Abies grandis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Abete bianco americano
Abies grandis crown youngtree.jpg
Abies grandis
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Pinophyta
Classe Pinopsida
Ordine Pinales
Famiglia Pinaceae
Genere Abies
Specie A. grandis
Nomenclatura binomiale
Abies grandis
(Douglas ex D. Don) Lindl., 1833
Sinonimi
Nomi comuni

(EN) white fir
(DE) Riesentanne
(FI) Jättipihta
(FR) Sapin de Vancouver, Sapin de l'Orégon
(HU) Parti jegenyefenyo
(IT) Abete bianco americano
(NL) Reuzen zilverspar
(CS) jedle obrovská
(NO) Kjempeedelgran
(RU) пихта большая
(ES) abeto gigante

Areale

Abies grandis range map.svg

L'abete bianco americano (Abies grandis) (Douglas ex D. Don) Lindl. è un albero della famiglia delle pinacee originario delle regioni che si affacciano sulla costa pacifica del Nord America, in particolare tra Canada e Stati Uniti.[1]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome generico Abies, utilizzato già dai latini, potrebbe, secondo un'interpretazione etimologica, derivare dalla parola greca ἄβιος = longevo.[2] Il nome specifico grandis fa riferimento alle grandi dimensioni raggiunte da questa specie.[3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È una conifera di taglia imponente, a portamento conico con sommità piatta in età longeva, che raggiunge altezze di 75 m e il cui tronco può raggiungere 150 cm di diametro. La corteccia, liscia e grigia, con l'età diviene marrone e rugosa con periderma rossastro visibile nei profondi solchi. I rami principali sono sparsi, ascendenti; i ramoscelli secondari sono opposti, di colore marrone chiaro, pubescenti. Le gemme, resinose, sono di forma rotondeggiante, porpora, marroni o verdi, ad apice arrotondato; le perule che le rivestono sono corte, triangolari, resinose, leggermente pelose, a margine intero e punta affilata.[4]

Le foglie sono aghiformi, di colore verde lucido, lunghe fino a 6 cm, con apice dentellato o lievemente rotondeggiante.[4]

Gli strobili femminili, di color verde chiaro, blu scuro, porpora o grigi, sono cilindrici, lunghi fino a 7 cm e larghi fino a 3,5 cm, sessili, con punta rotondeggiante; le scaglie sono ricoperte di fitta peluria, lunghe 2,5 cm, larghe 2,5 cm. Gli strobili maschili sono rosso-bluastri, porpora, arancioni, gialli o verdi. I semi, di colore marrone, sono lunghi fino a 8 mm, con ala marrone-rosea di 12 mm. I cotiledoni sono solitamente 5-6.[4]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Specie endemica di Canada (British Columbia) e Stati Uniti (California, Idaho, Montana, Oregon e Washington). Vegeta a quote comprese tra il livello del mare e i 1.800 m, su suoli granitici o basaltici con predilezione per quelli alluvionali. Il clima di riferimento è vario, spaziando dall'umido marittimo con precipitazioni annue comprese tra 500 e 2.500 mm, al clima più freddo e continentale dell'interno con inverni nevosi e precipitazioni annue comprese tra 500 e 1.250 mm. Può formare boschi puri soprattutto in Idaho, più comunemente in associazione con Pseudotsuga menziesii, Abies amabilis, Picea sitchensis, Calocedrus decurrens, Thuja plicata, Tsuga hetrophylla e Larix occidentalis, Acer macrophyllum, Alnus rubra e Fraxinus latifolia.[1]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

Alcune sottospecie classificate nel passato, attualmente sono considerate dei sinonimi:[5]

  • Abies aromatica Raf.
  • Abies excelsior Franco
  • Abies gordoniana Carrière
  • Abies grandis subsp. idahoensis (Silba) Silba
  • Abies grandis var. idahoensis Silba
  • Abies grandis f. johnsonii O.V.Matthews
  • Abies occidentalis Cinovskis
  • Abies parsonii auct.
  • Abies parsonsiana Mast.
  • Picea grandis (Douglas ex D.Don) Loudon
  • Picea parsonsii Gordon
  • Pinus grandis Douglas ex D.Don

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Il legno è leggero e non molto resistente, quindi viene utilizzato essenzialmente per produrre carta o imballaggi. Per la disposizione regolare dei rami e per il colore del fogliame, è molto apprezzato come albero di Natale e come pianta ornamentale.[3]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante uno sfruttamento intensivo nel passato e nel presente, la vastità dell'areale e la sua numerosa presenza nelle località di occupanza dello stesso, fanno classificare l'abete bianco americano come specie non in pericolo di estinzione nella Lista rossa IUCN.[1]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Farjon, A. 2013., Abies grandis, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.1, IUCN, 2017.
  2. ^ Alberi caratteristici delle foreste e dei boschi (PDF), su Parcoforestecasentinesi. URL consultato il 05 dicembre 2016.
  3. ^ a b (EN) Aljos Farjon, A Handbook of the World's Conifers (2 vols.), Brill, 2010, pp. 87-88. URL consultato il 18 dicembre 2016.
  4. ^ a b c (EN) The Gymnosperm Database, http://www.conifers.org/pi/Abies_grandis.php . URL consultato il 18 dicembre 2016.
  5. ^ Abies grandis (Douglas ex D.Don) Lindl., in The Plant List. URL consultato il 18 dicembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica