Accadde al penitenziario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Accadde al penitenziario
Accadde al penitenziario-titolo.png
Paese di produzioneItalia
Anno1955
Durata92 min
Dati tecnicib/n
Generecommedia
RegiaGiorgio Bianchi
SoggettoFelice Zappulla
SceneggiaturaRuggero Maccari, Ettore Scola, Giovanni Grimaldi
ProduttoreFelice Zappulla
Casa di produzioneFortunia Film
FotografiaTonino Delli Colli
MontaggioAdriana Novelli
MusicheNino Rota
Franco Ferrara
ScenografiaPeppino Piccolo
Interpreti e personaggi

Accadde al penitenziario è un film comico del 1955, diretto da Giorgio Bianchi con Aldo Fabrizi e Alberto Sordi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Pietro Carloni e Alberto Sordi

Cesare è un agente di custodia dei detenuti di un penitenziario romano. L'uomo, seppur burbero ed irascibile, ha un animo buono e cerca di non essere troppo severo coi detenuti. Anche per questo atteggiamento permissivo viene spesso perseguitato dal suo superiore.

Tra i detenuti, si distinguono Otello, il quale si è fatto arrestare di proposito perché considera il carcere un paradiso in cui vivere in pace e tranquillità, e Walter, un ingenuo commesso di gioielleria che si è lasciato raggirare ed è finito in galera al posto di una bella truffatrice. Cesare è solito chiedere ad alcuni detenuti di scrivere le loro storie in un quaderno.

Tra quelle riportate, vi è anche l'arresto di Giulio, un giovane che, sotto l'effetto dell'alcol, ha girato mezza Roma importunando guardie notturne, tassisti e prostitute, finendo col restare coinvolto in una rapina. Condotto in commissariato dopo aver smaltito la sbronza, l'uomo tratta con sufficienza il vicecommissario, rivelandosi un folle anche senza essere ubriaco.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema