Abdoulaye Wade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Abdoulaye Wade
Abdoulaye Wade.jpg

3º Presidente del Senegal
Durata mandato 1º aprile 2000 –
1º aprile 2012
Capo del governo Moustapha Niasse
Mame Madior Boye
Idrissa Seck
Macky Sall
Cheikh Hadjibou Soumaré
Souleymane Ndéné Ndiaye
Predecessore Abdou Diouf
Successore Macky Sall

Dati generali
Partito politico Partito Democratico Senegalese
Università Liceo Condorcet e University of Franche-Comté

Abdoulaye Wade (Kébémer, 29 maggio 1926) è un politico senegalese.

Dal 1º aprile 2000 al 1º aprile 2012 è stato il terzo Presidente del Senegal. Laureato in giurisprudenza a Parigi. Iscritto al partito democratico senegalese (PDS), concorre nelle presidenziali del 2000 contro il presidente uscente Abdou Diouf. Nel 2001 modifica la costituzione, portando il mandato presidenziale da 7 a 5 anni. Il 25 marzo 2012 perde le elezioni presidenziali al ballottaggio contro Macky Sall (al primo turno Abdoulaye Wade aveva ottenuto il 34,8% contro il 26,5% di Sall).

Politica culturale[modifica | modifica wikitesto]

La Biennale di Dakar, edizione 2000 è il primo evento culturale patrocinato dal presidente neoeletto. Durante il discorso di inaugurazione[1], Wade dichiara il suo impegno nel sostegno delle arti, citando l'opera del suo predecessore Léopold Sédar Senghor e riallacciandosi alla tradizione nazionale. Promette una Casa delle arti (facendo riferimento alla dibattuta questione del Museo Dynamique trasformato in Palazzo di Giustizia), una migliore scuola d'arte, delle azioni finanziarie e giuridiche per promuovere il coinvolgimento dell'industria e delle aziende nei progetti culturali. In contemporanea con la Biennale, il ministro della Cultura e della Comunicazione Mamadou Diop Decroix presenta il suo programma: l'aumento del sostegno alla stampa, la creazione di nuovi canali televisivi, la decentralizzazione delle azioni culturali, la promozione della cultura e degli artisti senegalesi all'estero, il miglioramento della situazione giuridica e finanziaria nei confronti delle arti, la costruzione di una grande scuola d'arte e una maggiore collaborazione in progetti culturali bilaterali e multilaterali.

La politica culturale del presidente Abdoulaye Wade è caratterizzata dalla costruzione di grandi opere tra le quali Monumento al Rinascimento africano; il presidente è anche il promotore della terza edizione del Festival mondial des arts nègres che si svolge a Dakar.

Wade è membro della Massoneria[2].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze senegalesi[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone
Gran Maestro e Commendatore dell'Ordine al Merito - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Commendatore dell'Ordine al Merito

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine della Rosa bianca (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine della Rosa bianca (Finlandia)
— 2009
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Carlo (Monaco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Carlo (Monaco)
— 9 novembre 2009[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Abdoulaye Wade, Discorso di inaugurazione della Biennale di Dakar 2000, Dakar, 10/05/2002.
  2. ^ Thierry Zarcone, Le croissant et le compas, Islam et franc-maçonnerie, de la fascination à la détestation, Dervy, Paris, 2015, p. 124.
  3. ^ Bollettino Ufficiale del Principato

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN43769 · ISNI (EN0000 0001 2117 2571 · LCCN (ENn90629342 · GND (DE131991256 · BNF (FRcb12123195j (data) · J9U (ENHE987007280206505171 (topic) · WorldCat Identities (ENlccn-n90629342
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie