Actinidia arguta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Actinidia arguta
Alcuni frutti ancora sulla pianta
Stato di conservazione
Specie non valutata
Classificazione APG IV
DominioEukaryota
RegnoPlantae
(clade)Angiosperme
(clade)Mesangiosperme
(clade)Eudicotiledoni
(clade)Eudicotiledoni centrali
(clade)Superasteridi
OrdineEricales
FamigliaActinidiaceae
GenereActinidia
SpecieA. arguta
Classificazione Cronquist
DominioEukaryota
RegnoPlantae
DivisioneMagnoliophyta
ClasseMagnoliopsida
OrdineTheales
FamigliaActinidiaceae
GenereActinidia
SpecieA. arguta
Nomenclatura binomiale
Actinidia arguta
(Siebold & Zucc.) Planch. ex Miq., 1867
Actinidia arguta[1]
Valori nutrizionali per 100 g
Energia77,0 kcal (320 kJ)
Proteine1,2 g
Carboidrati
Totali17,6 g
Zuccheri7,6 g
Fibre3,2 g
Grassi
Totali0,56 g
Saturi0,0
Vitamine
Vitamina C63-123 mg
Minerali
Potassio288 mg
Sodio5,6 mg

Actinidia arguta (Siebold & Zucc.) Planch. ex Miq., 1867 è una pianta appartenente alla famiglia delle Actinidiacee.[2]

Produce dei piccoli frutti (della dimensione di una noce) che assomigliano ai frutti del kiwi. Si trova in taluni supermercati con il nome di "Nergi".

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Actinidia arguta è una liana rampicante che raggiunge tra i 6 e i 10 metri di altezza.

Frutto[modifica | modifica wikitesto]

Fruttifica a metà autunno, in piccoli grappoli di 4-5 frutti ogni 10 centimetri di ramo, dando quindi un raccolto molto abbondante. I frutti sono simili ai kiwi, ma sono grandi come una noce, verdi e senza la peluria esterna tipica di quella specie. In base alla maturazione raggiunta possono diventare rossastri o violacei e particolarmente morbidi. Si distinguono dal kiwi anche per il sapore più dolce e per la buccia che non deve essere tolta per mangiare il frutto.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Actinidia arguta è stata descritta per la prima volta nel 1843 da Philipp Franz von Siebold e Joseph Gerhard Zuccarini, che le diedero il nome di Trochostigma argutum.[3] Essa è stata spostata nel genere Actinidia nel 1867 da Friedrich Anton Wilhelm Miquel.[4]

Varietà[modifica | modifica wikitesto]

Sono state descritte le seguenti varietà[2]:

  • Actinidia arguta var. arguta
  • Actinidia arguta var. giraldii (Diels) Vorosch.
  • Actinidia arguta var. hypoleuca (Nakai) Kitam.

Actinidia arguta var. giraldii è stata classificata per la prima volta da Ludwig Diels come specie (Actinidia giraldii) nel 1905,[5] ma nel 1972 è stata ridotta ad una varietà di A. arguta da Vladimir Nikolaevich Voroschilov.[6]

Actinidia arguta var. hypoleuca è stata classificata come specie (Actinidia hypoleuca) da Takenoshin Nakai nel 1904,[7] ma è stata ridotta ad una varietà di A. arguta nel 1980 da Siro Kitamura.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Valore nutrizionale dell'Actinidia Arguta NZ KiwiBerry Growers Incorporated.
  2. ^ a b (EN) Actinidia arguta, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 21 ottobre 2023.
  3. ^ Trochostigma argutum, su ars-grin.gov. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2012).
  4. ^ Actinidia arguta, su ars-grin.gov. URL consultato il 26 ottobre 201212 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2012).
  5. ^ Actinidia giraldii, su ars-grin.gov. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2012).
  6. ^ Actinidia arguta (Siebold & Zucc.) Planch. ex Miq. var. giraldii (Diels) Vorosch., su ars-grin.gov. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2012).
  7. ^ Actinidia hypoleuca Nakai, su ars-grin.gov. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2012).
  8. ^ Actinidia arguta (Siebold & Zucc.) Planch. ex Miq. var. hypoleuca (Nakai) Kitam, su ars-grin.gov. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2012).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica