Nonna materna:
Adelaide di Hohenlohe-Langenburg
Bisnonno materno:
Ernesto I di Hohenlohe-Langenburg
Trisnonno materno:
Carlo Ludovico I di Hohenlohe-Langenburg
Trisnonna materna:
Amalia Enrichetta di Solms-Baruth
Bisnonna materna:
Feodora di Leiningen
Trisnonno materno:
Emilio Carlo di Leiningen
Trisnonna materna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze prussiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Nera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Nera
Gran Commendatore dell'Ordine di Hohenzollern - nastrino per uniforme ordinaria Gran Commendatore dell'Ordine di Hohenzollern
Cavaliere dell'Ordine della Corona (Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona (Prussia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Rossa - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Rossa

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell’Ordine della Corona wendica - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell’Ordine della Corona wendica
Croce di Federico - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Federico
Cavaliere dell'Ordine della fedeltà - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della fedeltà
Croce Anseatica di Brema - nastrino per uniforme ordinaria Croce Anseatica di Brema
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Luigi - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Luigi
Cavaliere dell'Ordine al merito di Pietro Federico Luigi - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito di Pietro Federico Luigi
Cavaliere dell'Ordine della corona fiorata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della corona fiorata
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Casata Ernestina di Sassonia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Casata Ernestina di Sassonia
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona del Württemberg - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona del Württemberg
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine reale di Santo Stefano d'Ungheria - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine reale di Santo Stefano d'Ungheria
Cavaliere dell’Ordine supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell’Ordine supremo della Santissima Annunziata
Cavaliere dell’Ordine del Leone dei Paesi Bassi - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell’Ordine del Leone dei Paesi Bassi
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Torre e della spada - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Torre e della spada
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea
Cavaliere dell'Ordine di Osmanie - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Osmanie
Cavaliere dell'Ordine della Gloria - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Gloria
Cavaliere dell'Ordine della Stella Brillante di Zanzibar - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Stella Brillante di Zanzibar
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 10 luglio 1909

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Darryl Lundy, Genealogia del principe Adalberto di Prussia, thePeerage.com, 6 giugno 2004. URL consultato il 25 maggio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN69670748 · GND: (DE116006331 · BNF: (FRcb149782784 (data)