Achille Lauro (nave)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Achille Lauro
Achille38.jpg
Achille Lauro nel 1987
Descrizione generale
Civil Ensign of Italy.svg
TipoTransatlantico e nave da crociera
ProprietàKoninklijke Rotterdamsche Lloyd (1947-1965)
Flotta Lauro (1965-1987)
Starlauro (1987-1994)
Porto di registrazioneFlag of the Netherlands.svg Rotterdam (1947-1965)
Civil Ensign of Italy.svg Napoli (1965-1994)
IdentificazioneIndicativo di chiamata radio ITU:
India
I
Bravo
B
Hotel
H
Echo
E
(India-Bravo-Hotel-Echo)

Numero IMO: 5390008
CostruttoriDe Schelde
CantiereFlessinga, Paesi Bassi
Impostazione1938
Varoluglio 1946
Completamento1947
Destino finaleAffondata il 2 dicembre 1994
Caratteristiche generali
Stazza lorda23.629 tsl
Lunghezza192,4 m
Larghezza25 m
Altezza14,5 m
Propulsione8 motori Diesel elettrici Sulzer, 2 assi, 2 eliche
23.500 CV
Velocità21 nodi (39 km/h)
Equipaggio320
Passeggeri152 passeggeri in prima classe, 1.155 in turistica
voci di navi passeggeri presenti su Wikipedia

L'Achille Lauro fu un transatlantico, varato come Willem Ruys e successivamente intitolato all'armatore Lauro quando questi la comprò negli anni sessanta per trasformarla in nave da crociera. Nota per il dirottamento avvenuto nel 1985, naufragò nel 1994 per un incendio al largo della costa somala, adagiandosi su un fondale di 5.000 metri alle coordinate 7°14,1' Nord 51°19,8' Est.

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Willem Ruys in servizio per KRL

Ordinata come Willem Ruys, il suo scafo fu impostato nel 1938 dai cantieri navali Damen Schelde Naval Shipbuilding di Flessinga (Paesi Bassi) per conto della Koninklijke Rotterdamsche Lloyd (KRL). La costruzione fu ritardata dalla seconda guerra mondiale e da due bombardamenti e la nave non fu varata fino al luglio 1946. La Willem Ruys fu completata alla fine del 1947 e compì il suo viaggio inaugurale il 2 dicembre 1947. Era dotata di un impianto di desalinizzazione per ricavare acqua potabile dall'acqua di mare. Fino al 1963 rimase in servizio sulla linea Europa-Australia. Successivamente fu usata per crociere nel Mediterraneo.

Nel 1964, fu venduta alla Flotta Lauro e ribattezzata Achille Lauro. Ricostruita estensivamente e modernizzata nei Cantieri Navali Riuniti di Palermo, rientrò in servizio nel 1966 come nave da crociera. Nell'aprile 1975, mentre si trovava nello stretto dei Dardanelli, entrò in collisione con una nave trasporto bestiame, la Yousset, che affondò. Nel 1987, successivamente al fallimento avvenuto nel 1982 della Flotta Lauro, passò alla Starlauro di Eugenio Buontempo e Salvatore Pianura e quindi, nel 1991, alla Mediterranean Shipping Company di Gianluigi Aponte.

Per quattro volte (1965, 1972, 1981 e 1994) l'imbarcazione fu colpita da incendi, l'ultimo dei quali, scoppiato il 30 novembre 1994, ne causò l'affondamento il 2 dicembre, tre giorni dopo.

Achille Lauro incendiata durante i lavori di trasformazione ai Cantieri Navali Riuniti di Palermo nel 1965

Il dirottamento[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Dirottamento dell'Achille Lauro.

Il 7 ottobre 1985, mentre compiva una crociera nel Mediterraneo, al largo delle coste egiziane, fu dirottata da un commando del Fronte per la Liberazione della Palestina (FLP). A bordo erano presenti 201 passeggeri e 344 uomini dell'equipaggio.

Dopo frenetiche trattative diplomatiche, si giunse in un primo momento a una felice conclusione della vicenda, grazie all'intercessione dell'Egitto, dell'OLP di Arafat (che in quel periodo aveva trasferito il quartier generale dal Libano a Tunisi a causa dell'invasione israeliana del Libano) e dello stesso Abu Abbas (uno dei due negoziatori, proposti da Arafat, insieme a Hani el-Hassan, un consigliere dello stesso Arafat[1]), che convinse i terroristi alla resa in cambio della promessa dell'immunità.

Due giorni dopo si scoprì tuttavia che a bordo era stato ucciso un cittadino statunitense, Leon Klinghoffer, ebreo e paraplegico: l'episodio provocò la reazione degli Stati Uniti.

Dopo aver lasciato Alessandria d'Egitto e aver effettuato uno scalo in Grecia, l'Achille Lauro si diresse verso Napoli, quando la CIA passò un'informazione, forse proveniente dai servizi egiziani, relativa alla possibile presenza di esplosivo su alcune casse caricate ad Alessandria. Pur non potendo verificare la veridicità dell'informazione il SISMI, in accordo con il comandante della nave Gerardo De Rosa, decise per precauzione di far gettare in mare alcune casse di cui non era stato possibile controllare il contenuto[1].

Nel 1990 il dirottamento fu raccontato in un film per la televisione, L'Achille Lauro - Viaggio nel terrore con Burt Lancaster e Eva Marie Saint.

Nel 1991 alla vicenda si ispirò il compositore statunitense John Adams con l'opera La morte di Klinghoffer.

L'incendio e il naufragio[modifica | modifica wikitesto]

La nave era stata acquisita nel 1991 dalla Mediterranean Shipping Company S.A. (MSC). Il 30 novembre 1994, mentre era in navigazione al largo della Somalia durante una crociera tra Genova e il Sudafrica, scoppiò un incendio che due giorni più tardi, il 2 dicembre, ne causò l'affondamento.

Una dozzina di navi parteciparono ai soccorsi, tra le quali la fregata americana Halyburton[2] e la petroliera Hawaiian King, che imbarcò la maggior parte dei naufraghi. I superstiti furono trasportati nei porti di Mombasa e Gibuti.[3][4]

L'armatore aveva stipulato un contratto di recupero con la compagnia Murri International Salvage freres di 5 miliardi di lire ma nonostante i disperati tentativi di salvare il relitto in fiamme trainandolo in porto, la nave si voltò su un fianco poco dopo essere stata agganciata da un rimorchiatore e affondò rapidamente. Le Assicurazioni Generali dovettero risarcire i beni dei passeggeri con circa 28 miliardi di lire.[5] Nell'evento ci furono tre vittime, un disperso e otto feriti, la commissione d'inchiesta istituita dal ministero dei Trasporti concluse i suoi lavori evidenziando l'incendio colposo, ma sottolineando l’impossibilità di accertare le responsabilità dell’accaduto.[6]

È stato escluso il recupero del relitto, per via della sua antieconomicità e per via del fatto che nel punto dell'affondamento, a 95 miglia dalla costa somala, in pieno Oceano Indiano, la profondità è di circa 5.000 m.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Fulvio Martini, Nome in codice Ulisse, pag 112 e seguenti, 1999, Rizzoli, ISBN 88-17-86096-4
  2. ^ Achille Lauro Smolders After 1,000 Are Rescued, su nytimes.com. URL consultato il 18 marzo 2021.
  3. ^ Finalmente verso terra, su ricerca.repubblica.it. URL consultato il 18 marzo 2021.
  4. ^ 1994: Blazing liner abandoned off east Africa, su news.bbc.co.uk. URL consultato il 18 marzo 2021.
  5. ^ https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1994/12/03/in-fondo-all-oceano.html
  6. ^ INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/02514 presentata da RUSSO SPENA GIOVANNI (RIFONDAZIONE COMUNISTA) in data 19/03/2002, su dati.camera.it. URL consultato il 18 marzo 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENn85276933