Abrahadabra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Abrahadabra
ArtistaDimmu Borgir
Tipo albumStudio
Pubblicazione27 settembre 2010
Durata48:56
Dischi1
Tracce12
GenereSymphonic black metal
EtichettaNuclear Blast
ProduttoreDimmu Borgir
Registrazione2009-2010
Dimmu Borgir - cronologia
Album precedente
(2007)
Album successivo
(2018)

Abrahadabra è l'ottavo album del gruppo musicale symphonic black metal norvegese Dimmu Borgir.

Il titolo è una variante della parola esoterica abracadabra ripresa dall'opera filosofica The Book of the Law dell'occultista Aleister Crowley, che gli conferisce il significato di "io creo come parlo". L'album ha richiesto 11 mesi di produzione dove per la registrazione delle numerose orchestrazioni sinfoniche la band si è avvalsa della collaborazione con l'orchestra Kringkastingsorkestret (la Radio Orchestra Norvegese) e con il coro di musica da camera Schola Cantorum, raggiungendo un organico di oltre 100 musicisti. In un'intervista rilasciata al Metal Hammer magazine il chitarrista Erkekjetter Silenoz ha definito la musica di Abrahadabra "misteriosa", "ossessiva", "epica", "primitiva", "immensa" e "atmosferica".[1]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Xibir (Intro) - 2:50
  2. Born Treacherous - 5:02
  3. Gateways - 5:10
  4. Chess with the Abyss - 4:08
  5. Dimmu Borgir - 5:35
  6. Ritualist - 5:13
  7. The Demiurge Molecule - 5:29
  8. A Jewel Traced Through Coal - 5:16
  9. Renewal - 4:11
  10. Endings and Continuations - 5:58
  11. Gateways (Orchestral) - 5:45
  12. Perfect Strangers (Deep Purple Cover) - 5:02

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal