Abbronzatissima/Il cicerone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Abbronzatissima)
Jump to navigation Jump to search
Abbronzatissima/Il cicerone
singolo discografico
ArtistaEdoardo Vianello
Pubblicazione1963
GenerePop
EtichettaRCA Italiana PM 3200
Edoardo Vianello - cronologia

Abbronzatissima/Il cicerone è un 45 giri di Edoardo Vianello.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Entrambe le canzoni, scritte dallo stesso Edoardo Vianello per la musica e da Carlo Rossi per il testo, sono contenute nell'album Io sono Edoardo Vianello, che l'RCA Italiana pubblica nello stesso periodo.

Il disco raggiunge il primo posto della classifica e risulta il 27º disco più venduto nell'anno,[1] grazie soprattutto ad Abbronzatissima, canzone rimasta una delle più note degli anni sessanta italiani e considerata uno dei primi tormentoni estivi della storia (rappresentando ancora oggi un simbolo della stagione estiva), nonché il più veloce.[2]

Gli arrangiamenti sono curati da Ennio Morricone.

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1963 anche Cleto Colombo e gli A. Novaris incidono il brano (Nuova Enigmistica Tascabile, N. 455).

Nel 1964 il brano è ripreso da Jerry Adriani per il mercato brasiliano con un EP (CBS, 56168), inserito nell'album Italianissimo (CBS, 37349).

Nel 1981 ne fu incisa una cover da Ivan Cattaneo, nell'album Duemila60 Italian Graffiati.

Nell'estate 2002 il rapper italiano Brusco incise il brano Sotto i raggi del sole, divenuto tormentone estivo di quell'anno, che conteneva dei campionamenti di Abbronzatissima.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I dati sulle posizioni in classifica sono ricavati dal volume di Dario Salvatori, Storia dell'hit parade, edizioni Gremese, 1989, e dalle classifiche pubblicate nel 1963 dal settimanale TV Sorrisi e Canzoni
  2. ^ Paolo Giordano, Il "codice Vianello" che ha cambiato le estati italiane, su ilgiornale.it, il Giornale, 2 luglio 2019. URL consultato l'11 marzo 2022.
  3. ^ Brusco sbarca a Canosa "Abbronzatissimo", in la Repubblica, 31 luglio 2002, p. 11. URL consultato il 01-03-2010.
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica