Acalculia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Acalculia
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 784.69
ICD-10 (EN) R48.8

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto[1]. Sebbene il termine sia spesso utilizzato come sinonimo di discalculia, si distingue da questa per una completa impossibilità nell'eseguire calcoli mentali[1].

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

L'eziologia è spesso da attribuirsi a una lesione cerebrale localizzata in varie aree dell'encefalo, in particolare la regione posteriore sinistra[1].

Presente in alcune forme di afasia. È associata all'agrafia, all'incapacità di discriminare la destra dalla sinistra, all'incapacità del soggetto nel riconoscere le proprie dita nella sindrome di Gerstmann[1].

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Si riconoscono tre forme di acalculia[2]:

  • tipo 1, quando associata a disturbi del linguaggio, quali parafasìa, agrafia e alessìa
  • tipo 2, quando secondaria a disturbi delle funzioni visuo-spaziali
  • tipo 3 o anaritmetria primaria, con alterazioni del processo computazionale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Farah, pp. 345-7, 2000.
  2. ^ Cummings, Mega, pp. 86, 2003.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bergamasco, Mutani, La Neurologia di Bergamini, Torino, Cortina, 2007, ISBN 88-8239-120-5.
  • Martha Farah, Patient Based Approaches Cognitive, MIT Press, 2000, ISBN 0-262-56123-9.
  • Jeffrey L. Cummings, Michael S. Mega, Neuropsychiatry and Behavioral Neuroscience, Oxford University Press, 2003, ISBN 0-19-513858-9.