Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Abd al-Aziz dell'Arabia Saudita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abd al-Aziz
Abd Al-Aziz ibn Saud1927.jpg
Ibn Saʿūd nel 1927.
Re dell'Arabia Saudita
Stemma
In carica 14 agosto 1932 –
9 novembre 1953
Predecessore Nessuno
Successore Saʿūd
Re dell'Hegiaz
In carica 1926 –
1932
Predecessore Ali ibn al-Husayn
Successore Se stesso come Re dell'Arabia Saudita
Re del Neged
In carica 1927 –
1932
Predecessore Se stesso come Sultano del Neged
Successore Se stesso come Re dell'Arabia Saudita
Sultano del Neged
In carica 1921 –
1927
Predecessore Se stesso come Emiro del Neged
Successore Se stesso come Re del Neged
Emiro del Neged
In carica 1902 –
1921
Predecessore Abd al-Aziz bin Mit'ab
Successore Se stesso come Sultano del Neged
Nome completo ʿAbd al-ʿAzīz ibn ʿAbd al-Raḥmān b. Fayṣal Āl Saʿūd (in arabo عبد العزيز بن عبد الرحمن بن فيصل آل سعود)
Nascita Riyad, 15 gennaio 1876
Morte Ta'if, 9 novembre 1953
Luogo di sepoltura Cimitero al-'Ud di Riyād
Dinastia Saudita
Padre Abdul Rahman bin Faysal
Madre Sarah Al Sudairi
Religione Musulmano sunnita

ʿAbd al-ʿAzīz ibn ʿAbd al-Raḥmān b. Fayṣal Āl Saʿūd, (in arabo: عبد العزيز بن عبد الرحمن بن فيصل آل سعود‎) (Riyad, 15 gennaio 1876[1]Ta'if, 9 novembre 1953), è stato il fondatore, e primo sovrano, del moderno regno dell'Arabia Saudita, che ha guidato dal 1932 al 1953. Esponente della Dinastia Saudita, è noto internazionalmente con il nome di ʿAbd al-ʿAzīz ibn Sa'ud,[2] o semplicemente (ma scorrettamente) Ibn Saʿūd.[3][4]

Origini e primi anni di vita[modifica | modifica wikitesto]

Abd al-Aziz dell'Arabia Saudita è nato il 15 gennaio 1876 a Riyad, città principale della regione del Najd, nell'Arabia centrale.[5][6] Era il figlio di Abdul Rahman bin Faysal Al Sa'ud, ultimo sovrano del Secondo Stato Saudita, uno sceiccato tribale con capitale Riyad. La sua famiglia, la Casa di Sa'ud, aveva avuto nell'Arabia centrale un ruolo preminente per i precedenti 130 anni. Sotto l'influenza e l'ispirazione wahhabita dell'Islam, i sauditi avevano precedentemente tentato di controllare gran parte della penisola araba formando il Primo Stato Saudita, fino alla distruzione di quest'ultimo da parte dell'esercito egiziano nella guerra ottomano-saudita.[7] La madre, Sarah Al Sudairi,[8] apparteneva all'importante famiglia Sudairi.[9] È morta nel 1910.[10]

Nel 1890, la dinastia storicamente rivale degli Al Sa'ud, gli Al Rashid, conquistarono Riyad. Abd al-Aziz aveva 15 anni in quel momento.[11] Lui e la sua famiglia inizialmente si rifugiarono dagli Al Murrah, una tribù beduina del deserto meridionale dell'Arabia. Più tardi, la famiglia si trasferì in Qatar e vi rimase per due mesi.[12] La loro successiva destinazione è stata il Bahrain, dove sono rimasti per breve tempo. La loro meta finale è stata il Kuwait, dove hanno vissuto per quasi un decennio. [12]

Nella primavera del 1901, Abd al-Aziz e alcuni parenti - tra cui un fratellastro, Mohammed, e diversi cugini - hanno organizzato una spedizione nel Najd, per contrastare alcune tribù alleate dei rivali. Quando il raid ha cominciato a dimostrarsi redditizio, i partecipanti sono aumentati fino a raggiungere un picco di oltre 200 uomini, anche se questo numero diminuì nei mesi successivi.

In autunno, il gruppo si è accampato nell'oasi di Yabrin. Dopo aver osservato il Ramadan, decise di attaccare Riyad e riprenderla dagli Al Rashid. La notte del 15 gennaio 1902, ha condotto 40 uomini oltre le mura della città grazie ad alcune palme inclinate e dopo un rapido combattimento ha preso la città.[13] Il governatore della città, Ajlan, è stato in seguito ucciso davanti alla sua fortezza. La riconquista della città saudita ha segnato l'inizio del Terzo Stato saudita.

Salita al potere[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la cattura di Riyad, molti ex sostenitori della Casa di Sa'ud sono stati chiamati alle armi da Abd al-Aziz. L'emiro era un leader carismatico e teneva i suoi uomini sempre con le armi a portata di mano. Nel corso dei successivi due anni, lui e le sue forze ripreso quasi la metà del Najd dai Rashidi.

Nel 1904, Abd al-Aziz bin Mit'ab Al Rashid ha rivolto un appello all'Impero ottomano chiedendo protezione militare e assistenza. Gli ottomani hanno risposto con l'invio di truppe in Arabia. Il 15 giugno 1904, le forze di Abd al-Aziz hanno subito una grave sconfitta per mano delle milizie combinate ottomane e Rashide. Le sue riunite forze in seguito hanno cominciato a condurre una guerriglia contro gli ottomani. Nel corso dei successivi due anni è stato in grado di distruggere le loro vie di rifornimento, costringendoli a ritirarsi. La vittoria di Abd al-Aziz nella battaglia di Rawdat Muhanna, in cui Abd al-Aziz bin Mit'ab è morto, si è conclusa con il ritiro ottomano dal Najd e dal Qassim alla fine dell'ottobre del 1906.

Ha completato la conquista del Najd e della costa orientale dell'Arabia nel 1912. Ha poi fondato l'Ikhwan, una fratellanza militare-religiosa che aveva lo scopo di assisterlo nelle sue conquiste successive, con l'approvazione del locale ulema salafita. Nello stesso anno, ha istituito una politica agraria per confinare i pastori nomadi beduini in colonie e per smantellare le loro organizzazioni tribali per garantirsi la fedeltà degli Ikhwan.

Durante la prima guerra mondiale, il governo britannico ha stabilito relazioni diplomatiche con il monarca. L'agente britannico, il capitano William Shakespeare, è stato ben accolto dai beduini.[14] Missioni diplomatiche simili sono state stabilite con tutti i leader arabi nel tentativo di unificare e stabilizzare la regione. I britannici ha stipulato un trattato nel dicembre 1915 (il "Trattato di Darin") che ha reso le terre della Casa di Sa'ud un protettorato britannico e ha tentato di definire i confini dello stato saudita in via di sviluppo.[15] In cambio, Abd al-Aziz si è impegnato a combattere contro Ibn Rashid, che era un alleato degli Ottomani.

Il Foreign Office britannico aveva già iniziato a supportare lo sceriffo Hussein bin Ali, emiro del Hejaz inviando Thomas Edward Lawrence (Lawrence d'Arabia) nel 1915. Gli Ikhwan hanno cominciato a entrare in conflitto con Hussein, nel 1917 proprio quando i suoi figli [[Abd Allah I di Giordania|Abd Allah e Faysal entrarono a Damasco. Il Trattato di Darin è rimasto in vigore fino a quando venne superato dalla conferenza di Jeddah del 1927 e dalla conferenza di Dammam del 1952 durante i quali Abd al-Aziz ha esteso i suoi confini oltre l'anglo-ottomana "linea blu". Dopo Darin, ha accumulato armi e munizioni fornitegli dai britannici, oltre a un omaggio di 5 000 sterline al mese.[16] Dopo la prima guerra mondiale, ha ricevuto ulteriore sostegno da parte britannica, tra cui una grossa partita di munizioni. Ha lanciato la sua campagna contro gli Al Rashidi nel 1920 e 1922 erano stati quasi tutti eliminati.

La sconfitta degli storici rivali ha raddoppiato le dimensioni del territorio saudita, perché dopo la guerra di Ha'il, Abd al-Aziz ha inviato il suo esercito ad occupare Al-Jouf sotto la guida di Eqab bin Mohaya, il capo della tribù Talhah. Questo ha permesso ad Abd al-Aziz di negoziare un nuovo e più favorevole trattato con gli inglesi. L'accordo, firmato a Uqair nel 1922, ha visto la Gran Bretagna riconoscere molte delle sue conquiste territoriali. In cambio, Abd al-Aziz ha accettato di riconoscere i territori britannici nella zona, in particolare lungo la costa del Golfo Persico e in Iraq. Questi erano di vitale importanza per i britannici, in quanto il traffico mercantile tra l'India britannica e il Regno Unito dipendeva dalle stazioni marittime sulla rotta verso il canale di Suez.

Nel 1925, le forze di Abd al-Aziz hanno preso la città santa de La Mecca da Sharif Hussein, ponendo fine a 700 anni di dominio hashemita. L'8 gennaio 1926, i leader della Mecca, di Medina e di Jeddah proclamarono Abd al-Aziz re del Hijaz.[17] Il 20 maggio 1927, il governo britannico ha firmato il trattato di Jeddah, che ha abolito quello di Darin e riconosciuto l'indipendenza dell'Hejaz e del Najd con Abd al-Aziz come loro sovrano.

Con il riconoscimento e il sostegno internazionale, Abd al-Aziz ha continuato a consolidare il suo potere. Nel 1928, le sue forze avevano invaso la maggior parte del centro della penisola arabica. Tuttavia, l'alleanza tra gli Ikhwan e gli Al Sa'ud è crollata quando il sovrano proibì ulteriori raid. Le poche porzioni di Arabia centrale non sotto il controllo saudita avevano infatti siglato trattati di protezione con Londra. Questo non stava bene agli Ikwhan, abituati a considerare tutti i non-wahhabiti come infedeli. Nel 1927 si scatenò la loro rivolta. Dopo due anni di combattimenti, i membri della fratellanza sono stati sconfitti definitivamente da Abd al-Aziz nella battaglia di Sabilla del marzo 1929.

Il 23 settembre 1932, Abd al-Aziz unì i suoi domini nel Regno dell'Arabia Saudita, con se stesso come suo re.[18] Nel 1938, il monarca trasferì la sua corte dal forte Masmak a Palazzo Murabba.[19] Questo edificio è rimasto la sua residenza e la sede del governo fino alla sua morte, nel 1953.[20]

Abd al-Aziz ha lentamente escluso dal potere prima il padre, e quindi i suoi cinque fratelli - in particolare il suo fratello maggiore Muhammad che aveva combattuto con lui durante le battaglie e le conquiste che avevano dato vita allo stato.[21]

La scoperta del petrolio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1938 in Arabia Saudita è stato scoperto il petrolio da alcuni geologi americani che lavoravano per la Standard Oil of New York (SOCONY), in collaborazione con funzionari sauditi. Su suggerimento dei suoi consiglieri St John Philby e Amin al-Rihani, nel 1944, ha concesso l'autorità sostanziale sui campi petroliferi sauditi alle compagnie americane, con grande costernazione degli inglesi che avevano investito molto denaro nell'ascesa al potere del monarca nella speranza di aver accesso alle riserve di petrolio che si credevano ingenti.

La ricchezza petrolifera ha portato con sé una grande quantità di potere e di influenza che, naturalmente, Abd al-Aziz ha usato a suo vantaggio nel Hijaz. Ha imposto alle molte tribù nomadi di interrompere faide, guerriglie e vendette. Cominciò anche a diffondersi l'applicazione dell'ideologia del nuovo regno, basato sugli insegnamenti di Muhammad ibn Abd al-Wahhab. Ciò ha incluso la fine dei riti tradizionalmente sanzionati dei pellegrinaggii, riconosciuti dalle scuole ortodosse di giurisprudenza, ma in contrasto con gli insegnamenti di Muhammad ibn Abd al-Wahhab. Nel 1926, dopo che i membri di una carovana di egiziani in viaggio verso La Mecca sono stati picchiati dalle sue milizie, il monarca si è visto costretto a rilasciare una dichiarazione conciliante al governo egiziano. In seguito, diverse dichiarazioni simili sono state rilasciate ai governi musulmani di tutto il mondo a causa delle percosse subite dai pellegrini in visita alle città sante di La Mecca e Medina. La rivolta e la successiva decimazione degli Ikhwan nel 1929, grazie anche alla forza aerea britannica, ha segnato un punto di svolta. Con i suoi rivali eliminati, l'ideologia di Abd al-Aziz era in pieno vigore, ponendo fine a quasi 1400 anni di pratiche religiose che coronavano l'Hajj, la maggior parte delle quali erano sanzionate dalle scuole islamiche.

Il re ha istituito il Consiglio della Shura del Hijaz già nel 1927. Questo Consiglio è stato successivamente ampliato a 20 membri, ed era stato presieduto dal figlio del re, Faysal.[22]

Guerre all'estero[modifica | modifica wikitesto]

Abd al-Aziz è stato in grado di ottenere la fedeltà sia delle tribù dell'Arabia Saudita che di alcune in Giordania. Ad esempio, ha costruito forti legami con il principe Sheikh Rashed Al Khuzai della tribù degli Al Fraihat, una delle più influenti durante il dominio dell'Impero ottomano. Il principe e la sua tribù avevano dominato la Giordania orientale prima dell'arrivo di Sharif Hussein. Abd al-Aziz ha sostenuto Rashed e i suoi seguaci nella ribellione contro Hussein.[23]

Il principe Rashed ha partecipato alla sfida di Izz al-Din al-Qassam del 1935 che lui e i suoi seguaci condussero contro re Abd Allah I di Giordania. Più tardi, nel 1937, quando sono stati costretti a lasciare la Giordania, il principe Rashed Al Khuzai, la sua famiglia e un gruppo di suoi seguaci hanno scelto di trasferirsi in Arabia Saudita, dove il principe Rashed viveva da diversi anni, ospite di Abd al-Aziz.[23][24][25][26]

Anni successivi[modifica | modifica wikitesto]

Re Abd al-Aziz conversa con il presidente Franklin D. Roosevelt (a destra) grazie all'interprete colonnello Bill Eddy, a bordo della USS Quincy, dopo la Conferenza di Yalta. L'ammiraglio William D. Leahy (a sinistra) osserva.

Abd al-Aziz ha mantenuto il suo paese neutrale nella Seconda Guerra Mondiale, anche se ha mostrato il suo sostegno agli Alleati.[27] Tuttavia, nel 1938, quando c'è stato un attacco al principale gasdotto britannico nel Regno dell'Iraq, il sovrano ha dato rifugio all'ambasciatore tedesco Fritz Grobba che ne era responsabile.[28] È stato riferito che a partire dal 1937 stava sfavorendo gli inglesi.[29]

Durante l'ultima fase della guerra, Abd al-Aziz ha incontrato esponenti politici significativi. Una di queste riunioni, durate per tre giorni, è culminata con l'incontro con il presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Roosevelt, il 14 febbraio 1945.[30] Il colloquio ha avuto luogo a bordo della USS Quincy presso il Grande Lago Amaro nel canale di Suez.[30][31] L'incontro ha stabilito le basi delle future relazioni tra i due paesi.[32]

Un altro incontro significativo si è svolto con il Primo ministro britannico Winston Churchill nel Grand Hotel du Lac, sulle rive dell'oasi di Fayyoun, cinquanta miglia a sud del Cairo, nel febbraio del 1945.[33] Tuttavia, i sauditi riferiscono che l'incontro era focalizzato sul problema palestinese ed è stato improduttivo in termini di risultati, a differenza di quello con Roosevelt.[33]

Nel 1948, l'Arabia Saudita ha partecipato alla guerra arabo-israeliana, ma il suo contributo è stata generalmente considerato scarso. [27]

Mentre i membri della famiglia reale, grazie ai proventi della crescente industria estrattiva si permettevano giardini lussuosi, splendide auto e palazzi di mattoni, Abd al-Aziz ha chiesto agli imprenditori stranieri di realizzare una ferrovia reale dal golfo Persico a Riyad con un prolungamento fino a Jeddah. Questo è stato considerato da tutti i suoi consiglieri che vivevano nel paese, come la follia di un vecchio. Alla fine, la ARAMCO costruì la ferrovia, ad un costo di 70 milioni di dollari, ottenuti dalle royalties del petrolio. La strada ferrata è stata completata nel 1951 ed è stata utilizzata per il trasporto di merci dopo la morte del re. Essa ha permesso a Riyad di modernizzarsi. Nel 1962, quando è stata realizzata una strada asfaltata, la ferrovia ha perso tutto il suo traffico.[34]

Vita personale[modifica | modifica wikitesto]

In conformità con i costumi del suo popolo, Abd al-Aziz era a capo di una famiglia poligama comprendente più mogli e concubine. Secondo alcune fonti, ha avuto ventidue consorti ufficiali. Molti dei suoi matrimoni sono stati contratti per cementare alleanze con altri clan, nel periodo in cui lo stato saudita era in via di formazione e stabilizzazione. Abd al-Aziz era il padre di quasi un centinaio di bambini, tra cui quarantacinque maschi. Di seguito un elenco di mogli e relativi figli:

  1. Waḍḥa bint Muḥammad bin ʿUqāb[21]
    1. Turkī (I) (19001919)
    2. Saʿūd (12 gennaio 1902 – 23 febbraio 1969); regno 19531964
    3. Nūra
    4. Munīra
  2. Tarfa bint ʿAbd Allāh Āl al-Shaykh
    1. Khālid (I) (nato nel 1903, morto nell'infanzia)
    2. Fayṣal (14 aprile 1906 – 25 marzo 1975); regno 19641975
    3. Saʿd (I) (19141919)
    4. ʿAnūd (nato nel 1917, data di morte sconosciuta)
    5. Nūra
  3. Luʾluʾa bint Ṣāliḥ al-Dākhil (sposata nel 1906)[35]
    1. Fahd (I) (19061919)
  4. al-Jawhara bint Musāʿid al-Jilūwī (morta nel 1919)
    1. Muḥammad (19101988)
    2. Khālid (II) (13 febbraio 1913 – 13 giugno 1982); regno 19751982
    3. al-ʿAnūd
  5. Laja bint Khālid bin Hithlayn
    1. Sāra (1916 – giugno 2000)
  6. Bazza I
    1. Nāṣer (19111984)[36]
  7. Jawhara bint Saʿd bin ʿAbd al-Muḥsin al-Sudayrī
    1. Saʿd (II) (19151993)
    2. Musāʿid (19232013)[37]
    3. ʿAbd al-Muḥsin (19251985)
    4. Al Bandari (19282008)[38]
  8. Ḥaṣṣa al-Sudayrī (19001969)
    (I loro figli sono noti come sette Sudairi)
    1. Fahd (II) (1921 – 1º agosto 2005); regno 19822005
    2. Sulṭān (19282011); principe della corona 20052011
    3. Luʾluʾa (ca 19282008)[39]
    4. ʿAbd al-Raḥmān (nato nel 1931)
    5. Nāyef (19332012); principe della corona 27 ottobre 2011 – 16 giugno 2012
    6. Turkī (II) (nato nel 1934)
    7. Salmān (nato nel 1935); attuale Re d'Arabia Saudita dal 2015
    8. Aḥmed (nato nel 1942)
    9. Jawāher
    10. Laṭīfa
    11. al-Jawhara
    12. Muḍī (morto giovane)
    13. Felwa (morto giovane)
  9. Shāhida
    1. Manṣūr (1921 – 2 maggio 1951)
    2. Mishʿal (nato nel 1926)
    3. Qumash (1927 – settembre 2011)
    4. Mutayyib (nato nel 1931)
  10. Fahda bint 'Asi al-Shuraym
    1. ʿAbd Allāh (1º agosto 1924 - 23 gennaio 2015); regno 2005 - 2015
    2. Nūf
    3. Sīta (c. 1930 – 13 aprile 2011)
  11. Bazza (seconda moglie di nome Bazza)
    1. Bandar (nato nel 1923)
    2. Fawwāz (19342008)
  12. Ḥāya bint Saʿd al-Sudayrīi (1913 – 18 aprile 2003)[40]
    1. Badr (I) (19311932)
    2. Badr (II) (1933 – 1º aprile 2013)
    3. Huzza (1951 – luglio 2000)
    4. ʿAbd al-Ilāh (nato nel 1935)
    5. ʿAbd al-Majīd (19432007)
    6. Nūra (nata nel 1930)
    7. Mishail
  13. Bushra
    1. Mishari (1932 – 23 maggio 2000)[41]
  14. Munayyir (c. 1909 – dicembre 1991)
    1. Ṭalāl (I) (19241927)
    2. Ṭalāl (II) (nato nel 1931)
    3. Nawwāf (nato nel 1932)
    4. Madawi[41]
  15. Muḍi
    1. Sulṭāna (c. 1928 – 7 luglio 2008)[42]
    2. Ḥāya (c. 1929 – 2 novembre 2009)[43]
    3. Majīd (II) (9 ottobre 1938 – 12 aprile 2003)
    4. Saṭṭām (21 gennaio 1941 – 12 febbraio 2013)
  16. Nūf bint al-Shaʿlān
    1. Thāmir (1937 – 27 giugno 1959)
    2. Mamdūḥ (nato nel 1941)
    3. Mashhūr (nato nel 1942)
  17. Saʿida al-Yamaniyya
    1. Hathlūl (1942 – 29 settembre 2012)
  18. Khaḍra
  19. Baraka al-Yamaniyya
    1. Muqrin (nato il 15 settembre 1945); principe della corona 23 gennaio 2015 – 29 aprile 2015
  20. Fuṭayma
    1. Ḥamūd (1947 – 26 febbraio 1994)[41]
  21. Muḍā bint ʿAbd Allāh al-Mandīl al-Khalīdīi
    1. Shaykha (nata nel 1922)
  22. Da ignota:
    1. Majīd (I) (19341940)
    2. ʿAbd al-Salīm (19411942)
    3. Jilūwī (I) (19421944)
    4. Jilūwī (II) (19521952) (figlio minore morto nell'infanzia).

Rapporti con i membri della famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Abd al-Aziz era molto vicino a una zia paterna, Jawhara bint Faysal. Fin da giovane, ha radicato in lui un forte senso della famiglia spingendolo a riguadagnare la gloria perduta della Casa di Sa'ud. Negli anni in cui la famiglia viveva rifugiata in Kuwait, Jawhara spesso gli raccontava le gesta dei suoi antenati e esortava il giovane principe a non essere contento della situazione attuale. La zia è stata determinante nel fargli decidere di tornare nel Najd e di riconquistare i territori della sua famiglia. La zia rimase per tutta la vita, una delle consigliere più fidate e influenti sul re. Abd al-Aziz le chiedeva di narrargli le esperienze dei governanti del passato, con fedeltà storica e incentrando i suoi racconti sulle tribù e sugli individui, per prendere spunti su cui basare le sue azioni. Jawhara era anche profondamente rispettata dai figli del monarca. Abd al-Aziz usava farle visita ogni giorno fino alla sua morte avvenuta intorno al 1930.[44]

Il re era anche molto vicino alla sorella Nura, che aveva un anno più di lui. In diverse occasioni, si identificò in pubblico con le parole: "Io sono il fratello di Noura".[10][44] La principessa è morta qualche anno prima del fratello minore.[10]

Opinioni[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda i valori essenziali per lo stato e la gente diceva che "Due cose sono essenziali per il nostro stato e la nostra gente: la religione e i diritti ereditati dai nostri padri."[45]

Amani Hamdan sostiene che l'atteggiamento di Abd al-Aziz verso l'istruzione delle donne è stato incoraggiante, dal momento che a St John Philby ha dichiarato: "È lecito per le donne saper leggere."[46]

Le sue ultime parole ai suoi due figli più grandi, il futuro re Sa'ud e Faysal, che erano già in lotta tra di loro, sono state: "Voi siete fratelli, unitevi !" [21] Poco prima della sua morte, il re ha dichiarato: "In verità, i miei figli e i miei averi sono i miei nemici".[47]

Morte e funerale[modifica | modifica wikitesto]

Dal mese di ottobre 1953, Abd al-Aziz era gravemente malato a causa di problemi cardiaci.[48] Il monarca è morto nel sonno per un attacco cardiaco nel palazzo del principe Faysal a Ta'if il 9 novembre 1953 all'età di 77 anni.[5][49][50] Il principe Faysal era al suo fianco.[50] La preghiera funebre si è tenuta presso la moschea Al Hawiya di Ta'if.[5] Il suo corpo è stato poi portato a Riyad dove è stato sepolto nel cimitero al-'Ud.[5][51]

Il segretario di stato americano John Foster Dulles ha dichiarato che dopo la morte Abd al-Aziz sarebbe stato ricordato per i suoi successi come uomo di Stato.[52]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine del Bagno (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine del Bagno (Regno Unito)
— 1935[53]
Comandante della Legion of Merit (Stati Uniti) - nastrino per uniforme ordinaria Comandante della Legion of Merit (Stati Uniti)
— 1947
Cavaliere di Gran Croce con decorazione bianca dell'Ordine al Merito Militare (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce con decorazione bianca dell'Ordine al Merito Militare (Spagna)
— 1º aprile 1952[54]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La data di nascita del re dell'Arabia Saudita è stata fonte di numerosi dibattiti: la maggioranza degli storici opta per il 15 gennaio 1876, mentre i registri ufficiali riportano il 1880. Nel suo libro "The Kingdom" lo scrittore Robert Lacey afferma che nel 1891 ʿAbd al-ʿAzīz partecipò ad un importante incontro con un capo tribale: se fosse veramente nato nel 1880 avrebbe avuto al momento di quel colloquio solo 11 anni, un'età troppo tenera per poter affrontare tale impegno. Inoltre ʿAbd al-ʿAzīz ha praticamente ammesso di essere nato nel 1876: uno dei suoi figli disse allo stesso Lacey che il sovrano rideva sul documento che lo voleva nato nel 1880, affermando "ho cancellato quattro anni della mia vita".
  2. ^ Robert Lacey, The Kingdom, New York, Harcourt Brace Jovanovich, 1982, ISBN 0-15-147260-2.
  3. ^ Il giusto modo di riferirsi al sovrano sarebbe quello di usare il nasab Ibn ʿAbd al-Raḥmān, visto il nome di suo padre. Il nasab Ibn Sa'ud sarebbe correttamente da usare solo per indicare il suo quadrisavolo, Muhammad ibn Sa'ud.
  4. ^ Current Biography 1943, pp. 330–34
  5. ^ a b c d The kings of the Kingdom in Ministry of Commerce and Industry. URL consultato il 28 luglio 2012.
  6. ^ David W. Del Testa (a cura di), Saūd, Abdulaziz ibn in Government Leaders, Military Rulers, and Political Activists, Westport, CT, Oryx Press, 2001, p. 165. Template:Subscription required
  7. ^ History of Arabia in Encyclopaedia Britannica Online. URL consultato il 27 aprile 2014.
  8. ^ Fahd Al Semmari, The King Abdulaziz Foundation for Research and Archives in Middle East Studies Association Bulletin, vol. 35, nº 1, Summer 2001. URL consultato il 10 marzo 2015.Template:Subscription required
  9. ^ Mordechai Abir, The Consolidation of the Ruling Class and the New Elites in Saudi Arabia in Middle Eastern Studies, vol. 23, nº 2, aprile 1987, pp. 150–171, DOI:10.1080/00263208708700697, JSTOR 4283169. URL consultato il 25 aprile 2012.
  10. ^ a b c King Abdulaziz' Noble Character in Islam House. URL consultato il 29 aprile 2012.
  11. ^ Wallace Stegner, Discovery! The Search for Arabian Oil, Selwa Press, 2007. URL consultato il 29 aprile 2012.
  12. ^ a b Mohammad Zaid Al Kahtani, The Foreign Policy of King Abdulaziz in University of Leeds, dicembre 2004. URL consultato il 21 luglio 2013.
  13. ^ William Ochsenwald, The Middle East: A History, McGraw Hill, 2004, p. 697, ISBN 0-07-244233-6.
  14. ^ Robert Wilson and Zahra Freeth. The Arab of the Desert. London: Allen & Unwin, 1983. pp. 312–13. Print.
  15. ^ Wilkinson, John C. Arabia's Frontiers: the Story of Britain's Boundary Drawing in the Desert. London u.a.: Tauris, 1993. pp. 133–39. Print
  16. ^ Abdullah Mohammad Sind, The Direct Instruments of Western Control over the Arabs: The Shining Example of the House of Saud in Social Sciences. URL consultato il 10 gennaio 2013.
  17. ^ Clive Leatherdale, Britain and Saudi Arabia, 1925–1939: The Imperial Oasis, New York, Frank Cass and Company, 1983.
  18. ^ Odah Sultan, Saudi–American Relations 1968–78: A study in ambiguity, Salford University, 1988. URL consultato il 23 aprile 2012.
  19. ^ Murabba Palace Historical Centre in Simbacom. URL consultato il 22 luglio 2013.
  20. ^ Rebirth of a historic center in Saudi Embassy Magazine, Spring 1999. URL consultato il 22 luglio 2013.
  21. ^ a b c Mai Yamani, From fragility to stability: a survival strategy for the Saudi monarchy in Contemporary Arab Affairs, vol. 2, nº 1, gennaio–March 2009, pp. 90–105, DOI:10.1080/17550910802576114. URL consultato il 5 aprile 2012.
  22. ^ Anthony H. Cordesman, Saudi Arabia enters the 21st century: III. Politics and internal stability in Center for Strategic and International Studies (CSIS), 30 ottobre 2002. URL consultato il 1 maggio 2012.
  23. ^ a b المجلة المصرية نون, المجلة المصرية نون – سيرة حياة الأمير المناضل راشد الخزاعي in Noonptm. URL consultato il 25 ottobre 2011.
  24. ^ الشيخ عز الدين القسام أمير المجاهدين الفلسطينيين – (ANN) in Anntv, 19 novembre 1935. URL consultato il 25 ottobre 2011.
  25. ^ جريدة الرأي ; راشد الخزاعي.. من رجالات الوطن ومناضلي الأمة in Al Rai. URL consultato il 25 ottobre 2011.
  26. ^ مركز الشرق العربي ـ برق الشرق in Asharq Al Arabi. URL consultato il 25 ottobre 2011.
  27. ^ a b A Country Study: Saudi Arabia. Library of Congress Call Number DS204 .S3115 1993. Chapter 5. "World War II and Its Aftermath"
  28. ^ Time Magazine, 26 May 1941
  29. ^ Time Magazine, 3 July 1939
  30. ^ a b Rudy Abramson, 1945 Meeting of FDR and Saudi King Was Pivotal for Relations in Los Angeles Times (Washington DC), 9 agosto 1990. URL consultato il 22 luglio 2013.
  31. ^ President Roosevelt and King Abdulaziz in SUSRIS, 17 marzo 2005. URL consultato il 22 luglio 2013.
  32. ^ Bahgat Gawdat, Saudi Arabia and the War on Terrorism in Arab Studies Quarterly, vol. 26, nº 1, Winter 2004. URL consultato il 14 settembre 2013.Template:Subscription required
  33. ^ a b Ibn Saud meets British Prime Minister Winston Churchill, King Abdulaziz Information Resource. URL consultato il 22 luglio 2013.
  34. ^ Michel G. Nehme, Saudi Arabia 1950–80: Between Nationalism and Religion in Middle Eastern Studies, vol. 30, nº 4, 1994, pp. 930–943, DOI:10.1080/00263209408701030, JSTOR 4283682. URL consultato l'11 aprile 2012.
  35. ^ Lulua bint Salih Al Dakhil, Datarabia. URL consultato il 10 agosto 2012.
  36. ^ Princes of Riyadh, Ministry of Interior. URL consultato il 9 giugno 2012.
  37. ^ Prince Musaed bin Abdulaziz passes away in Arab News (Jeddah), 20 agosto 2013. URL consultato il 20 agosto 2013.
  38. ^ Saudi Princess Al Bandari passes away in Independent Bangladesh, UNB, 11 marzo 2008. URL consultato il aprile 2008.
  39. ^ Princess Luluwah bint Abdulaziz passed away in SPA. URL consultato il 2008.
  40. ^ Saudi princess dies at age 90 in Beaver County Times, 4 maggio 2003. URL consultato il 4 agosto 2012.
  41. ^ a b c Sharaf Sabri, The House of Saud in commerce: A study of royal entrepreneurship in Saudi Arabia, New Delhi, I.S. Publications, 2001, ISBN 81-901254-0-0.
  42. ^ Death of Princess Sultanah. URL consultato il 18 luglio 2008.
  43. ^ News. URL consultato l'8 novembre 2009.
  44. ^ a b Stig Stenslie, Power behind the Veil: Princesses of House of Saud in Journal of Arabian Studies: Arabia, the Gulf, and the Red Sea, vol. 1, nº 1, 2011, pp. 69–79, DOI:10.1080/21534764.2011.576050. URL consultato il 15 aprile 2012.
  45. ^ Joseph Nevo, Religion and National Identity in Saudi Arabia in Middle Eastern Studies,, vol. 34, nº 3, luglio 1998, pp. 34–53, DOI:10.1080/00263209808701231, JSTOR 4283951. URL consultato il 5 aprile 2012.
  46. ^ Amani Hamdan, Women and education in Saudi Arabia: Challenges and achievements in International Education Journal, vol. 6, nº 1, 2005, pp. 42–64. URL consultato il 22 aprile 2012.
  47. ^ Steffen Hertog, Shaping the Saudi state: Human agency's shifting role in the rentier state formation in International Journal Middle East Studies, vol. 39, 2007, pp. 539–563, DOI:10.1017/S0020743807071073. URL consultato il 17 aprile 2012.
  48. ^ Warrior King Ibn Saud Dies at 73 in The West Australian, 10 novembre 1953. URL consultato il 2 aprile 2013.
  49. ^ Richard Cavendish, Death of Ibn Saud in History Today, vol. 53, nº 11, 2003. URL consultato il 29 luglio 2012.
  50. ^ a b Ibn Saud dies, King Abdulaziz Information Source. URL consultato il 9 agosto 2012.
  51. ^ Abdul Nabi Shaheen, Sultan will have simple burial at Al Oud cemetery in Gulf News, 23 ottobre 2011. URL consultato il 29 luglio 2012.
  52. ^ Western tributes to King Ibn Saud in The Canberra Times (London), 11 novembre 1953, p. 5. URL consultato l'11 aprile 2013.
  53. ^ Saïd K. Aburish, The Rise, Corruption and Coming Fall of the House of Saud: with an Updated Preface, Bloomsbury Publishing, 15 agosto 2005, p. 17, ISBN 978-0-7475-7874-1. URL consultato l'11 agosto 2013.
  54. ^ Bollettino Ufficiale di Stato

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Re dell'Arabia Saudita Successore
Nessuno 1932 - 1953 Sa'ud
Controllo di autorità VIAF: (EN77110564 · LCCN: (ENn80128866 · GND: (DE118708562