Acquedotto Appio-Alessandrino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acquedotto Appio-Alessandrino
Aqua Augusta
Utilizzo Acquedotto
Epoca 1968
Localizzazione
Stato Italia Italia
Comune Roma-Stemma.png Roma

L'acquedotto Appio-Alessandrino fu il sedicesimo e ultimo acquedotto di Roma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Venne costruito nel 1968, per volere dell'amministrazione comunale. Era destinato fin dall'origine a un preciso scopo: rifornire d'acqua l'area sud della città, ovvero i quartieri EUR, Tor Bella Monaca, Prenestino-Labicano.[1]

È alimentato dalle sorgenti di Pantano Borghese e di Torre Angela.

Il percorso, interamente sotterraneo tranne un tratto di circa 500 metri su arcate, è lungo 15 km.

Dato l'utilizzo a cui l'acqua era destinata, non era necessaria la presenza di alcun bacino di decantazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ medaglied-oro.it, http://medaglied-oro.it/storia_acea.htm. .

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Romolo Augusto Staccioli, Acquedotti, fontane e terme di Roma antica, Roma, Newton & Compton, 2005.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]