ʿAbbās ʿAṭṭār

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Abbas Attar)
Jump to navigation Jump to search
ʿAbbās ʿAṭṭār

ʿAbbās ʿAṭṭār (Khash, 29 marzo 1944Parigi, 25 aprile 2018) è stato un fotografo iraniano noto per i suoi reportage in Biafra, Vietnam e Sudafrica negli anni settanta, e per i suoi ampi saggi sulle religioni negli anni successivi.

È stato dal 1971 al 1973 membro dell'agenzia Sipa, membro dell'agenzia Gamma dal 1974 al 1980 e di Magnum Photos dal 1981

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

ʿAbbās ʿAṭṭār, iraniano trapiantato a Parigi, ha dedicato i suoi reportage più importanti agli eventi politici e sociali dei paesi in via di sviluppo. Si è occupato, a partire dagli anni '70, di guerre e rivoluzioni in Biafra, Bangladesh, Ulster, Vietnam, Medio Oriente, Cile, Cuba, e Sudafrica.

Dal 1978 al 1980, si è occupato della rivoluzione in Iran; il libro iranDiary 1971- 2002 (Autrement 2002) è un'interpretazione critica della storia dell'Iran. Dal 1983 al 1986, ha viaggiato in Messico, dal 1987 al 1994 si è occupato del mondo islamico dallo Xinjiang al Marocco.

Con il libro Allah O Akbar, un viaggio attraverso i militanti islamici (Phaidon, 1994) mostra le tensioni nelle società del mondo musulmano, divise tra la memoria di un ricco passato e il desiderio di modernizzazione; questo suo lavoro ha attirato molte attenzioni specialmente dopo gli attentati dell'11 settembre 2001.

Con il lavoro Volti della Cristianità, un viaggio fotografico (A. Abrams, 2000), si è occupato del cristianesimo dal punto di vista spirituale, rituale e politico. Il suo ultimo lavoro, Nel nome di chi? Il mondo Islamico dopo l'11 settembre (Thames and Hudson 2009), è il frutto di un viaggio in 16 Paesi e durato 7 anni.

ʿAbbās ʿAṭṭār si è occupato negli ultimi anni di buddhismo, con lo sguardo scettico che lo ha sempre contraddistinto.

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Iran, la rivoluzione confiscata, Clétrat, Parigi, 1980
  • Ritorno ad Oapan, FCE Rio de Luz, Messico, 1986
  • Riturno dal Messico, W.W. Norton, New York, 1992
  • Allah O Akbar, un viaggio attraverso i militanti islamici, Phaidon, Londra, 1994
  • Viaggio negli Islam del Mondo, Contrasto, Roma 2002
  • Viaggio nella cristianità, La Martiniere, Parigi 2000
  • Volti della Cristianità, A. Abrams, New York, 2000
  • Fede-speranza-amore, Knesebeck, Monaco, 2000
  • Abbas, I Grandi Fotografi di Magnum, Hachette, Milano, 2005
  • Sulla strada degli Spriti, Delpire, Parigi, 2005
  • I figli di Abramo, Intervalles, Parigi, 2006
  • Diario iraniano 1971-2005, Saggiatore, Milano, 2006
  • Nel nome di chi?, Thames and Hudson, Londra, 2009
  • Ali, il combattimento, Edizioni Sonatines, Parigi, 2011
  • I bambini del loto, viaggio per i buddisti, De la Martinière, Parigi, 2011

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7385886 · ISNI (EN0000 0001 0854 8642 · LCCN (ENn80126632 · GND (DE122696301 · BNF (FRcb118879475 (data) · ULAN (EN500451134 · WorldCat Identities (ENn80-126632