A Night in Tunisia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
A Night in Tunisia
ArtistaDizzy Gillespie
Autore/iDizzy Gillespie
Frank Paparelli
GenereJazz
Bebop
Data1942
Noteè uno degli standard più eseguiti ed incisi, con circa 500 versioni

A Night in Tunisia è uno standard jazz composto da Dizzy Gillespie e Frank Paparelli[1] nel 1942 durante la permanenza di Gillespie nella jazz band di Earl Hines. Anche se Frank Papparelli appare ufficialmente nei crediti per la composizione, Gillespie sostenne che il suo contributo fu unicamente quello della trascrizione del pezzo[2].

Il brano è anche conosciuto come Interlude,[3] e sotto questo titolo è stato inciso (in una versione vocale dotata di testo) da Sarah Vaughan e Anita O'Day. Gillespie stesso chiamava la canzone "Night in Tunisia". Anche se molto spesso la composizione viene indicata come "A Night in Tunisia", il titolo corretto vero e proprio sarebbe Night in Tunisia. Il brano, divenuto un classico, è apparso come title track di almeno 30 CD ed è incluso in circa 500 album in svariate versioni. Nel gennaio 2004, Il brano, nella versione incisa da Dizzy Gillespie & His Sextet nel 1946 per la Victor, è stato introdotto nella Grammy Hall of Fame.

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Versione di Charlie Parker[modifica | modifica wikitesto]

A Night in Tunisia
ArtistaCharlie Parker
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1946
Durata3:03
GenereJazz
Bebop
EtichettaDial Records
Registrazione28 marzo 1946, Radio Recorders, Hollywood
Formati45 giri

Una delle esecuzioni più celebri del pezzo è sicuramente quella fatta da Charlie Parker per la Dial Records negli anni quaranta (data la fama della versione di Parker, la Dial pubblicò persino anche un solo frammento della registrazione con il titolo The Famous Alto Break). Successivamente la canzone divenne anche identificabile con gli Art Blakey's Jazz Messengers, che spesso la eseguivano in concerto. Nell'album A Night at Birdland, Vol. 1, Blakey introduce la canzone raccontando la storia di come egli fu presente quando Dizzy la compose percuotendo "il fondo di un bidone della spazzatura".

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

A Night in Tunisia è stata reinterpretata da numerosi artisti in svariati stili musicali, tra i tanti citiamo:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.allmusic
  2. ^ Jazz Standards Songs and Instrumentals (Night in Tunisia), su www.jazzstandards.com. URL consultato il 12 luglio 2015.
  3. ^ "Night in Tunisia" at jazzstandards.com. Accesso 10 gennaio 2008.
  4. ^ "A Night in Tunisia (Album Version)" at amazon.com. Accesso 19 marzo 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENn2017015141