Abbazia territoriale di Claraval

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Abbazia territoriale di Claraval
Abbatia Territorialis Claravallensis in Brasilia
Chiesa latina
Suffraganea dell'
arcidiocesi di Pouso Alegre
Sacerdoti 6 di cui 6 regolari
1.719 battezzati per sacerdote
Religiosi 17 uomini, 4 donne
Abitanti 12.816
Battezzati 10.316 (80,5% del totale)
Superficie 844 km² in Brasile
Parrocchie 2
Erezione 11 maggio 1968
Soppressione 31 luglio 2002[1]
territorio aggregato alla diocesi di Guaxupé
Rito romano
Cattedrale Spirito Santo
Dati dall'Annuario pontificio 2002 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Brasile

L'abbazia territoriale di Claraval (in latino: Abbatia Territorialis Claravallensis in Brasilia) è una sede soppressa della Chiesa cattolica in Brasile.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'abbazia territoriale comprendeva i comuni di Claraval e Ibiraci nella parte occidentale dello Stato brasiliano di Minas Gerais.

Fungeva da cattedrale la chiesa abbaziale di Nostra Signora dello Spirito Santo (Nossa Senhora do Divino Espírito Santo) di Claraval. Oltre alla cattedrale, l'abbazia territoriale comprendeva un'altra parrocchia, la chiesa di Nostra Signora dei Dolori (Nossa Senhora das Dores) di Ibiraci.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'abbazia territoriale fu eretta da papa Paolo VI l'11 maggio 1968 con la bolla Caelestis urbis, ricavandone il territorio dalla diocesi di Guaxupé. Fu resa suffraganea dell'arcidiocesi di Pouso Alegre.

Il seminario abbaziale venne eretto nel 1972; primo rettore fu padre Mauro Cavallo, cistercense giunto dall'abbazia di Casamari in Italia.

Il 31 luglio[1] 2002 perse il privilegio della territorialità in forza del decreto Ad uberius della Congregazione per i vescovi, e il suo territorio fu riaggregato alla diocesi di Guaxupé.

L'abbazia di Claraval è stata l'ultima abbazia elevata al rango di abbazia territoriale; infatti, in forza della lettera apostolica Catholica Ecclesia del 1976[2], oggi la Chiesa cattolica non erige più abbazie territoriali.

Cronotassi degli abati[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Pietro Agostini, O.Cist. † (12 luglio 1969 - 1972 dimesso)
    • Sede vacante (1972-1976)
  • Carmelo Domenico Recchia, O.Cist. † (7 dicembre 1976 - 24 marzo 1999 ritirato)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'abbazia territoriale al termine dell'anno 2001 su una popolazione di 12.816 persone contava 10.316 battezzati, corrispondenti al 80,5% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1970 15.460 16.060 96,3 7 7 2.208 7 2
1976 17.000 18.000 94,4 5 5 3.400 6 2
1980 11.900 12.600 94,4 6 6 1.983 11 2
1990 10.600 11.800 89,8 6 6 1.766 7 2
1999 10.625 12.500 85,0 7 7 1.517 12 3 2
2000 12.398 15.498 80,0 6 6 2.066 19 3 2
2001 10.316 12.816 80,5 6 6 1.719 17 4 2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La data di soppressione è quella riportata dal decreto Ad uberius della Congregazione per i vescovi. Catholic Hierarchy e Gcatholic riportano erroneamente la data dell'11 dicembre 2002.
  2. ^ Catholica Ecclesia, dal sito web della Santa Sede.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi