Accordo di associazione tra l'Ucraina e l'Unione europea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Accordo d'associazione tra l'Ucraina e l'Unione Europea
European Union Ukraine Locator.svg
Mappa dell'Europa con l'Unione europea in verde e l'Ucraina in arancione.
Tipotrattato Accordo di associazione con l'Unione europea
Firma21 marzo 2014
(Preamble, Article 1, Titles I, II & VII)[1]
Efficacia27 giugno 2014
PartiUcraina
Unione europea
FirmatariUcraina, Unione europea
LingueTutte le lingue ufficiali dell'Unione europea e ucraino
voci di trattati presenti su Wikipedia

L'accordo di associazione Ucraina-Unione europea è un accordo di associazione politica ed economica tra Unione europea (UE), Euratom, Ucraina e i 28 Stati membri dell'UE (come parti separate in aggiunta all'UE e all'Euratom). È entrato in vigore il 1º settembre 2017, dopo che in precedenza era stato applicato in via parziale e provvisoria. Le parti si sono impegnate a cooperare e a far convergere politica economica, legislazione e regolamentazione in un'ampia gamma di settori, tra cui la parità di diritti per i lavoratori, i passi verso la libera circolazione delle persone, lo scambio di informazioni e personale nel settore della giustizia, la modernizzazione delle infrastrutture energetiche dell'Ucraina e l'accesso alla Banca centrale europea per gli investimenti. Le parti si sono impegnate a regolari riunioni al vertice e riunioni tra ministri, altri funzionari ed esperti. L'accordo stabilisce inoltre una zona di libero scambio approfondita e completa tra le parti.

L'accordo impegna l'Ucraina a riforme economiche, giudiziarie e finanziarie per convergere le sue politiche e la legislazione a quelle dell'Unione europea. L'Ucraina si impegna a conformarsi gradualmente alle norme tecniche e dei consumatori dell'UE.[2] L'UE si impegna a fornire all'Ucraina sostegno politico e finanziario, accesso alla ricerca e alla conoscenza e accesso preferenziale ai mercati dell'UE. L'accordo impegna le parti a promuovere una graduale convergenza verso la politica di sicurezza e di difesa comune dell'UE e le politiche dell'Agenzia europea di difesa.

L'accordo arriva dopo oltre due decenni in cui le parti hanno cercato di stabilire legami più stretti tra loro. Da un lato, l'Unione europea vuole garantire che le sue importazioni di grano e gas naturale dall'Ucraina, così come le sue esportazioni di merci verso l'Ucraina, non siano minacciate dall'instabilità nella regione, ritenendo che l'instabilità potrebbe alla fine essere ridotta attraverso il sociopolitico e riforme economiche in Ucraina.[3][4] L'Ucraina, d'altra parte, vuole aumentare le proprie esportazioni beneficiando del libero scambio con l'Unione europea, attraendo nel contempo interessanti investimenti esterni e stabilendo legami più stretti con un'entità sociopolitica alla quale molti ucraini sentono un forte legame culturale. L'Ucraina occidentale è generalmente più entusiasta dell'appartenenza all'UE rispetto all'Ucraina orientale.[5][6]

Le disposizioni politiche del trattato sono state firmate il 21 marzo 2014 dopo una serie di eventi che hanno bloccato la ratifica, culminata in una rivoluzione in Ucraina e rovesciato l'allora presidente in carica dell'Ucraina, Viktor Janukovyč.[7] Queste proteste furono scatenate principalmente dal rifiuto dell'ultimo minuto[8] di Janukovyč di firmare l'accordo. La Russia, il secondo partner commerciale dell'Ucraina, ha invece presentato come alternativa un'alternativa con l'Unione doganale esistente di Russia, Bielorussia e Kazakistan.[9][10] Dopo il 21 marzo 2014 le questioni relative all'integrazione commerciale sono state temporaneamente messe da parte (in attesa dei risultati delle elezioni presidenziali ucraine del 25 maggio 2014) finché l'Unione europea e il nuovo presidente ucraino Petro Poroshenko hanno firmato la parte economica dell'accordo Ucraina-Unione europea sull'associazione 27 giugno 2014,[11] e lo ha descritto come il "primo ma decisivo passo" dell'Ucraina verso l'adesione all'UE.[12]

I titoli III, V, VI e VII e i relativi allegati e protocolli dell'accordo sono stati applicati in via provvisoria dal 1º novembre 2014, mentre il titolo IV è stato applicato dal 1º gennaio 2016[13], per quanto riguarda le disposizioni relative alle competenze dell'UE. Le disposizioni sono entrate ufficialmente in vigore il 1º settembre 2017 in seguito alla ratifica dell'accordo da parte di tutti i firmatari.[1]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Ucraina[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal tardo XVIII secolo gran parte dell'Ucraina fu la prima parte dell'Impero russo. In seguito, l'Ucraina occidentale faceva parte dell'impero austro-ungarico e passò poi alla seconda repubblica polacca fino all'invasione sovietica della Polonia del 1939.[14] La RSS Ucraina fece parte dell'Unione Sovietica dal 1922, fino a dichiarare l'indipendenza il 24 agosto 1991.[14] L'Ucraina indipendente ha originariamente mantenuto forti legami con la Russia, e come tale l'economia dell'Ucraina si è integrata con l'economia russa.[2]

Prima della firma del trattato, circa un terzo del commercio estero dell'Ucraina era con l'Unione europea (UE); un altro terzo era con la Russia.[2]

Unione europea[modifica | modifica wikitesto]

La Comunità europea del carbone e dell'acciaio fu costituita nel 1952, composta da sei paesi dell'Europa occidentale. Ciò porterebbe all'Unione europea nel 1992 con l'aumento delle potenze centrali e l'aumento dell'effettivo ha raggiunto i 28 entro il 2013. L'Unione ha un mercato comune e ha tra le altre la competenza a concludere accordi commerciali. L'Unione ha competenza solo trasferita dagli Stati membri, e quindi quando un trattato include settori in cui non ha competenza, gli Stati membri diventano parte del trattato a fianco dell'Unione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Adesione dell'Ucraina all'Unione europea.

Il 22 luglio 2008 è stato annunciato che sarebbe stato firmato un accordo tipo "Stabilizzazione e associazione" tra l'Ucraina e l'Unione europea.[15] Tuttavia, nel 2011 l'alto rappresentante dell'Unione europea per gli affari esteri, Catherine Ashton, ha avvertito l'Ucraina che, sebbene continui a parlare di un accordo di associazione dell'Unione europea con l'Ucraina, il processo di ratifica del trattato "affronterà problemi se non vi sarà un'inversione nell'approccio delle autorità ucraine "verso il processo contro l'ex primo ministro ucraino Julija Tymošenko.[16] L'accordo di associazione deve essere ratificato da tutti gli stati membri e dal Parlamento europeo affinché il documento abbia effetto.[16] La condanna di Tymoshenko a sette anni di carcere l'11 ottobre 2011 è stata accolta con proteste nazionali e internazionali e ha minacciato le relazioni tra Ucraina e Unione europea.[17][18] La stessa Tymoshenko ha affermato che la sua reclusione non dovrebbe impedire all'Unione europea di stabilire legami più stretti con l'Ucraina.[19] La firma di un accordo di associazione tra l'Ucraina e l'Unione europea, sebbene finalizzata, è stata posticipata il 19 dicembre 2011. Secondo una dichiarazione congiunta dell'Ucraina e dell'UE adottata in occasione di un vertice Ucraina-UE, la ratifica del trattato dipendeva dall'Ucraina "rispetto dei valori comuni e dello Stato di diritto con un sistema giudiziario indipendente".[20][21][22][23] Il Commissario europeo per l'Allargamento e la politica europea di vicinato, Štefan Füle, ha dichiarato il 27 febbraio 2012 che "sperava" che l'accordo di associazione fosse siglato entro un mese e "vedesse" che sarebbe stato firmato il prossimo autunno. Ha anche rilevato "la necessità di agire in sei aree chiave" (principalmente riforme giuridiche e libertà democratiche).[24][25][26] Il 29 febbraio 2012 il Partito popolare europeo ha chiesto l'immediata liberazione di Julija Tymošenko, Jurij Lucenko e altri prigionieri politici, e ha insistito sul fatto che l'accordo di associazione tra l'Ucraina e l'Unione europea non dovrebbe essere firmato e ratificato fino a quando tali richieste non saranno soddisfatte.[27][28]

Passaggi iniziali[modifica | modifica wikitesto]

L'accordo di associazione dell'UE (AA) è stato siglato il 30 marzo 2012 a Brussel;[29] Il trattamento e la condanna (considerato dai leader dell'UE come un processo politicamente motivato) dell'ex primo ministro ucraino Julija Tymošenko aveva messo a dura prova le relazioni tra l'UE e l'Ucraina[30] L'Unione europea e alcuni dei suoi Stati membri, in particolare la Germania, hanno fatto pressioni sul presidente ucraino Viktor Janukovyč e il suo governo Azarov per fermare la detenzione di Tymošenko in timore della sua salute degradante.[31] Diversi incontri con Janukovyč vennero abbandonati dai leader dell'UE, incluso il presidente tedesco Joachim Gauck.[32][33]

Su richiesta dei politici dell'opposizione in Ucraina, i funzionari del governo dell'UE hanno boicottato il campionato UEFA Euro 2012 in Ucraina. I leader dell'UE hanno suggerito che l'AA e la zona di libero scambio globale e approfondita non possano essere ratificati a meno che l'Ucraina non abbia espresso preoccupazione per un "netto deterioramento della democrazia e dello stato di diritto", compresa l'imprigionamento di Tymošenko e Jurij Lucenko nel 2011 e 2012 .

Una dichiarazione del 10 dicembre 2012 del Consiglio "Affari esteri" dell'UE ribadisce il suo impegno a firmare l'accordo di associazione già siglato, compresa una zona di libero scambio approfondita e completa, non appena le autorità ucraine dimostreranno un'azione determinata e progressi tangibili nelle tre aree di cui sopra, probabilmente al momento del vertice del partenariato orientale a Vilnius nel novembre 2013 ". Queste tre aree sono: "Riforme elettorali, giudiziarie e costituzionali (in linea con gli standard internazionali ne sono parte integrante e priorità concordate)".[34]

Kostjantyn Jelisjejev, ambasciatore dell'Ucraina presso l'UE, ha risposto nel febbraio 2013 respingendo qualsiasi condizione preliminare dell'UE per la firma dell'AA.[35] Tuttavia, il 22 febbraio 2013 è stata approvata una risoluzione di 315 dei 349 membri registrati della Verkhovna Rada, in cui si afferma che "nell'ambito delle sue competenze" il parlamento garantirà l'attuazione delle "raccomandazioni" del Consiglio Affari esteri dell'UE del 10 dicembre 2012.[36] Al 16º vertice UE-Ucraina del 25 febbraio 2013,[37] Il presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, ha fatto seguito alla dichiarazione del Consiglio "Affari esteri" del dicembre 2012 ribadendo la "richiesta di un'azione decisa e progressi concreti dell'UE in questi settori - al più tardi entro maggio di quest'anno".[38] Lo stesso giorno il presidente Yanukovich ha dichiarato che l'Ucraina "farà del suo meglio" per soddisfare i requisiti dell'UE.[38] All'epoca il presidente Yanukovich era anche in trattative con la Russia per "trovare il modello giusto" per la cooperazione con l'Unione doganale di Bielorussia, Kazakistan e Russia.[38] Ma anche il 25 febbraio 2013, il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso ha chiarito che "un paese non può allo stesso tempo essere membro di un'unione doganale e stare in una zona comune di libero scambio con l'Unione europea".[38]

Per coordinare la preparazione dell'Ucraina all'integrazione europea, il governo dell'Ucraina ha adottato un piano sulle misure prioritarie per l'integrazione europea dell'Ucraina per il 2013. La corretta attuazione del piano è stata presupposta come una delle condizioni necessarie per la firma dell'accordo di associazione, previsto per 29 novembre 2013 durante il vertice del partenariato orientale a Vilnius.[39][40]

Nel marzo 2013, Stefan Fuele, Commissario UE per l'Allargamento, ha informato il Parlamento europeo che mentre le autorità ucraine avevano dato il loro "impegno inequivocabile" per affrontare le questioni sollevate dall'UE, diversi incidenti "inquietanti" recenti, incluso l'annullamento dell'avvocato di Tymoshenko Il mandato di Serhiy Vlasenko nella Verkhovna Rada (il parlamento ucraino) potrebbe ritardare la firma degli accordi. Tuttavia, il giorno successivo il Ministero degli Affari Esteri ucraino ha espresso il suo ottimismo sul fatto che sarebbero stati ancora firmati a novembre.[41] Il 7 aprile 2013 un decreto del presidente Yanukovych ha liberato Lutsenko dal carcere e l'ha esentato, e il suo collega ministro nel secondo governo di Tymoshenko Heorhiy Filipchuk, da ulteriori pene.[42] Il 3 settembre 2013, nella sessione di apertura della Verkhovna Rada dopo la pausa estiva, il presidente Yanukovych ha esortato il suo parlamento ad adottare leggi affinché l'Ucraina possa soddisfare i criteri dell'UE e essere in grado di firmare l'accordo di associazione nel novembre 2013.[43] Il 18 settembre il gabinetto ucraino ha approvato all'unanimità il progetto di accordo di associazione.[44] Il 25 settembre 2013 il presidente della Verchovna Rada Volodymyr Rybak ha dichiarato che era sicuro che il suo parlamento avrebbe approvato tutte le leggi necessarie per soddisfare i criteri UE per l'Accordo di associazione poiché, ad eccezione del Partito comunista ucraino.[45][46][46][47] Il 20 novembre 2013, il commissario europeo per l'allargamento, Stefan Fuele, ha dichiarato che si aspettava che il Verkhovna Rada sarebbe il giorno successivo[39] prendere in considerazione e adottare le fatture rimanenti necessarie per la firma dell'accordo di associazione, previsto per il 29 novembre 2013.

Stallo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Euromaidan.

«Sappiamo quanto gli ucraini si sentono europei, quanto si preoccupano dell'Europa. Noi, naturalmente, proseguiremo le nostre conversazioni con i nostri partner ucraini, ben sapendo che dovremmo sempre rispettare le decisioni sovrane dell'Ucraina.»
— José Manuel Barroso, Presidente della Commissione europea, al vertice UE del 28-29 novembre 2013 a Vilnius (29 novembre 2013)[48]

Il 21 novembre 2013 la Verkhovna Rada ha omesso di trasmettere una delle sei mozioni per consentire all'ex primo ministro Yulia Tymoshenko di ricevere cure mediche all'estero, che era una richiesta dell'UE per la firma dell'accordo di associazione.[49][50] La stessa settimana Tymoshenko aveva dichiarato di essere pronta a chiedere all'UE di abbandonare la richiesta della sua libertà se ciò significava che il presidente Viktor Janukovyč avrebbe firmato l'accordo di associazione.[51] Lo stesso giorno un decreto del governo ucraino ha sospeso i preparativi per la firma dell'accordo di associazione; invece ha proposto la creazione di una commissione commerciale a tre vie tra l'Ucraina, l'Unione europea e la Russia per risolvere le questioni commerciali tra le parti.[49] Il primo ministro Mykola Azarov ha emesso il decreto al fine di "garantire la sicurezza nazionale dell'Ucraina" e in considerazione delle possibili ramificazioni degli scambi con la Russia (e altri paesi della CSI)[52] se l'accordo è stato firmato in un vertice del 28-29 novembre a Vilnius.[49][53][54] Secondo il vice primo ministro ucraino Yuriy Boyko, l'Ucraina riprenderà a preparare l'accordo "quando il calo della produzione industriale e le nostre relazioni con i paesi della CSI saranno compensati dal mercato europeo, altrimenti l'economia del nostro paese subirà gravi danni".[52] Alcuni diplomatici dell'UE erano più scettici sulle ragioni avanzate.[55] Più tardi, il 21 novembre 2013, il segretario stampa presidenziale russo, Dmitrij Peskov, ha definito il decreto ucraino "una decisione strettamente interna e sovrana del paese, e riteniamo di non avere il diritto di commentarlo" e ha affermato che la Russia era pronta ad avere negoziati tripartiti con l'Ucraina e l'UE su questioni economiche e commerciali.[56] La missione di monitoraggio del Parlamento europeo in Ucraina ha dichiarato (anche il 21 novembre 2013) che c'era ancora la possibilità di firmare l'accordo di associazione UE-Ucraina.[50] Lo stesso giorno il presidente ucraino Viktor Janukovyč ha dichiarato "un'alternativa per le riforme in Ucraina e un'alternativa per l'integrazione europea non esiste... Stiamo camminando su questa strada e non stiamo cambiando direzione".[57][58][59]

Nei giorni successivi, l'Euromaidan, le più grandi proteste dalla Rivoluzione arancione, si sono svolte a Kiev dai partiti d'opposizione.[60][61] Il 26 novembre 2013 il governo ucraino ha ammesso che la Russia aveva chiesto di ritardare la firma dell'accordo di associazione dell'UE e che "voleva condizioni migliori per l'accordo dell'UE".[62] "Non appena raggiungiamo un livello che ci sta bene, quando soddisfa i nostri interessi, quando concordiamo in termini normali, allora parleremo della firma", ha dichiarato il presidente Janukovyč in un'intervista televisiva.[62] Lo stesso giorno il presidente russo Vladimir Putin ha chiesto la fine delle critiche alla decisione ucraina di ritardare l'accordo di associazione, e che l'accordo con l'UE è stato negativo per gli interessi di sicurezza della Russia.[62] Putin ha risposto alle dichiarazioni del presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, e del presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, che avevano dichiarato di "disapprovare fortemente" le azioni della Russia.[62] Il 26 novembre 2013 il primo ministro Azarov ha dichiarato durante una riunione del governo "Affermo con piena autorità che il processo negoziale sull'Accordo di associazione sta continuando e che il lavoro per avvicinare il nostro paese agli standard europei non si ferma per un solo giorno".[63] Il presidente Yanukovych ha partecipato comunque al vertice UE del 28-29 novembre a Vilnius, ma l'accordo di associazione non è stato firmato[63][64][65] Durante questo summit, l'Unione europea e l'Ucraina hanno siglato un accordo sui servizi aerei.[66] Sempre durante il vertice, il presidente Yanukovich ha dichiarato che l'Ucraina desiderava ancora firmare l'accordo di associazione, ma che aveva bisogno di sostanziali aiuti finanziari per compensare la risposta minacciata dalla Russia e ha proposto di avviare negoziati a tre vie tra Russia, Ucraina e UE . Ha anche sollecitato Bruxelles ad aiutare l'Ucraina ad attenuare i termini di un possibile prestito dall'FMI.[67] L'UE ha respinto i colloqui trilaterali e ha chiesto a Yanukovich di impegnarsi a firmare l'accordo di associazione, che ha rifiutato di fare.[67] Alla fine di un vertice, il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso ha dichiarato che l'UE non tollererà "un veto di un paese terzo" nei negoziati per una più stretta integrazione con l'Ucraina.[68] Ha anche dichiarato: "Abbiamo intrapreso un lungo viaggio, aiutando l'Ucraina a diventare, come altri, ciò che chiamiamo ora "nuovi Stati membri", ma dobbiamo mettere da parte i calcoli politici a breve termine".[69]

Il presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, ha aggiunto che "non possiamo cedere alle pressioni esterne, meno che mai dalla Russia".[68] Barroso ha ribadito che l'offerta dell'UE all'Ucraina in termini di firma di un accordo di associazione è rimasta sul tavolo.[67][70][71][72][73] Contemporaneamente, il presidente Janukovyč ha dichiarato che intende ancora firmare l'accordo di associazione in un secondo momento "una volta che ci mettiamo al lavoro e troveremo soluzioni per problemi economici, quando avremo l'opportunità di firmare un accordo di partnership strategica con la Russia e tutto il resto bisogno di fare, in modo che possano essere stabilite relazioni normali tra l'Unione europea, la Russia e l'Ucraina... questa è la nostra responsabilità.[74]

Firma[modifica | modifica wikitesto]

Il presidente Viktor Yanukovych venne rimosso dal potere dal voto di maggioranza del parlamento ucraino[75] dopo la rivoluzione ucraina del 2014 e sostituito da un nuovo governo ad interim nel febbraio 2014. In un vertice UE a Bruxelles il 21 marzo 2014, il nuovo primo ministro ucraino, Arseniy Yatseniuk, e i leader dell'Unione europea Herman Van Rompuy e José Manuel Barroso, insieme al 28 leader politici nazionali o capi di stato del Consiglio europeo, hanno firmato a Bruxelles le disposizioni politiche dell'AA,[7][76] con la DCFTA da firmare dopo le elezioni presidenziali di maggio 2014.[77][78] L'Unione europea e il (allora) nuovo presidente ucraino Petro Poroshenko hanno firmato la parte economica dell'accordo di associazione Ucraina-Unione europea il 27 giugno 2014,[11][79] e lo ha descritto come il "primo ma decisivo passo" dell'Ucraina verso l'adesione all'UE.[12] Presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, ha detto alla cerimonia della firma: "A Kiev e altrove, le persone hanno dato la loro vita per questo avvicinamento all'Unione europea. Non dimenticheremo questo."[80]

Ratifica[modifica | modifica wikitesto]

     Firmatari dell'accordo / Stati che hanno depositato lo strumento di ratifica

I titoli III, V, VI e VII e i relativi allegati e protocolli dell'accordo sono stati applicati in via provvisoria dal 1º novembre 2014, mentre il titolo IV è stato applicato dal 1º gennaio 2016[13] per quanto riguarda le disposizioni relative alle competenze dell'UE. Le disposizioni sono entrate ufficialmente in vigore il 1º settembre 2017 in seguito alla ratifica dell'accordo da parte di tutti i firmatari.[1]

Firmatario Data Istituito A favore Contro Astensione Depositato[1] Nota
Austria Austria 8 luglio 2015 Consiglio nazionale 134 47 0 6 agosto 2015 [81]
24 luglio 2015 Consiglio federale Approvato [81]
31 luglio 2015 Assenso presidenziale Concesso [82]
Belgio Belgio
23 aprile 2015 Camera dei rappresentanti 102 17 19 1º febbraio 2016 [83][84]
13 maggio 2015 Assenso monarchico (legge federale) Concesso [85]
1 luglio 2015
Parlamento vallone (comunità)
(regionale)[86]
63 2 4 [87]
61 2 4 [87]
22 giugno 2015 Parlamento della Comunità germanofona 16 2 1 [88]
24 giugno 2015 Comunità francofona 71 0 8 [89]
20 novembre 2015 Parlamento regionale di Brussel 69 3 3 [90]
20 novembre 2015
Assemblea Unita di Brussel (in francese)
(in olandese)
53 3 1 [91]
14 0 2
17 giugno 2015
Parlamento fiammingo (comunità)
(regionale)
82 18 [92]
87 19 [92]
24 giugno 2015 Assemblea COCOF 71 0 8 [93][94]
Bulgaria Bulgaria 24 luglio 2014 Assemblea nazionale 90 2 1 9 settembre 2014 [95]
28 luglio 2014 Assenso presidenziale Concesso [96]
Croazia Croazia 12 dicembre 2014 Parlamento 118 0 0 24 marzo 2015 [97]
18 dicembre 2014 Assenso presidenziale Concesso [98]
Cipro Cipro 29 ottobre 2015 Camera dei rappresentanti Approvato 29 gennaio 2016 [99]
6 novembre 2015 Assenso presidenziale Concesso [100]
Rep. Ceca Rep. Ceca 10 dicembre 2014 Senato 52 3 12 12 novembre 2015 [101]
17 settembre 2015 Camera dei deputati 107 29 2 [101][102]
27 ottobre 2015 Assenso presidenziale Concesso [103]
Danimarca Danimarca 18 dicembre 2014 Parlamento 102 8 0 18 febbraio 2015 [104]
Estonia Estonia 4 novembre 2014 Assemblea 65 1 0 12 gennaio 2015 [105][106]
13 novembre 2014 Assenso presidenziale Concesso [107]
Unione europea Unione europea e CEEA 16 settembre 2014 Parlamento europeo 535 127 35 11 luglio 2017 [108]
11 luglio 2017 Consiglio dell'Unione europea Concesso [109]
Finlandia Finlandia 10 marzo 2015 Parlamento Approvato 6 maggio 2015 [110]
24 aprile 2015 Assenso presidenziale Concesso [111]
Francia Francia 7 maggio 2015 Senato Approvato 10 agosto 2015 [112]
25 giugno 2015 Assemblea nazionale Approvato [112]
8 luglio 2015 Assenso presidenziale Concesso [112]
Germania Germania 8 maggio 2015 Bundesrat 69 0 0 22 luglio 2015 [113][114]
26 marzo 2015 Bundestag 567 64 0 [115]
27 maggio 2015 Assenso presidenziale Concesso [116]
Grecia Grecia 18 novembre 2015 Parlamento Approvato 6 gennaio 2016 [117]
24 novembre 2015 Promulgazione presidenziale Concesso [118]
Ungheria Ungheria 25 novembre 2014 Assemblea nazionale 139 5 0 7 aprile 2015 [119]
5 dicembre 2014 Assenso presidenziale Concesso [119]
Irlanda Irlanda 27 gennaio 2015 Dáil Éireann 59 19 0 17 aprile 2015 [120][121]
Italia Italia 10 settembre 2015 Senato 145 39 14 11 dicembre 2015 [122]
11 giugno 2015 Camera dei deputati 245 112 31 [122][123]
29 settembre 2015 Assenso presidenziale Concesso [124]
Lettonia Lettonia 14 luglio 2014 Parlamento 79 0 0 31 luglio 2014 [125][126]
18 luglio 2014 Assenso presidenziale Concesso [127]
Lituania Lituania 8 luglio 2014 Parlamento 87 0 1 29 luglio 2014 [128][129]
11 luglio 2014 Assenso presidenziale Concesso [130]
Lussemburgo Lussemburgo 18 marzo 2015 Camera dei Deputati 52 2 3 12 maggio 2015 [131]
12 aprile 2015 Promulgazione granducale Concesso [132]
Malta Malta 21 agosto 2014 Camera dei Rappresentanti Approvato 29 agosto 2014 [133][134][135]
Paesi Bassi Paesi Bassi 7 aprile 2015 Camera dei rappresentanti 119 31 0 15 giugno 2017 [136]
7 luglio 2015 Senato 55 20 0 [137]
8 luglio 2015 Promulgazione monarchica Concesso [138]
6 aprile 2016 Referendum[139] 38.41% 61.59% 0.8%[140] [141]
23 febbraio 2017 Camera dei rappresentanti (dopo il referendum) 89 55 [142]
30 maggio 2017 Senate (dopo il referendum) 50 25 [143]
31 maggio 2017 Promulgazione reale (dopo il referendum) Concesso [144]
Polonia Polonia 4 dicembre 2014 Senato 76 0 0 24 marzo 2015 [145]
28 novembre 2014 Sejm 427 1 0 [146][147]
2 marzo 2015 Assenso presidenziale Concesso [148][149][150]
Portogallo Portogallo 20 marzo 2015 Assemblea della Repubblica Approvato 13 maggio 2015 [151]
23 aprile 2015 Assenso presidenziale Concesso [152]
Romania Romania 2 luglio 2014 Camera dei deputati 293 0 0 14 luglio 2014 [153]
3 luglio 2014 Senato 113 1 1 [154]
9 luglio 2014 Assenso presidenziale Concesso [155]
Slovacchia Slovacchia 24 settembre 2014 Consiglio nazionale 132 0 2 21 ottobre 2014 [156]
16 ottobre 2014 Assenso presidenziale Concesso [157]
Slovenia Slovenia 13 maggio 2015 Assemblea nazionale 68 3 1 27 luglio 2015 [158][159]
21 maggio 2015 Assenso presidenziale Concesso [160]
Spagna Spagna 15 aprile 2015 Senato Approvato 19 maggio 2015 [161][162]
19 febbraio 2015 Congresso dei Deputati 296 1 12 [163]
Assenso reale Concesso
Svezia Svezia 26 novembre 2014 Parlamento 250 44 0 9 gennaio 2015 [164]
Ucraina Ucraina 16 settembre 2014 Verchovna Rada 355 0 0 26 settembre 2014 [165]
16 settembre 2014 Assenso presidenziale Concesso [166]
Regno Unito Regno Unito 9 marzo 2015 Camera dei lord Approvato 8 aprile 2015 [167]
23 febbraio 2015 Camera dei comuni Approvato [168]
19 marzo 2015 Assenso reale Concesso [169]

Note della ratificazione[modifica | modifica wikitesto]

Malta
La ratifica è stata eseguita in conformità con l'articolo 4(2)(b) della legge sull'Unione europea di Malta,[133] che dice che: «A condizione che per quanto riguarda i trattati e le convenzioni internazionali a cui Malta possa aderire come Stato membro dell'Unione europea, nonché i trattati e le convenzioni internazionali che Malta è tenuta a ratificare in nome proprio o per conto della Comunità europea in virtù della sua adesione all'interno dell'Unione europea, queste entreranno in vigore un mese dopo la loro presentazione per essere discusse dalla Commissione permanente per gli affari esteri ed europei».[134]
Poiché il trattato è stato presentato alla commissione permanente per gli affari esteri ed europei il 21 luglio 2014,[135] il trattato è entrato in vigore come parte della legislazione maltese il 21 agosto 2014.
Paesi Bassi
A seguito dell'entrata in vigore del referendum Wet Raadgevend del 1º luglio 2015, un referendum consultivo si terrà per qualsiasi atto (dopo la sua approvazione) che non sia esplicitamente esentato in caso di richieste sufficienti.[170] Il 13 agosto il Kiesraad annunciò che erano state registrate 13.490 richieste valide per una richiesta preliminare di referendum, superando la soglia dei 10.000 richiesti. Ciò ha innescato la fase finale della richiesta referendaria, richiedendo 300.000 richieste tra il 18 agosto e il 28 settembre. Il 14 ottobre il Kiesraad annunciò che erano state ricevute 472.849 richieste, di cui 427.939 erano ritenute valide.[171] Poiché il requisito è stato soddisfatto, il 6 aprile 2016 si è tenuto un referendum consultivo sulla legge. Con un'affluenza del 32,28%, è stata raggiunta la soglia per un referendum valido. Il 61% dei voti era contrario alla legge di approvazione. Poiché la legge è stata respinta, gli Stati Generali devono emanare una legge di follow-up per abrogare l'Atto o per metterla in atto.
A seguito del referendum, il primo ministro dei Paesi Bassi, Mark Rutte, ha dichiarato che la ratifica sarebbe stata sospesa durante i negoziati con le altre parti del trattato per trovare un compromesso.[172][173] Nel dicembre 2016 è stata approvata una decisione dei capi di stato o di governo degli stati membri dell'UE che ha reso interpretazioni giuridicamente vincolanti dell'accordo per affrontare le preoccupazioni sollevate nel referendum. In particolare, ha dichiarato di non aver impegnato l'UE a concedere lo status di candidato all'adesione all'Ucraina dell'Ucraina, né di fornire garanzie di sicurezza, aiuti militari o finanziari o libera circolazione all'interno dell'UE.[174][175] La decisione entrerebbe in vigore se i Paesi Bassi ratificassero l'accordo, che doveva essere approvato dal suo parlamento.[176] Alla fine di gennaio 2017, il governo olandese ha presentato una proposta di legge per confermare l'approvazione dell'accordo.[177] La Camera dei rappresentanti olandese ha approvato il disegno di legge il 23 febbraio 2017.[178] Il Senato ha approvato il disegno di legge il 30 maggio 2017.[179]
Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord
La ratifica era basata sull'ordine 2015 dell'Unione europea (Definizione dei trattati) (accordo di associazione) (Ucraina), redatto conformemente alla sezione 1(3) della legge sulle Comunità europee del 1972, dopo essere stato approvato con una risoluzione di ciascuna Camera Parlamento.

Disposizioni[modifica | modifica wikitesto]

L'accordo richiede regolari vertici tra il presidente del Consiglio europeo e il presidente dell'Ucraina. Anche i membri del Consiglio dell'Unione europea e il Gabinetto dei ministri dell'Ucraina devono incontrarsi regolarmente, nonché membri del Parlamento europeo e del parlamento ucraino e altri funzionari ed esperti di entrambe le parti.

L'accordo impegna inoltre entrambe le parti a cooperare e a far convergere politica, legislazione e regolamentazione in un'ampia gamma di settori. Modello: come includere: uguali diritti per i lavoratori, passi verso la circolazione senza visti, scambio di informazioni e personale lo spazio di giustizia, la modernizzazione dell'infrastruttura energetica dell'Ucraina, l'accesso alla Banca europea per gli investimenti e una varietà di altri.

L'accordo impegna inoltre l'Ucraina a un'agenda di riforme economiche, giudiziarie e finanziarie ea un graduale ravvicinamento delle sue politiche e della sua legislazione a quelle dell'Unione europea. L'Ucraina si è inoltre impegnata ad adottare misure per conformarsi gradualmente agli standard tecnici e di consumo sostenuti dall'Unione europea. In cambio, l'Unione europea fornirà all'Ucraina sostegno politico e finanziario, accesso alla ricerca e alla conoscenza e accesso preferenziale ai mercati dell'UE. L'accordo impegna inoltre entrambe le parti a promuovere una graduale convergenza nel settore della politica estera e di sicurezza, in particolare la politica di sicurezza e di difesa comune dell'UE e le politiche stabilite dall'Agenzia europea per la difesa.

L'Ucraina garantirà inoltre che i suoi organi nazionali competenti partecipino pienamente alle organizzazioni europee e internazionali per la standardizzazione, la metrologia legale e fondamentale e la valutazione della conformità, compreso l'accreditamento in conformità con il suo settore di attività e lo status di membro a esso accessibile.[180]

L'Ucraina recepirà progressivamente il corpus delle norme europee (EN) come norme nazionali, comprese le norme europee armonizzate. Contemporaneamente a tale trasposizione, l'Ucraina ritirerà norme nazionali contrastanti, compresa la sua applicazione di norme interstatali (GOST / ГОСТ), elaborate prima del 1992. Inoltre, l'Ucraina soddisferà progressivamente le altre condizioni per l'adesione, in linea con i requisiti applicabili ai membri effettivi delle organizzazioni europee di normalizzazione.[180]

L'Ucraina ravvicinerà la propria legislazione sanitaria, fitosanitaria e sul benessere degli animali a quella dell'UE.[180]

Commercio[modifica | modifica wikitesto]

Le parti stabiliranno progressivamente una zona di libero scambio denominata Area di libero scambio globale e approfondita (DCFTA) per un periodo transitorio di massimo 10 anni a partire dall'entrata in vigore dell'accordo[180]

Ciascuna delle parti ridurrà o eliminerà i dazi doganali sui prodotti originari dell'altra parte. L'Ucraina eliminerà i dazi doganali sulle importazioni per determinati indumenti indossati e altri articoli usurati. Entrambe le parti non istituiscono né mantengono dazi doganali, tasse o altre misure di effetto equivalente imposte a, o in relazione con, l'esportazione di merci sul territorio l'una dell'altra. I dazi doganali vigenti o le misure di effetto equivalente applicate dall'Ucraina saranno gradualmente soppressi per un periodo transitorio. A ciascuna parte è impedito di mantenere, introdurre o reintrodurre sussidi all'esportazione o altre misure di effetto equivalente sui prodotti agricoli destinati al territorio dell'altra parte.[180]

Le parti istituiranno un "Dialogo sui rimedi commerciali" a livello di esperti come forum per la cooperazione in materia di rimedi commerciali. Il Dialogo cercherà di migliorare la conoscenza e la comprensione di una parte delle leggi, delle politiche e delle pratiche di rimedio commerciale dell'altra parte; migliorare la cooperazione tra le autorità delle parti responsabili delle questioni relative ai rimedi commerciali; discutere gli sviluppi internazionali nel settore della difesa commerciale; e a cooperare su qualsiasi altro rimedio commerciale.[180]

Le parti rafforzeranno la loro cooperazione nel campo delle norme tecniche, delle norme, della metrologia, della vigilanza del mercato, dell'accreditamento e delle procedure di valutazione della conformità al fine di aumentare la comprensione reciproca dei rispettivi sistemi e facilitare l'accesso ai rispettivi mercati. Nella loro cooperazione, le parti cercheranno di identificare, sviluppare e promuovere iniziative di facilitazione del commercio che possono includere: il rafforzamento della cooperazione normativa attraverso lo scambio di informazioni, esperienze e dati; cooperazione scientifica e tecnica, al fine di migliorare la qualità delle loro regolamentazioni tecniche, norme, prove, sorveglianza del mercato, certificazione e accreditamento e fare un uso efficiente delle risorse normative; promuovere e incoraggiare la cooperazione tra le rispettive organizzazioni, pubbliche o private, responsabili della metrologia, della standardizzazione, delle prove, della sorveglianza del mercato, della certificazione e dell'accreditamento; favorire lo sviluppo dell'infrastruttura di qualità per la standardizzazione, la metrologia, l'accreditamento, la valutazione della conformità e il sistema di sorveglianza del mercato in Ucraina; promuovere la partecipazione dell'Ucraina al lavoro delle organizzazioni europee collegate; e cercare soluzioni per barriere che possono sorgere; coordinare le loro posizioni nel commercio internazionale e nelle organizzazioni di regolamentazione come l'OMC e la Commissione economica per l'Europa delle Nazioni Unite (UN-ECE).[180]

L'Ucraina adotterà le misure necessarie per conseguire gradualmente la conformità con i regolamenti tecnici dell'UE e la normalizzazione, la metrologia, l'accreditamento, le procedure di valutazione della conformità e il sistema di vigilanza del mercato, e si impegna a seguire i principi e le pratiche stabiliti nelle pertinenti decisioni e regolamenti dell'UE. Per questo scopo l'Ucraina lo farà:[180]

  • integrare l'acquis dell'UE in materia nella sua legislazione;
  • effettuare le riforme amministrative e istituzionali necessarie per attuare l'accordo di associazione e l'accordo sulla valutazione della conformità e l'accettazione dei prodotti industriali (ACAA); e
  • fornire il sistema amministrativo efficace e trasparente necessario per l'attuazione di tali questioni.

Mentre i lavori per la firma di un accordo di libero scambio globale e approfondito tra l'Ucraina e l'UE sono iniziati nel 1999,[181] negoziati formali tra il governo ucraino e il commissario europeo per il commercio non sono stati avviati fino al 18 febbraio 2008.[182] A maggio 2011 rimanevano tre questioni in sospeso da risolvere nell'accordo di libero scambio: le quote sulle esportazioni ucraine di cereali, l'accesso al mercato dei servizi dell'UE e i nomi geografici dei prodotti ucraini. Oltre a questi problemi, l'accordo era pronto.[183] Nonostante le questioni in sospeso, l'Ucraina era pronta a firmare l'accordo nella sua forma attuale. Sebbene desiderasse una formulazione più rigorosa sulle prospettive di allargamento e sull'accesso al mercato dell'UE per i suoi camionisti, l'Ucraina aveva più di molti altri candidati nella fase equivalente del processo. L'accordo finalizzato è stato siglato il 19 luglio 2012.[184] La ratifica del DCFTA, come l'AA, è stata bloccata dall'UE per le preoccupazioni sullo stato di diritto in Ucraina.[185][186][187] Ciò include l'applicazione della giustizia selettiva e l'emendamento delle leggi elettorali. Di conseguenza, è stato anche messo in discussione il ruolo degli oligarchi ucraini nel sanzionare l'accordo.[188]

Se l'Ucraina scegliesse l'accordo, l'unione doganale della Bielorussia, del Kazakistan e della Russia della Commissione economica eurasiatica si ritirerebbe dagli accordi di libero scambio con il paese, secondo il consigliere presidenziale russo Sergei Glazyev.[189] Tuttavia, il 21 novembre 2013 un decreto del governo ucraino ha sospeso i preparativi per la firma dell'accordo che doveva essere firmato durante un vertice UE del 28-29 novembre 2013 a Vilnius, e non è stato firmato.[190][191][192] Il 7 dicembre 2013 la FISM ha chiarito che non insisteva su un aumento in una fase delle tariffe del gas naturale in Ucraina del 40%, ma raccomandava che venissero gradualmente innalzati a un livello economicamente giustificato, compensando al contempo le fasce più povere della popolazione per perdite da tale aumento rafforzando l'assistenza sociale mirata.[193] The same day IMF Resident Representative in Ukraine Jerome Vacher stated that this particular IMF loan is worth 4 billion US Dollars and that it would be linked with "policy, which would remove disproportions and stimulated growth".[39][48][49][50][53][54][57][64][70][194][195][196] La decisione di rinviare la firma dell'accordo di associazione ha portato alla rivoluzione ucraina del 2014.[63][197]

Effetti[modifica | modifica wikitesto]

Prima della firma finale dell'accordo il 27 giugno 2014 i funzionari russi hanno dichiarato che la Russia potrebbe molto probabilmente aumentare le tariffe sulle importazioni ucraine, la Russia è il principale mercato di esportazione dell'Ucraina, che rappresenta quasi un quarto del commercio internazionale dell'Ucraina.[198] Tuttavia, dopo l'aggressione russa contro l'Ucraina, l'UE è diventata il principale partner commerciale dell'Ucraina. È anche la sua principale fonte di investimenti esteri diretti (IED).[199]

Secondo la BBC News, l'accesso libero dell'Ucraina al mercato interno dell'UE (la più grande area di libero scambio del mondo) "dovrebbe portare una spinta a lungo termine" all'economia dell'Ucraina.[198] E il fatto che l'Ucraina abbia concordato nel trattato di attuare le regole e le disposizioni dell'UE dovrebbe migliorare il clima economico dell'Ucraina nel suo insieme "Il paese dovrà introdurre riforme di ampio respiro - aumentare la trasparenza, ridurre la corruzione e aumentare la qualità della sua produzione".[198] Ma ha avvertito che "a breve termine, questo causerà una grande quantità di dolore e interruzione".[198]

A partire dal 2016, i contingenti esenti da dazi per l'esportazione della maggior parte dei prodotti agricoli verso l'UE erano molto piccoli.[200]

Adesione dell'Ucraina all'Unione Europea[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Adesione dell'Ucraina all'Unione europea.

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

Unione europea[modifica | modifica wikitesto]

  • Unione europea Unione europea: Il presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, ha dichiarato, prima della firma delle disposizioni politiche dell'accordo di associazione il 21 marzo 2014, che l'accordo mostra il "fermo sostegno dell'UE per il corso che il popolo ucraino ha coraggiosamente perseguito" e che l'UE "è pronta a contribuire a ripristinare la stabilità macroeconomica nel paese ea rimuovere per un po 'i dazi doganali sulle esportazioni ucraine verso l'UE."[201]
  • Germania Germania: Il cancelliere tedesco Angela Merkel è stato uno dei leader europei che hanno firmato le disposizioni politiche dell'accordo il 21 marzo 2014 e ha affermato che l'accordo "è un modo per assicurare al governo ucraino e al popolo ucraino un sostegno più completo".[202]
  • Regno Unito Regno Unito: Il primo ministro britannico, David Cameron, è stato uno dei leader europei che ha firmato le disposizioni politiche dell'accordo il 21 marzo 2014 e ha dichiarato in una conferenza stampa che "il successo ucraino sarà una delle risposte più potenti all'aggressione russa."[203]

Russia[modifica | modifica wikitesto]

Russia Il 29 luglio 2013 la Russia ha vietato l'importazione di prodotti a base di cioccolato fabbricati dalla società ucraina Roshen e ha chiesto alla Bielorussia e al Kazakistan di seguire l'esempio. Un funzionario sanitario russo ha dichiarato che la compagnia non aveva rispettato gli standard di qualità e sicurezza, ma i critici hanno affermato che il divieto era inteso come un avvertimento contro l'Ucraina che si associa più strettamente con l'UE. Il proprietario di Roshen, Petro Poroshenko, è l'attuale presidente dell'Ucraina, e all'epoca era considerato pro-europeo.[204] Il 14 agosto 2013, il servizio federale delle dogane di funzionari russi ha iniziato a condurre ispezioni più severe sulle merci in arrivo dall'Ucraina rispetto a quelle che verrebbero normalmente effettuate.[205] Questo è durato fino al 20 agosto 2013[206] seguito da dichiarazioni del principale consulente economico del presidente russo Sergey Glazyev, secondo cui l'impatto della risposta della Russia all'Ucraina alla firma dell'accordo, comprese le tariffe e gli assegni commerciali, potrebbe portare a un default, un declino del tenore di vita e "politico e sociale" disordini "in Ucraina, e violerebbe il partenariato strategico russo-ucraino e il trattato di amicizia. Quest'ultimo, ha avvertito, significherebbe che la Russia non potrebbe essere garantita dalla Russia, che potrebbe intervenire nel paese su richiesta delle regioni filo-russe.[207][208][209][210]

Il presidente russo Vladimir Putin ha avvertito che membri dell'Unione doganale di Bielorussia, Kazakistan e Russia possono imporre ciò che ha definito misure protettive in caso di liberalizzazione degli scambi tra l'Ucraina e l'UE.[211][212][213] L'UE ha condannato le minacce della Russia, definendole inaccettabili.[211] Il primo ministro ucraino Mykola Azarov ha esortato la Russia "ad accettare la realtà dell'Ucraina firmando l'accordo UE" e ha condannato inutilmente qualsiasi barriera artificiale.[214]

Il presidente ucraino Viktor Yanukovich ha riaffermato il suo impegno per l'accordo durante il suo discorso annuale dell'Indipendence Day of Ukraine del 24 agosto, e l'ha definito un incentivo affinché l'Ucraina diventi uno stato europeo moderno. Nello stesso discorso, ha anche chiesto la conservazione e l'approfondimento dei legami con "... la Russia, i paesi della comunità eurasiatica, altri leader mondiali e nuovi centri di sviluppo economico."[215] I politici ucraini pro-europei dell'opposizione hanno commentato che le azioni russe erano coerenti con un documento trapelato che delineava una strategia del governo russo per allargare l'Unione doganale di Bielorussia, Kazakistan e Russia all'Ucraina e per impedirne l'ulteriore associazione con strutture euro-atlantiche. Tra le altre cose, il documento di 14 pagine elenca gli sforzi per promuovere la retorica filorussa nei media dominata da opinioni anti-russe, sanzionando proprietari d'affari ucraini europeisti, magnati della televisione e politici, gli sforzi per eleggere il presidente filo-russo Viktor Medvedchuk come presidente nel 2015 e una successiva epurazione dei funzionari pubblici europei. Il documento menziona anche la cooperazione con la Bielorussia e il Kazakistan a tale riguardo.[216][217] Gli esperti che commentano il "documento trapelato" hanno sostenuto che Medvedchuk non ha avuto alcuna possibilità di vincere le elezioni presidenziali del 2015 e non ha potuto interrompere seriamente la firma dell'accordo di associazione.[218][219]

Il 19 settembre 2013, il presidente Putin ha dichiarato che la Russia avrebbe imposto "misure protezionistiche" nei confronti dell'Ucraina dopo l'attuazione dell'accordo di associazione dell'UE.[9] Il giorno dopo Aleksei Pushkov, presidente della commissione per gli affari internazionali della Duma di Stato (il principale parlamento della Russia) ha commentato che l'Ucraina stava entrando in una "dipendenza semi-coloniale" dell'Unione europea.[220] L'8 ottobre 2013 il presidente Putin ha dichiarato che l'accordo di libero scambio "può creare alcuni problemi per il commercio e la cooperazione, alcuni danni possono essere fatti alla sfera economica ma non avremo problemi in campo politico, ne sono certo".[221]

Dopo che la parte economica dell'Ucraina-Accordo di associazione con l'Unione Europea è stata firmata il 27 giugno 2014 (dal nuovo presidente Petro Poroshenko) il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che fare l'Ucraina scegliendo tra la Russia e l'Unione europea dividerebbe il paese in due.[11]

Altri paesi[modifica | modifica wikitesto]

Canada Canada
Il ministro degli Esteri John Baird ha annunciato che la firma delle disposizioni politiche dell'accordo è "una pietra miliare storica sul cammino dell'Ucraina verso un futuro europeo" e che il Canada accoglie con favore le notizie.[222]

Calendario di attuazione[modifica | modifica wikitesto]

Nei colloqui trilaterali all'inizio di settembre 2014, la Commissione europea, il governo dell'Ucraina e la Russia hanno concordato di rinviare l'attuazione provvisoria dell'accordo fino alla fine del 2015. "Abbiamo convenuto di rinviare l'applicazione fino al 31 dicembre dell'anno prossimo", ha dichiarato l'UE - Il commissario al commercio Karel De Gucht, il 12 settembre 2014 a Brussel, alla fine dei colloqui con Alexey Ulyukaev, ministro degli Affari economici russo, e Pavlo Klimkin, ministro degli esteri dell'Ucraina. Secondo Interfax, il presidente dell'Ucraina Petro Porošenko aveva sostenuto questa decisione. Pavlo Klimkin ha dichiarato che anche l'Ucraina trarrà vantaggio dal rinvio: "Questa è una decisione molto importante e siamo molto grati all'UE per aver offerto un accesso privilegiato al mercato europeo, consentendo alle nostre aziende di prepararsi all'ulteriore liberalizzazione degli scambi".[223] L'approvazione dei paesi dell'UE è ancora in sospeso. La facilitazione commerciale unilaterale - l'abolizione dei dazi all'importazione nell'UE - resterà in vigore - a condizione dell'approvazione del Consiglio dei ministri dell'UE. Le tariffe sui prodotti UE esportati in Ucraina persistono.

Sullo sfondo ci sono le preoccupazioni della Russia per gli effetti negativi sull'economia russa, se i prodotti dell'UE entrassero nel mercato russo attraverso l'Ucraina. Pertanto, il governo russo ha annunciato nuove tariffe sui prodotti ucraini se, come previsto, l'accordo di associazione è entrato in vigore come previsto il 1º novembre 2014. Il danno per l'economia russa eliminando le tariffe di importazione in Ucraina è stimato in 2 miliardi di dollari dal lato russo.[224] Il 1º settembre 2014 la Russia ha presentato un elenco di 2370 richieste di modifica riguardanti le conseguenze per il commercio russo-ucraino. L'elenco era stato richiesto da Karel de Gucht l'11 luglio 2014. Secondo il quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitung, a Bruxelles si stava crescendo la convinzione che "i legami economici tra Mosca e Kiev non possono essere ignorati". Prima di entrare in vigore "migliaia di eccezioni devono essere concordate", informa la Süddeutsche Zeitung, riferendosi alle fonti di Brussel.[225]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Agreement details, Consiglio dell'Unione europea. URL consultato il 27 marzo 2014.
    Agreement details, Consiglio dell'Unione europea. URL consultato il 4 luglio 2014.
  2. ^ a b c Guide to the EU deals with Georgia, Moldova and Ukraine, BBC News (30 June 2014)
  3. ^ Peter Coy, Carol Matlack e Henry Meyer, The New Great Game: Why Ukraine Matters to So Many Other Nations, in Bloomberg BusinessWeek, 27 febbraio 2014. URL consultato il 23 marzo 2014.
  4. ^ Peter Moskowitz, What does the West want from Ukraine?, Al Jazeera, 6 marzo 2014. URL consultato il 23 marzo 2014.
  5. ^ Ukrainians dream of EU future, BBC News (28 January 2008)
    The language question, the results of recent research in 2012, RATING (25 May 2012)
    Ukraine favors Europe over Russia, new CNN poll finds, CNN (13 May 2014)
    CNN–Ukraine Crisis Poll Archiviato il 21 February 2015 Data nell'URL non combaciante: 21 febbraio 2015 in Internet Archive., ComRes (13 May 2014)
  6. ^ Mark Thompson, Soros: Ukraine needs EU Marshall Plan, CNN Money, 12 marzo 2014. URL consultato il 24 marzo 2014.
  7. ^ a b Ukraine crisis: EU signs association deal, BBC News, 21 marzo 2014. URL consultato il 21 marzo 2014.
  8. ^ Andrew Kramer, EU suspends trade deal talks with Ukraine, in The Boston Globe, 15 dicembre 2013. URL consultato il 27 marzo 2014 (archiviato il 28 marzo 2014).
  9. ^ a b Putin warns Ukraine over Europe ambitions, Reuters, 19 settembre 2013. URL consultato il 20 settembre 2013.
  10. ^ Ukraine, under pressure from Russia, puts brakes on E.U. deal, in The Washington Post. URL consultato il 23 marzo 2014.
  11. ^ a b c EU signs pacts with Ukraine, Georgia and Moldova, BBC News (27 June 2014)
  12. ^ a b Ukraine ratifies EU association agreement, in Deutsche Welle, 16 settembre 2014.
  13. ^ a b http://trade.ec.europa.eu/doclib/press/index.cfm?id=1425 EU Trade office: The trade part of the EU-Ukraine Association Agreement becomes operational on 1 January 2016 (December 31, 2015)
  14. ^ a b A History of Ukraine: The Land and Its Peoples by Paul Robert Magocsi, University of Toronto Press, 2010, ISBN 1442610212 (page 563/564 & 722/723)
    Ukraine: A History 4th edition by Orest Subtelny, University of Toronto Press, ISBN 978-1-4426-4016-0 (Part four)
  15. ^ New enhanced agreement between Ukraine and EU called 'Agreement on Association', Ukrainian Independent Information Agency, 22 luglio 2008.
  16. ^ a b EU-Ukraine association deal might hit ratification problems if Tymoshenko situation remains unchanged, in Kyiv Post, Interfax Ukraine, 5 settembre 2011. URL consultato il 23 marzo 2014.
  17. ^ Jan van der Made, Tymoshenko supporters protest at jail sentence, Radio France Internationale, 12 ottobre 2011. URL consultato il 23 marzo 2014.
  18. ^ Amnesty International: Jailed former Ukraine prime minister must be released, in Kyiv Post, 11 ottobre 2011.
  19. ^ Sign deal with Kyiv, Tymoshenko daughter tells EU, in Kyiv Post, Reuters, 14 dicembre 2011.
  20. ^ EU-Ukraine pact finalized, signing stalled, in Kyiv Post, Associated Press, 19 dicembre 2011.
  21. ^ Ratification of association agreement with EU to depend on Ukraine's commitment to rule of law, Interfax-Ukraine, 19 dicembre 2011.
  22. ^ Kyiv's performance in sphere of rule of law to be crucial for subsequent implementation of association agreement, Interfax-Ukraine, 19 dicembre 2011.
  23. ^ Events by themes: XV EU-Ukraine Summit take place in Kyiv, Ukrainian Independent Information Agency, 19 dicembre 2011.
  24. ^ Fule names key areas of EU integration process for Ukraine, in Kyiv Post, Interfax-Ukraine, 28 febbraio 2012.
  25. ^ Fule: EU-Ukraine association agreement to be initialed within a month, in Kyiv Post, Interfax-Ukraine, 28 febbraio 2012.
  26. ^ EU's Fuele outlines steps Ukraine must take to improve relations, in Kyiv Post, 28 febbraio 2012.
  27. ^ European party demands permission for Tymoshenko to take tests at EU labs, in Kyiv Post, Interfax-Ukraine, 1º marzo 2012.
  28. ^ European lawmakers: Association agreement should not be signed with opposition in jail, in Kyiv Post, 1º marzo 2012. URL consultato il 13 novembre 2012.
  29. ^ European Neighbourhood Watch Issue 80 Archiviato il 13 September 2014 Data nell'URL non combaciante: 13 settembre 2014 in Internet Archive., Centre for European Policy (March 2012)
  30. ^ German ambassador: Association agreement unlikely to be signed unless Tymoshenko is free, in Kyiv Post, Interfax-Ukraine, 23 febbraio 2012.
  31. ^ Miriam Elder, Ukraine bomb blasts injure dozens ahead of Euro 2012, in The Guardian, 27 aprile 2012.
  32. ^ Maria Danilova, Opposition suggests government were behind Ukraine bomb attacks in Dnipro, in The Independent, 27 aprile 2012.
  33. ^ (UK) Меркель: Німеччина намагається домовитись про лікування Тимошенко в Берліні [Merkel: Germany negotiates to treat Tymoshenko in Berlin], in Ukrayinska Pravda, 28 aprile 2012.
  34. ^ Council conclusions on Ukraine - 3209th FOREIGN AFFAIRS Council meeting (PDF), Brussels, Consiglio dell'Unione europea, 10 dicembre 2012.
    EU could sign association agreement by November 2013, in Kyiv Post, Interfax-Ukraine, 10 dicembre 2012. EU expects Ukraine to conduct reforms that will help implement association agreement, in Kyiv Post, Interfax-Ukraine, 10 dicembre 2012.
  35. ^ Ukraine rejects pre-conditions for EU deal, EurActiv, 20 febbraio 2013. URL consultato il 22 febbraio 2013.
  36. ^ Parliament passes statement on Ukraine's aspirations for European integration, in Kyiv Post, Interfax-Ukraine, 22 febbraio 2013.
  37. ^ Ukraine-EU summit begins in Brussels, in Kyiv Post, Interfax-Ukraine, 25 febbraio 2013.
  38. ^ a b c d EU to Ukraine: Reforms necessary for trade pact, in Kyiv Post, Associated Press, 25 febbraio 2013. Daryna Krasnolutska e James G. Neuger, Ukraine Faces EU Reform Deadline as Key to Association Pact, Bloomberg Businessweek, 25 febbraio 2013.
    Yanukovych happy with results of Ukrainian-EU summit, in Kyiv Post, Interfax-Ukraine, 25 febbraio 2013.
  39. ^ a b c EU Commissioner Fule expects Rada to pass European integration bills on November 21, Interfax-Ukraine, 20 novembre 2013.
  40. ^ Rybak: Parliament to adopt remaining EU integration laws at autumn session, Interfax-Ukraine, 30 maggio 2013.
  41. ^ Ukraine optimistic about signing association deal with EU in November, in Shanghai Daily, 14 marzo 2013. URL consultato il 17 marzo 2013.
  42. ^ Julie Peacock, Ukraine President Viktor Yanukovych pardons Yulia Tymoshenko allies, BBC News, 8 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2016)., Interfax-Ukraine (7 April 2013)
  43. ^ Ukrainian president asks for laws to be passed to facilitate EU association agreement, Euronews, 3 settembre 2013. Richard Balmforth, Ukraine leader urges pro-Europe drive despite Kremlin pressure, Reuters, 3 settembre 2013.
  44. ^ Ukraine's Cabinet Backs EU Association Agreement, Radio Free Europe/Radio Liberty, 18 settembre 2013. URL consultato il 20 settembre 2013.
  45. ^ The Communist Party of Ukraine wants Ukraine to join the Customs Union of Belarus, Kazakhstan and Russia.
  46. ^ a b EU-Ukraine Association Agreement to be signed, Ukraine to go to Europe – speaker, Interfax-Ukraine (25 September 2013) Archiviato il 27 September 2013 Data nell'URL non combaciante: 27 settembre 2013 in Internet Archive.
  47. ^ Communists call for halt to cooperation with IMF, Kyiv Post (7 November 2011)
  48. ^ a b EU and Ukraine say ‘door still open’ for future trade pact, Euronews (29 November 2013)
  49. ^ a b c d Ukraine drops EU plans and looks to Russia, aljazeera.com. URL consultato il 21 novembre 2013.
  50. ^ a b c Cox-Kwasniewski mission to continue until Eastern Partnership Summit, Interfax-Ukraine (21 November 2013)
  51. ^ Jailed Tymoshenko on hunger strike over EU U-turn by Ukraine, Euronews (25 November 2013)
  52. ^ a b Ukraine to resume preparing agreement with EU when compensation for production drop found –Boiko, Interfax-Ukraine (21 November 2013)
  53. ^ a b Ukrainian government issues decree to suspend preparations for signing of association agreement with EU, Interfax-Ukraine (21 November 2013)
  54. ^ a b Rada votes down all bills on allowing Tymoshenko's medical treatment abroad, Interfax-Ukraine (21 November 2013)
  55. ^ Andrew Rettman, Ukraine pulls the plug on EU treaty, in EUobserver, 21 novembre 2013. URL consultato il 21 novembre 2013.
    «Behind the scenes, the development caused little surprise. 'I expected it next week. But today's timing makes it a calculated insult to Fuele … It marks a total u-turn,' one EU diplomat said. Another EU diplomat noted it has been clear for at least six months that Ukraine was planning to ditch the EU pact. 'This is the dot above the i,' he said. He noted that the reference to Russian trade pressure is part of Yanukovych's 'game.' 'He wants to represent himself as a victim. He said today in Vienna that he wants to continue with euro-integration … But what he really wants is for the EU and the IMF [International Monetary Fund] to keep giving him money in the name of keeping out Russia so that he can win the next elections,' the source said.».
  56. ^ Russia ready for tripartite talks with Ukraine, EU – Peskov, Interfax-Ukraine (21 November 2013)
  57. ^ a b Ukraine has no alternative but European integration – Yanukovych, Interfax-Ukraine (21 November 2013)
  58. ^ Il Presidente della Lituania, Dalia Grybauskaitė, dichiarò il 22 novembre 2013 che Janukovyč le aveva detto in una conversazione telefonica che non poteva firmare l'accordo di associazione perché la Russia aveva minacciato l'Ucraina con restrizioni sulle sue importazioni di materie prime verso la Russia e credeva che ciò avrebbe fatto sì che l'Ucraina subisse miliardi di dollari di perdite.
  59. ^ Yanukovych tells Grybauskaite Kyiv cannot sign agreement with EU because of Russian pressure, Interfax-Ukraine (22 November 2013)
  60. ^ Mass rallies in Ukraine against government U-turn on EU, Reuters, 24 novembre 2013. URL consultato il 24 novembre 2013.
  61. ^ Ukraine police clash with pro-EU protesters, Al Jazeera, 24 novembre 2013. URL consultato il 24 novembre 2013.
  62. ^ a b c d Putin says Ukraine-EU deal a threat to Russia - Europe - Al Jazeera, Al Jazeera. URL consultato il 23 marzo 2014.
  63. ^ a b c Ukraine still wants historic pact with EU, in Oman Observer. URL consultato il 27 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 28 novembre 2013).
    Ukraine police dismantle Kyiv protest camps, BBC News (9 December 2013)
  64. ^ a b Ukraine fails to sign landmark deal at EU summit, Euronews (29 November 2013)
  65. ^ EU leaders gather in Vilnius under Ukraine cloud, BBC News (28 November 2013)
  66. ^ EU, Ukraine join forces in aviation, Interfax-Ukraine (28 November 2013)
  67. ^ a b c Ukraine 'still wants to sign EU deal' - Europe - Al Jazeera, Al Jazeera. URL consultato il 23 marzo 2014.
  68. ^ a b EU rejects Russia 'veto' on Ukraine agreement, BBC News (29 November 2013)
    Barroso criticises Russian interference on Ukraine deal, BBC News (29 November 2013)
    EU and Ukraine fail to sign association agreement, BBC News (29 November 2013)
    EU will not accept Russian veto, says Barroso, The Daily Telegraph (29 November 2013)
  69. ^ BBC News - EU rejects Russia 'veto' on Ukraine agreement, BBC. URL consultato il 23 marzo 2014.
  70. ^ a b Barroso: EU to continue its dialog with Ukraine on principles of mutual respect, transparency and responsibility, Interfax-Ukraine (29 November 2013)
  71. ^ German Chancellor Angela Merkel stated during the summit of Ukraine signing their Association Agreement, "I don't have any hope that it will happen this time but the door is open", and that "the Ukrainian president has decided that he does not want this. The door to Europe remains open. We must continue to work. A difficult path is to be walked".
  72. ^ No sign of revival in EU-Ukraine deal as summit starts, Euronews (28 November 2013)
  73. ^ Merkel: If Ukraine 'has the courage' to take step towards Europe, EU will be reliable partner, Interfax-Ukraine (29 November 2013)
  74. ^ says Ukraine-EU deal is suspended, not cancelled[collegamento interrotto], Euronews (29 November 2013)
  75. ^ Ukrainian MPs vote to oust President Yanukovych -publisher=bbc.com, su bbc.com. URL consultato il 27 gennaio 2017.
  76. ^ eeas.europa.eu: "Signatures of the political provisions of the Association Agreement" 21 Mar 2014 (PDF), su eeas.europa.eu. URL consultato il 20 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  77. ^ Ukraine to sign political aspects of EU pact on Friday, Reuters, 17 marzo 2014. URL consultato il 19 marzo 2014.
  78. ^ Adrian Croft, European Union signs landmark association agreement with Ukraine, Reuters.
  79. ^ EU, Ukraine to sign remaining part of Association Agreement on June 27 – European Council, Interfax-Ukraine (16 June 2014)
  80. ^ Defying Russian opposition, Ukraine signs accord with EU -publisher=Europe News.Net, su europenews.net. URL consultato il 23 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2014).
  81. ^ a b 581 d.B. (XXV. GP) - Assoziierungsabkommen zwischen der Europäischen Union und der Europäischen Atomgemeinschaft und ihren Mitgliedstaaten einerseits und der Ukraine andererseits, su parlament.gv.at. URL consultato il 12 agosto 2016.
  82. ^ Austrian president signs ratification of Ukraine-EU Association Agreement, Kyiv Post. URL consultato il 31 luglio 2015.
  83. ^ De Belgische Kamer van volksvertegenwoordigers, su dekamer.be. URL consultato il 12 agosto 2016.
  84. ^ Бельгія ратифікувала асоціацію Україна-ЄС - 23.04.2015 22:15 — Новини Укрінформ, su ukrinform.ua. URL consultato il 12 agosto 2016.
  85. ^ Асоціацію з Україною ратифікували всі країни ЄС - 20.11.2015 19:28 — Новини Укрінформ, su ukrinform.ua. URL consultato il 12 agosto 2016.
  86. ^ Per quanto riguarda le questioni di competenza della Comunità francese, delegate alla regione vallona.
  87. ^ a b COMPTE RENDU INTÉGRAL, Séance plénière* (PDF), Parlement.wallonie.be, 1º luglio 2015.
  88. ^ Ausfuhrlichter Bericht (PDF), in Parliament of the German-speaking Community. URL consultato il 23 settembre 2015.
  89. ^ (FR) COMPTE RENDU INTÉGRAL, SÉANCES DU MERCREDI 24 JUIN 2015 (MATIN ET APRÈS-MIDI), Pfwb.be. URL consultato il 6 settembre 2015.
  90. ^ Séance plénière vendredi 20/11/2015 (PDF), in Irisnet. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  91. ^ Séance plénière vendredi 20/11/2015 (PDF), in Irisnet. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  92. ^ a b Parliamentary report, su vlaamsparlement.be. URL consultato il 5 settembre 2015.
  93. ^ https://www.pfwb.be/le-travail-du-parlement/doc-et-pub/documents-parlementaires-et-decrets/documents/001476121
  94. ^ 100000002018075, su archive.pfwb.be. URL consultato il 12 agosto 2016.
  95. ^ Народно събрание на Република България - Стенограми от пленарни заседания, su parliament.bg. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  96. ^ Народно събрание на Република България - Закони, su parliament.bg. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  97. ^ Hrvatski sabor - Akti u raspravi na plenarnoj sjednici, su sabor.hr. URL consultato il 10 dicembre 2014.
  98. ^ 1 23.01.2015 Zakon o potvrđivanju Sporazuma o pridruživanju između Europske unije i Europske zajednice za atomsku energiju te njihovih država članica, s jedne strane, i Ukrajine, s druge strane, su narodne-novine.nn.hr. URL consultato il 12 agosto 2016.
  99. ^ Parliament Of Cyprus, su parliament.cy. URL consultato il 12 agosto 2016.
  100. ^ http://www.mof.gov.cy/mof/gpo/gpo.nsf/All/A883D9C095A9EC33C2257EF5003CF4F5/$file/4210%206%2011%202015%20PARARTIMA%201o%20MEROS%20III.pdf
  101. ^ a b Doh.o přidruž.mezi státy EU a ES pro atom.energ. a Ukrajinou, su psp.cz. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  102. ^ PČR, PS 2013-..., 31. schůze, část 176 (17. 9. 2015), su psp.cz. URL consultato il 12 agosto 2016.
  103. ^ FG Forrest, a.s., www.fg.cz, 2015, Aktuální tiskové zprávy - Pražský hrad, su hrad.cz. URL consultato il 12 agosto 2016.
  104. ^ Folketinget - B 8 - 2014-15 (1. samling) (oversigt): Forslag til folketingsbeslutning om tiltrædelse af associeringsaftale mellem Den Europæiske Union og Det Europæiske Atomenergifællesskab og deres medlemsstater på den ene side og Ukraine på den anden side., su ft.dk. URL consultato il 12 agosto 2016.
  105. ^ Riigikogu ratifitseeris Ukraina, Gruusia ja Moldova assotsieerimislepingud EL-iga, Riigikogu, 4 novembre 2014. URL consultato il 4 novembre 2014.
  106. ^ HÄÄLETUSTULEMUSED  » TEISIPÄEV 04. NOVEMBER 2014 KELL 12:37, Riigikogu, 4 novembre 2014. URL consultato il 4 novembre 2014.
  107. ^ http://www.riigikogu.ee/index.php?page=en_vaade&op=ems&enr=714SE&koosseis=12
  108. ^ European Parliament ratifies EU-Ukraine Association Agreement, in https://www.europarl.europa.eu/, European Parliament, 16 settembre 2014. URL consultato il 16 settembre 2014.
  109. ^ (EN) Ukraine: Council adopts EU-Ukraine association agreement - Consilium, su www.consilium.europa.eu. URL consultato l'11 luglio 2017.
  110. ^ http://www.eduskunta.fi/valtiopaivaasiat/he+355/2014
  111. ^ Finland ratifies EU association agreements with Ukraine, Moldova and Georgia - Ministry for Foreign Affairs of Finland: Current affairs, su formin.finland.fi. URL consultato il 12 agosto 2016.
  112. ^ a b c Sénat français, Accord d'association UE-Ukraine - Sénat, su senat.fr. URL consultato il 12 agosto 2016.
  113. ^ Bundesrat - Suche - Entwurf eines Gesetzes zu dem Assoziierungsabkommen vom 21. März 2014 und vom 27. Juni 2014 zwischen der Europäischen Union und der Europäischen Atomgemeinschaft und ihren Mitgliedstaaten einerseits und der Ukraine andererseits, su bundesrat.de. URL consultato il 12 agosto 2016.
  114. ^ https://dipbt.bundestag.de/dip21/brd/2015/0160-15B.pdf
  115. ^ Bundestagsbeschlüsse am 26. und 27. März, su bundestag.de. URL consultato il 12 agosto 2016.
  116. ^ Bundesgesetzblatt (PDF), su bgbl.de. URL consultato il 12 agosto 2016.
  117. ^ Αναζήτηση, su hellenicparliament.gr. URL consultato il 12 agosto 2016.
  118. ^ http://www.et.gr/idocs-nph/search/pdfViewerForm.html?args=5C7QrtC22wE4q6ggiv8WTXdtvSoClrL8vQU7OEDJhqR5MXD0LzQTLWPU9yLzB8V68knBzLCmTXKaO6fpVZ6Lx3UnKl3nP8NxdnJ5r9cmWyJWelDvWS_18kAEhATUkJb0x1LIdQ163nV9K--td6SIuQUfSQ1w5CVMqz9ZWhjUOKV1bb3issVkctLv81e8PjIh
  119. ^ a b Iromány adatai, su parlament.hu. URL consultato il 12 agosto 2016.
  120. ^ Tuesday, 27 January 2015 Dáil Éireann Debate - Unrevised - EU Association Agreement with Ukraine: Motion, su oireachtas.ie, Office of the Houses of the Oireachtas. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  121. ^ Department of Foreign Affairs, Treaties - Department of Foreign Affairs and Trade, su dfa.ie. URL consultato il 12 agosto 2016.
  122. ^ a b Parlamento Italiano - Disegno di legge C. 3053 - 17ª Legislatura, su senato.it. URL consultato il 12 agosto 2016.
  123. ^ Camera.it - XVII Legislatura - Lavori - Progetti di legge - Scheda del progetto di legge, su camera.it. URL consultato il 12 agosto 2016.
  124. ^ Segretariato generale della Presidenza della Repubblica - Servizio sistemi informatici, Il sito ufficiale della Presidenza della Repubblica, su quirinale.it. URL consultato il 12 agosto 2016.
  125. ^ Latvia ratifies EU-Ukraine Association Agreement, in www.ukrinform.ua, Ukrinform, 14 luglio 2014. URL consultato il 14 luglio 2014.
  126. ^ Darba kārtība, su titania.saeima.lv. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  127. ^ Par Asociācijas nolīgumu starp Eiropas Savienību un Eiropas Atomenerģijas kopienu un to dalībvalstīm, no vienas puses, un Ukrainu, no otras puses, in www.vestnesis.lv. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  128. ^ Seimas has ratified the EU Association Agreements with Ukraine, Moldova and Georgia, in www.lrs.lt, Seimas of the Republic of Lithuania, 8 luglio 2014. URL consultato il 14 luglio 2014.
  129. ^ Lietuvos Respublikos Seimas - Svarstymo eiga, su www3.lrs.lt. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  130. ^ Lietuvos Respublikos Seimas - Document Text, su www3.lrs.lt. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  131. ^ 6732 - Projet de loi portant approbation de l'accord d'association entre l'Union européenne et la communauté européenne de l'énergie atomique et leurs Etats membres, d'une part, et l'Ukraine, d'autre part, signé à Bruxelles, le 27 juin 2014, Chamber of Deputies.
  132. ^ Copia archiviata (PDF), su legilux.public.lu. URL consultato il 20 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2015).
  133. ^ a b Maltese Ministry for Foreign Affairs memo on the Signature of Association Agreements with the Republic of Moldova, Georgia and Ukraine (PDF), Maltese Ministry for Foreign Affairs. URL consultato il 2 settembre 2014.
  134. ^ a b Maltese European Union Act (PDF), su justiceservices.gov.mt/, Maltese Ministry for Justice, Culture and Local Government. URL consultato il 2 settembre 2014.
  135. ^ a b Foreign and European Affairs Committee - Twelfth Legislature (2013 - ) Sitting Number: 22 - Monday, 21 July 2014, su parlament.mt, Maltese House of Representatives. URL consultato il 2 settembre 2014.
  136. ^ http://www.tweedekamer.nl/kamerstukken/wetsvoorstellen/detail?id=2014Z23830&dossier=34116
  137. ^ Eerste Kamer der Staten-Generaal - Goedkeuring Associatieovereenkomst tussen de Europese Unie en de Europese Gemeenschap voor Atoomenergie met Oekraïne (34.116), su eerstekamer.nl. URL consultato il 12 agosto 2016.
  138. ^ Wet van 8 juli 2015, houdende goedkeuring van de op 27 juni 2014 te Brussel tot stand gekomen Associatieovereenkomst tussen de Europese Unie en de Europese Gemeenschap voor Atoomenergie en haar lidstaten, enerzijds, en Oekraïne, anderzijds (Trb. 2014, 160) (PDF), in Eerste Kamer, 28 luglio 2015. URL consultato il 13 settembre 2015.
  139. ^ Referendum consultivo, valido se l'affluenza fosse stata superiore al 30%: l'affluenza è stata del 32,1%.
  140. ^ Vuoto; I voti non validi non vengono presi in considerazione quando si calcolano le percentuali.
  141. ^ (NL) Jeroen Visser, Referendum EU-verdrag met Oekraïne is op 6 april, su De Volkskrant, 29 ottobre 2015. URL consultato il 29 ottobre 2015.
    «Bent u voor of tegen de wet tot goedkeuring van de Associatieovereenkomst tussen de Europese Unie en Oekraïne?».
  142. ^ https://www.tweedekamer.nl/kamerstukken/wetsvoorstellen/detail?id=2017Z01353&dossier=34669
  143. ^ https://www.eerstekamer.nl/wetsvoorstel/34669_regeling_inwerkingtreding?zoekrol=vgh5mt4dsdk1
  144. ^ https://www.eerstekamer.nl/behandeling/20170614/publicatie_wet/document3/f=/vkf1bw0sscyb.pdf
  145. ^ Ustawa o ratyfikacji Układu o stowarzyszeniu między Unią Europejską i Europejską Wspólnotą Energii Atomowej oraz ich państwami członkowskimi, z jednej strony, a Ukrainą, z drugiej strony, sporządzonego w Brukseli dnia 21 marca 2014 r. oraz dnia 27 czerwca 2014 r., in Senat RP.
  146. ^ Druk nr 2833, su sejm.gov.pl. URL consultato il 12 agosto 2016.
  147. ^ Głosowanie nr 38 - posiedzenie 80., in sejm.gov.pl, Sejm Rzeczypospolitej Polskiej. URL consultato il 28 novembre 2014.
  148. ^ President ratifies EU-Ukraine association agreement, in prezydent.pl, Prezydent Rzeczypospolitej Polskiej. URL consultato il 27 marzo 2015.
  149. ^ Prezydent ratyfikował umowę stowarzyszeniową UE-Ukraina, in prezydent.pl, Prezydent Rzeczypospolitej Polskiej. URL consultato il 27 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  150. ^ Ratification document of the EU-Ukraine association agreement signed on 2 march 2015 (PDF) (PDF), in prezydent.pl, Prezydent Rzeczypospolitej Polskiej. URL consultato il 27 marzo 2015.
  151. ^ Iniciativa, su parlamento.pt. URL consultato il 12 agosto 2016.
  152. ^ https://dre.pt/application/file/67058733
  153. ^ Votul electronic 02.07.2014, in www.cdep.ro, ROMANIA Chamber of Deputies, 2 luglio 2014. URL consultato il 15 luglio 2014.
  154. ^ STENOGRAMA şedinţei Senatului din 3 iulie 2014 (PDF), in www.senat.ro, ROMANIA Senat, 3 luglio 2014. URL consultato il 15 luglio 2014.
  155. ^ Decrete semnate de președintele României, domnul Traian Băsescu, miercuri, 9 iulie a.c., in www.presidency.ro, ROMANIA President, 9 luglio 2014. URL consultato il 15 luglio 2014.
  156. ^ Národná rada Slovenskej republiky - hlasovanie poslancov, su nrsr.sk.
  157. ^ ELET, Prezident SR - Správy tlačového oddelenia, su prezident.sk. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  158. ^ Portal DZ - Izbran zakon / akt, su dz-rs.si. URL consultato il 12 agosto 2016.
  159. ^ Словенія ратифікувала Угоду про асоціацію Україна – ЄС - Новини Посольства, su slovenia.mfa.gov.ua. URL consultato il 13 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2015).
  160. ^ http://www.uradni-list.si/_pdf/2015/Mp/m2015036.pdf#!/m2015036-pdf
  161. ^ Iniciativas parlamentarias - Senado de España, su senado.es. URL consultato il 12 agosto 2016.
  162. ^ Votaciones - Senado de España, su senado.es. URL consultato il 12 agosto 2016.
  163. ^ http://www.congreso.es/portal/page/portal/Congreso/Congreso/Iniciativas?_piref73_2148295_73_1335437_1335437.next_page=/wc/servidorCGI&CMD=VERLST&BASE=IW10&FMT=INITXDSS.fmt&DOCS=1-1&DOCORDER=FIFO&OPDEF=ADJ&QUERY=%28110%2F000142*.NDOC.%29
  164. ^ Riksdagsförvaltningen, Associeringsavtal mellan Europeiska unionen, Europeiska atomenergigemenskapen och deras medlemsstater, å ena sidan, och Ukraina, å andra sidan Utrikesutskottets Betänkande 2014/15:UU7 - Riksdagen, su riksdagen.se. URL consultato il 12 agosto 2016.
  165. ^ w1.c1.rada.gov.ua, http://w1.c1.rada.gov.ua/pls/radan_gs09/ns_golos?g_id=6470. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  166. ^ вропа виводить Україну на великий тракт прогресу – Президент про ратифікацію Угоди про асоціацію з ЄС - Офiцiйне представництво Президента України, in Офiцiйне представництво Президента України, 16 settembre 2014. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  167. ^ Lords Hansard text for 09 Mar 2015 (pt 0001), su publications.parliament.uk. URL consultato il 12 agosto 2016.
  168. ^ House of Commons Hansard Debates for 23 Feb 2015 (pt 0004), su publications.parliament.uk. URL consultato il 12 agosto 2016.
  169. ^ http://www.legislation.gov.uk/uksi/2015/844/made
  170. ^ Copia archiviata, su rijksoverheid.nl. URL consultato il 20 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2016).
  171. ^ (NL) Inleidend verzoek referendum over associatieverdrag met Ukraine toegelaten, in Kiesraad (Election Council). URL consultato il 26 settembre 2015.
  172. ^ Spotlight: Dutch referendum says "No" to EU-Ukraine deal, Xinhua News Agency, 7 aprile 2016. URL consultato il 20 aprile 2016.
  173. ^ Brexit vote will delay decision on EU-Ukraine deal, says Rutte, in EUobserver, 14 aprile 2016. URL consultato il 20 aprile 2016.
  174. ^ European Council Conclusions on Ukraine (15 December 2016), Consiglio dell'Unione europea, 15 dicembre 2016. URL consultato il 15 dicembre 2016.
  175. ^ By Gabriela Baczynska and Robert-Jan Bartunek. EU agrees Dutch demands on Ukraine deal to avoid 'present for Russia'. Reuters. Published on December 15, 2016.
  176. ^ Netherlands, EU Reach Deal On Ukraine Association Agreement, Radio Free Europe/Radio Liberty, 15 dicembre 2016. URL consultato il 15 dicembre 2016.
  177. ^ http://en.interfax.com.ua/news/general/400332.html
  178. ^ http://nltimes.nl/2017/04/06/referendums-threat-democracy-dutch-council-state
  179. ^ https://www.eerstekamer.nl/wetsvoorstel/34669_regeling_inwerkingtreding
  180. ^ a b c d e f g h http://eeas.europa.eu/ukraine/pdf/5_ua_title_iv_trade_and_trade-related_matters_en.pdf
  181. ^ EU-Ukraine Summits: 16 Years of Wheel-Spinning, The Ukrainian Week (28 February 2012)
  182. ^ EU launches talks on free trade agreement with Ukraine, International Herald Tribune
  183. ^ Three outstanding issues remained in FTA agreement between Ukraine, EU, said Ukrainian PM, Bilaterals 31 May 2011
  184. ^ Ukraine, EU Initial Deep And Comprehensive Free Trade Agreement With EU, Ukrainian News Agency, 20 luglio 2012. URL consultato il 29 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2012).
  185. ^ Ukraine's jailed Tymoshenko calls off hunger strike, in Kyiv Post, Reuters, 16 novembre 2012.
  186. ^ EU leaders: Ratification of Association Agreement and DCFTA depends on settlement of Tymoshenko-Lutsenko issue, in Kyiv Post, Interfax-Ukraine, 20 luglio 2012.
  187. ^ Ukraine's Lutsenko jailed for 4 years (updated), in Kyiv Post, Reuters, 27 febbraio 2012.
  188. ^ Piotr Kościński e Ievgen Vorobiov, Ukraine's EU deal: good or bad for the oligarchs?, su publicserviceeurope.com, 20 agosto 2013. URL consultato il 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2013).
  189. ^ Customs Union may withdraw from FTA with Ukraine if Kyiv signs association agreement with EU, in Interfax, Russia Beyond the Headlines, 21 agosto 2013. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  190. ^ Il primo ministro ucraino Mykola Azarov ha dichiarato che il problema che ha definitivamente bloccato l'accordo con l'UE è stato proposto allo stesso tempo per un prestito del Fondo monetario internazionale, che richiederebbe grossi tagli di bilancio e un aumento del 40% delle bollette del gas.
  191. ^ David M. Herszenhorn, Ukraine Blames I.M.F. for Halt to Agreements With Europe, in New York Times, 22 novembre 2013. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  192. ^ Ambrose Evans-Pritchard, Historic defeat for EU as Ukraine returns to Kremlin control, in Daily Telegraph, 22 novembre 2013. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  193. ^ MF not insisting on single-stage increase in tariffs, says resident representative in Ukraine, Interfax-Ukraine (7 December 2013)
  194. ^ IMF links loan amount to Ukraine with reforms Archiviato il 25 gennaio 2014 in Internet Archive., Ukrinform (7 December 2013)
  195. ^ Ukraine and the EU started "conducting technical preparations for the upcoming dialogue between Ukraine and the EU on certain aspects of the implementation of an Association Agreement" on 5 December 2013.
  196. ^ Kyiv, Brussels conduct technical discussion of future EU-Ukraine dialogue on AA, Interfax-Ukraine (5 December 2013)
  197. ^ Ukraine police dismantle Kyiv protest camps, BBC News (9 December 2013)
  198. ^ a b c d Ukraine's sink or swim EU agreement, BBC News (27 June 2014)
  199. ^ Ukraine - Trade - European Commission, su ec.europa.eu. URL consultato il 5 settembre 2015.
  200. ^ Andrew E. Kramer, Ukrainian Farmers, Poised for Growth, Stumble After E.U. Deal, in New York Times, 23 dicembre 2016. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  201. ^ Herman Van Rompuy, Statement by President of the European Council Herman Van Rompuy at the occasion of the signing ceremony of the political provisions of the Association Agreement between the European Union and Ukraine (PDF), Consiglio dell'Unione europea, 21 marzo 2014. URL consultato il 25 marzo 2014.
  202. ^ Association Agreement between EU and Ukraine, in Press and Information Office, Federal Government of Germany, 21 marzo 2014. URL consultato il 24 marzo 2014.
  203. ^ European Council March 2014: David Cameron’s press conference, in Speeches, Gov.UK, 21 marzo 2014. URL consultato il 24 marzo 2014.
  204. ^ Russia hits at Ukraine with chocolate war, in EurActiv, 14 agosto 2013. URL consultato il 1º settembre 2013.
  205. ^ Vladimir Soldatkin e Pavel Polityuk, Russia tightens customs rules to force Ukraine into union, Reuters, 15 agosto 2013.
  206. ^ James Marson, Russia Eases Customs Checks on Ukraine Imports, in The Wall Street Journal, 20 agosto 2013.[collegamento interrotto]
  207. ^ Trading insults, in The Economist Newspaper, 24 agosto 2013. URL consultato il 1º settembre 2013.
  208. ^ Putin’s aide calls opinion that all Ukrainians want European integration “sick self-delusion”, in Interfax-Ukraine, 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2013).
  209. ^ Russia issues dark warning to Ukraine against EU trade and cooperation deal, in FOX News Network, 21 settembre 2013. URL consultato il 21 settembre 2013.
  210. ^ Ukraine's EU trade deal will be catastrophic, says Russia, in The Guardian, 22 settembre 2013. URL consultato il 30 settembre 2013.
  211. ^ a b Putin warns Ukraine against EU pact, in EUobserver, 23 agosto 2013. URL consultato il 1º settembre 2013.
  212. ^ The President of Belarus, Alexander Lukashenko, stated on 7 October 2013 that he "didn't see any problems" in the signing of the Association Agreement between Ukraine and the EU.
  213. ^ Lukashenko sees no problems in Ukraine's signing association agreement with EU, Interfax-Ukraine (7 October 2013)
  214. ^ Ukraine PM tells Russia to accept "reality" of EU trade deal, Reuters, 28 agosto 2013. URL consultato il 1º settembre 2013.
  215. ^ Ukraine Leader Ignores Putin Warning on EU Path, Voice of America, 24 agosto 2013. URL consultato il 1º settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  216. ^ Putin 'deserves medal' for pushing Ukraine towards EU, in Euractiv, 30 agosto 2013. URL consultato il 1º settembre 2013.
  217. ^ О комплексе мер по вовлечению Украины в евразийский интеграционный процесс, in Зеркало недели. Украина, 16 agosto 2013. URL consultato il 1º settembre 2013.
  218. ^ Yevhen Solonyna, Does Russia Have a Secret Plan for Ukraine?, in The Atlantic, 21 agosto 2013.
  219. ^ Oleksandr Kramar, Caught in a Zeitnot, The Ukrainian Week, 6 agosto 2013. URL consultato il 20 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2016).
  220. ^ Senior Duma deputy warns Ukraine of 'semicolonial dependence' behind EU deal, in TV-Novosti, 20 settembre 2013. URL consultato il 20 settembre 2013.
  221. ^ Ukraine's agreement with EU won't influence its political relations with Russia - Putin, Interfax-Ukraine, 8 ottobre 2013.
  222. ^ Canada Welcomes Ukraine's Signature of Association Agreement with EU, in News Releases, Foreign Affairs, Trade and Development Canada, 21 marzo 2014. URL consultato il 24 marzo 2014.
  223. ^ FOCUS Online, Russlands Drohung zeigt Wirkung: EU verschiebt Freihandelsabkommen mit Ukraine - Video - Video, su focus.de. URL consultato il 12 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2014).
  224. ^ Freihandel mit Ukraine verzögert sich, in DW.DE. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  225. ^ EU und Ukraine - Durchlöchertes Assoziierungsabkommen, in Süddeutsche.de. URL consultato il 23 ottobre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]