Abramo Massalongo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il busto di Abramo Massalongo presso la Protomoteca della Biblioteca civica di Verona

Abramo Bartolomeo Massalongo (Tregnago, 13 maggio 1824Verona, 25 maggio 1860) è stato un naturalista ed erpetologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Abramo Bartolomeo Massalongo, di Bortolo e Teresa Milani, si laureò in giurisprudenza ma la sua vera inclinazione fu quella degli studi scientifici ai quali volse ben presto i suoi interessi. S'iscrisse alla facoltà di medicina dell'Università di Padova nel 1844.[1] Insieme a Gustav Wilhelm Körber fondò la scuola italo-slesiana di lichenologia.

Sposatosi nel 1850 con Marietta Colognato, ebbe tre figli: Caro Benigno (1852-1928), Orseolo (1854-1901) e Roberto (1856-1919).

Di salute malferma, coltivò la ricerca nel campo della botanica e della geologia che condusse sull'altipiano della Lessinia.

Amò circondarsi dell'amicizia di naturalisti e scienziati veronesi e dedicò la sua vita per ridare dignità agli studi scientifici in Italia; in questo fu fervente antiaustriaco e sostenitore dell'Unità d'Italia. Di animo generoso, mise spesso a disposizione della comunità, a titolo gratuito, il proprio sapere.

Autore di numerose pubblicazioni che gli valsero profonda stima nell'ambiente scientifico, fu il primo a studiare il patrimonio dei fossili di Bolca, in alta Val d'Illasi, avvalendosi della collaborazione del celebre fotografo tedesco Moritz Lotze.

Il suo immenso lascito (appunti, pubblicazioni, reperti e materiale vario) è custodito presso il Museo di Scienze Naturali di Verona.

Le condizioni del suo fisico, già gracile di natura, furono aggravate dall'intensa attività di studio e ricerca per le quali non si risparmiò. Ammalatosi di tubercolosi, morì a soli trentasei anni, il 25 maggio 1860.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maurizia Alippi Cappelletii, (2008). "Abramo Bartolomeo Massalongo", Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 71. accesso=7 ottobre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • I Massalongo: una grande famiglia per la crescita culturale e civile di Verona. Atti del Convegno di studio, Verona 21 maggio 2004, Verona, Biblioteca civica-Museo di Storia naturale-Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere, 2008
  • Abramo Massalongo (1824-1860): scienziato e patriota per un'Italia unita. Atti del Convegno di studio, Tregnago 27 novembre 2010, Verona, Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere-Provincia di Verona-Comune di Tregnago, 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

A.Massal. è l'abbreviazione standard utilizzata per le piante descritte da Abramo Massalongo.
Consulta l'elenco delle piante assegnate a questo autore dall'IPNI o la lista delle abbreviazioni degli autori botanici.
Controllo di autoritàVIAF (EN792949 · ISNI (EN0000 0001 1736 3594 · SBN IT\ICCU\BVEV\011318 · LCCN (ENnb2006020951 · GND (DE117557013 · BNF (FRcb10477934s (data) · BAV (EN495/117596 · CERL cnp01088314 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2006020951
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie