Abram Il'ič Jampol'skij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Abram Ilʹič Âmpolʹskij)

Abram Il'ič Jampol'skij (in russo: Абрам Ильич Ямпольский?, in ucraino: Абрам Ілліч Ямпольський?, traslitterato: Abram Illič Jampol's'kyj; Ekaterinoslav, 11 ottobre 1890Mosca, 17 agosto 1956) è stato un violinista sovietico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato violino con Sergej Korguev (allievo di Lipót Auer) al Conservatorio di San Pietroburgo, diplomandosi nel 1913, e composizione con Nikolaj Sokolov, Jāzeps Vītols e Maksimilian Štejnberg. Si è trasferito a Mosca nel 1920, dove è divenuto spalla dell'orchestra del Teatro Bol'šoj e poi è entrato al Conservatorio di Mosca, presso il quale è divenuto insegnante nel 1926 e direttore del dipartimento di violino dieci anni dopo. Ha insegnato anche presso l'Accademia di Musica Russa Gnesin e dal 1922 al 1936 è stato membro dei Persimfans.[1]

Ha ricevuto il titolo di Artista benemerito della RSFSR nel 1937 e di dottore delle arti nel 1940.[1]

Didattica[modifica | modifica wikitesto]

Grande insegnante, Jampol'skij è stato uno dei padri della moderna scuola violinistica russa, e la sua didattica si sviluppava lungo tutto il percorso formativo, dai primi passi alla maturità artistica degli allievi, unendo un attento sviluppo della tecnica strumentale in tutti i suoi aspetti all'attenzione per la sensibilità musicale dell'esecutore. Tra i suoi allievi spiccano i nomi di Leonid Kogan, Julian Sitkoveckij, Jurij Jankelevič, Igor' Bezrodnyj, Michail Fichtengol'c, Mark Lubotskij, Jakov Boroditskij, Boris Gol'dštejn, Elizaveta Gilel's, Jakov Rabinovič, Isaak Žuk e suo nipote Izrail Markovič Jampol'skij (Kiev, 1905-76), diplomatosi sotto la sua guida nel 1930.[1][2]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Jampol'skij ha scritto materiale musicale di vario genere, soprattutto trascrizioni per violino e pianoforte e cadenze (tra le quali quelle per i concerti di Paganini, Brahms e Beethoven). È noto anche per le revisioni e la versioni modificate di studi e capricci per violino di autori come Kreutzer, Dont e Paganini. La sua didattica viene inoltre esposta in alcune pubblicazioni:

  • (RU) O metode raboty s učenikom [Sul metodo di lavoro con l'allievo], Mosca, 1959.
  • (RU) S. R. Sapožnikov (a cura di), K voprosu o vospitanii kul'tury zvuka u skripača [Sulla questione dell'educazione della cultura del suono nel violinista], in Voprosy skripičnogo ispolnitel'stva i pedagogiki [Questioni di esecuzione violinistica e pedagogia], Mosca, 1968.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Grove.
  2. ^ Roth.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN42665436 · GND (DE120273977