Acrone (mitologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Romolo lotta contro Acrone re della città di Cenina dipinto di Lattanzio Gambara, 1530 ca, esposto ai Musei Civici di Arte e Storia di Brescia

Acrone, fu un mitico re di Caenina.

Tito Livio narra che per vendicare l'offesa subita attraverso il ratto delle Sabine Caenina, Antemnae, Crustumerium e i Sabini si allearono contro i romani. Impaziente Acrone affrontò da solo i Romani e fu ucciso da Romolo in duello. Nel racconto di Tito Livio, Romolo, dopo aver ucciso in duello il re, guida i Romani contro Caenina, che viene presa al primo assalto.[1] La cronologia tradizionale, che si basa sulla fonte di Livio, fissa l'evento tra il primo e secondo anno dalla Fondazione di Roma, quindi tra il 753 ed il 751 a.C.

Romolo ne portò quindi le spoglie a Roma, offrendole nel Tempio di Giove Feretrio, come riporta Plutarco[2].

Romolo, uccisore di Acrone, porta le sue spoglie al tempio di Giove dipinto di Jean-Auguste-Dominique Ingres, 1812

Il pittore neoclassico Jean-Auguste-Dominique Ingres ha dedicato all'episodio la tela La vittoria di Romolo su Acrone completato nel 1812.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita libri, I, 10
  2. ^ Plutarco, Vita di Romolo, 16, 2-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]