Abbazia di Chiaravalle della Colomba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abbazia di Chiaravalle della Colomba
Facciata esterna dell'Abbazia.jpg
La facciata dell'Abbazia
Stato Italia Italia
Regione Emilia-Romagna
Località Alseno (PC)
Religione Cattolicesimo
Consacrazione 1136
Stile architettonico Romanico Gotico
Sito web Sito ufficiale

Coordinate: 44°55′33″N 9°58′26″E / 44.925833°N 9.973889°E44.925833; 9.973889

L'abbazia di Chiaravalle della Colomba è un'abbazia cistercense fondata l'11 aprile 1136, ed è situata nell'omonimo paese nei pressi di Alseno (Piacenza), in Italia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'abbazia è stata fondata da san Bernardo di Chiaravalle stesso attorno al 1135. Il complesso nacque quando Bernardo accolse le suppliche del vescovo Arduino di Piacenza e del suo popolo: era tipico dei monasteri cistercensi, infatti, insediarsi in zone disagiate, lavorando attivamente per coltivarle e bonificarle e incanalando lo sforzo di ascesi spirituale attraverso il duro lavoro. Celebre è, in tal senso, la formula Ora et labora.

Il primo documento che ne riporta l'esistenza ufficiale è, nel 1136, una institutionis paginam del vescovo Arduino stesso. Con essa il prelato concede al monastero i primi beni terrieri, cui altri seguiranno dai marchesi Pallavicino e Cavalcabò. Tuttavia l'inizio dei lavori del corpo della basilica è successivo al 1145 e si protrae per i duecento anni successivi. Il primo privilegio papale giunge il 7 febbraio 1137 ad opera di papa Innocenzo II. Il monastero verrà poi accolto sotto la protezione della Sede Apostolica ad opera di papa Lucio II, con il Laterano del 12 luglio 1144.

Il chiostro

Già in questo antico documento si fa riferimento all'appellativo della colomba. Infatti, secondo la leggenda, mentre i monaci costruivano la chiesa in una zona diversa, una colomba si mise a volteggiare davanti a loro, raccogliendo delle pagliuzze e portandole in un luogo a circa trecento metri più a nord, delineando un perimetro di chiesa e facendo intuire ai cistercensi il luogo corretto in cui costruire. Si trattava della zona di San Michele Arcangelo, che è ricordato con una cappella a lato dell'abside. Tuttavia è assai più probabile che l'intitolazione a Santa Maria della Colomba faccia riferimento alla discesa dello Spirito Santo nel grembo di Maria durante l'Annunciazione.

Il monastero, tuttavia, fu spesso preda di razzie, come quella del 1214, ad opera dei vari eserciti che si contendevano il controllo del territorio. Diversi monaci furono uccisi nel saccheggio e conseguente incendio del 1248 ad opera di Federico II di Svevia. Un altro grave problema si verificò quando invalse l'uso della commenda. Secondo tale uso una data Abbazia o monastero si vedeva assegnare come priore un personaggio illustre. Questi viveva, solitamente, ben lontano dal monastero stesso, raramente se ne occupava e più solitamente si limitava ad incassarne le cospicue rendite economiche. L'abbazia di Chiaravalle della Colomba, sede famosa di attività religiose, scientifiche, letterarie e agronomiche, si vide data in commenda nel 1444. Tuttavia non tutti gli abati commendatari trascurarono l'abbazia, per questo il complesso degli edifici si ampliò notevolmente anche nel XVII e XVIII secolo.

L'Infiorata del Corpus Domini, anno 2016

Nel 1769, in seguito ad un decreto di soppressione da parte del Duca di Parma, i monaci lasciarono l'abbazia e furono accolti in quella di S. Martino de' Bocci. Nel 1777, dopo aver pagato un riscatto, i monaci poterono ritornare nella loro abbazia, ma due decreti napoleonici, nel 1805 e nel 1810, confiscarono i beni e soppressero l’istituzione monastica. I religiosi vennero allontanati, rimasero a Chiaravalle due monaci, uno come parroco e uno come insegnante e un converso con funzioni di sagrestano. L’archivio, la biblioteca e gli arredi vennero dispersi; i mille ettari di terreno e i fabbricati divennero proprietà degli Ospedali Civili di Piacenza.

Sino al 1937 la cura della parrocchia e dei locali dell'abbazia fu affidata ad un abate-parroco del clero secolare, mentre il monumento fu esposto ad ogni genere di abusi. Monsignor Guglielmo Bertuzzi, dagli inizi del XX secolo abate parroco di Chiaravalle, iniziò a recuperare la storia e i locali dell'abbazia, e convinse la Sovrintendenza a realizzare delle campagne di restauro che permisero di far emergere capolavori come la Crocefissione della Sagrestia e di consolidare gli altri locali. Riuscì anche a far tornare i monaci cistercensi attraverso un accordo, nel 1937, tra il Vescovo di Piacenza e la Congregazione cistercense di Casamari.

Nel 1976 il complesso architettonico è diventato proprietà demaniale e le Soprintendenze statali hanno continuato quel lungo itinerario di restauri che hanno portato l'abbazia ad essere splendente come un tempo. Chiaravalle ha ripreso ad essere sede di convegni di studio e vede un continuo afflusso di visitatori. I monaci quindi assunsero la cura della parrocchia e del complesso stesso, che ha avuto diversi restauri negli anni e di altri ancora necessita. Oggi è sede di ritiri spirituali, convegni di studio e meta di visitatori che cercano i prodotti tipici dei monaci: liquori, tisane, medicinali fitoterapici, profumi, mieli pregiati.

La ricorrenza liturgica oggi più nota è quella del Corpus Domini, legata all'Infiorata, ovvero un lungo tappeto fiorito che si estende dall'entrata dell'Abbazia fino al presbiterio, e che presenta diversi quadri raffiguranti motivi sacri, spesso eucaristici. L'Infiorata viene inaugurata la domenica del Corpus Domini, nel periodo maggio-giugno, e si protrae per le successive due settimane.

Inoltre, il giorno seguente alla Pentecoste viene esposta ai fedeli la "Santa Spina", una preziosa reliquia conservata nell'Abbazia che testimonia la passione di Cristo.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Veduta della chiesa col chiostro.
L'interno della chiesa.

L'inizio dei lavori di costruzione viene posto poco dopo il 1145. Il compimento delle parti medioevali, cosi come oggi le vediamo, è scaglionato nei duecento anni successivi, dopo la distruzione di parti del cenobio monastico operata da Federico II nel 1248. Il complesso presenta il classico schema benedettino, con elementi ortogonali che consentivano successivi ampliamenti. All'interno della basilica troviamo una struttura a salienti, nervature e archetti pensili, mentre l'impianto stesso è di transizione tra romanico e gotico. La decorazione è essenziale: san Bernardo disapprovava quanto chiamò la ridicula monstruositas del bestiario medioevale, ed impose interni senza decorazioni superflue. Il corpo fondamentale è la basilica, a cui aderisce un chiostro trecentesco di particolare bellezza e pregio, su cui si affacciano diversi locali come la sagrestia, la sala capitolare, in cui i monaci si riunivano per decidere i loro compiti, il refettorio, la liquoreria o calefactorium, e la scala che conduceva all'antico dormitorio dei monaci, oggi adibito a sede di un'esposizione permanente.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario G.Genesi, Gli affreschi cinque-seicenteschi della Cappella Battesimale sinistra dell'Abbazia di chiaravalle della Colomba(Piacenza): iconografia musicale; sta in: "Strenna Piacentina dell'Associazione Amici dell'Arte",Piacenza,Tipografia TEP di Concari & Zilocchi,2011,pp. 45–55,ill.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN135318554