A Kiss in the Dreamhouse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
A Kiss in the Dreamhouse
Artista Siouxsie and the Banshees
Tipo album Studio
Pubblicazione 5 novembre 1982
Durata 37 m : 51 ss
Tracce 9
Genere Post-punk
Etichetta Polydor, Geffen (USA)
Produttore Siouxsie and the Banshees
Registrazione Giugno-agosto 1982
Siouxsie and the Banshees - cronologia
Album successivo
(1983)
Singoli
  1. Slowdive
    Pubblicato: 1º ottobre 1982
  2. Melt!
    Pubblicato: 26 novembre 1982
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 3/5 stelle[1]
Melody Maker molto positivo[2]
New Musical Express molto positivo[3]
The Quietus molto positivo

A Kiss in the Dreamhouse è il quinto album in studio del gruppo musicale britannico Siouxsie and the Banshees, pubblicato nel 1982 dalla Polydor Records.

L'album[modifica | modifica wikitesto]

Contesto, produzione e musica[modifica | modifica wikitesto]

Più simile a Kaleidoscope che al precedente Juju, l'album appartiene a una fase "sperimentale" e psichedelica della carriera dei Banshees, che abbandonano il dark rock per uno stile più particolare, lussureggiante, sensuale: la strumentazione e gli arrangiamenti di A Kiss in the Dreamhouse sono molto curati, e il gruppo fa un uso generoso di sintetizzatori, archi, campanelli. La stessa copertina, di sapore quasi "bizantineggiante", con una cascata di simboli dorati, sottolinea la metamorfosi dei Banshees da gruppo post-punk a gruppo di pop-rock sofisticato. Il chitarrista John McGeoch suona diversi strumenti, tra cui flauto dolce e tastiere. Per Julian Marszalek di The Quietus, la pubblicazione ha dimostrato per i Banshees di essere "uno dei grandi gruppi psichedelici britannici" dell'era post-punk.[4]

La band si è bloccata dallo scrivere dopo il successo di Juju del 1981. Durante la primavera del 1982, è andata in tour in Scandinavia, con tre brani completati: Cascade, Painted Bird e Green Fingers. Quando a luglio è tornato in studio, il gruppo ha intrapreso una settimana di improvvisazioni scatenate da un nastro a sezione continua della versione orchestrale di Fireworks, un singolo a sè stante pubblicato a maggio. Gli altri pezzi seguirono facilmente.[5] Siouxsie non voleva usare sintetizzatori negli arrangiamenti:

"Fireworks ha indicato la direzione che volevamo per l'album. Volevamo gli archi [...] John [McGeoch] voleva una macchina, ma Steve [Severin] e io gli abbiamo detto che dovevano essere delle vere e proprie corde. Danno un suono reale, semplice, ricco. Si potevano sentire gli archi sputando, respirando e ansimando. Io e Steve abbiamo sempre voluto che la nostra musica fosse eseguita dalla Royal Philharmonic Orchestra. Abbiamo sempre pensato che le nostre canzoni si addicevano alle orchestrazioni. Le corde reali hanno un suono molto fisico".[6]

A Kiss in the Dreamhouse è stato il primo album in cui i Banshees sfruttarono davvero le possibilità in studio. Si sono lasciati ispirare dai suoni.[7] L'ingegnere Mike Hedges, che era interessato alla vocalità, ha messo diversi effetti sulla voce di Siouxsie e l'ha sezionata in più strati.[8] Hedges li ha anche incoraggiati a giocherellare con gli effetti; se la band veniva con qualcosa di insolito, l'avrebbe voluta massima.[9]

Secondo la band, A Kiss in the Dreamhouse era probabilmente il loro lavoro più sperimentale.[9] L'album contiene flauto dolce, campanelli, loop e molte sovraincisioni vocali.

Titolo e copertina[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo di A Kiss in the Dreamhouse è venuto in mente a Severin dopo aver visto un programma sulle prostitute di Hollywood degli anni '40 che hanno avuto interventi di chirurgia estetica per assomigliare alle star, in modo che potessero avere più clienti.[9] Il "Dreamhouse" era un bordello di Los Angeles che è realmente esistito, dove le persone potessero incontrare delle perfette repliche delle stelle dell'epoca, donne tipo Mae West.

La citazione nella copertina interna "Nellie l'Elefante ha imballato la sua proboscide e ha detto addio al circo", si riferisce al loro ex manager, Nils "Nellie" Stevenson, che ha lasciato la band prima della registrazione dell'album. Era il loro manager fin dai primi giorni.[9]

La copertina dell'album è stata ispirata dai dipinti di Gustav Klimt. Come i Banshees raggiunsero la ricchezza che desideravano, volevano "una grafica molto colorata con un sacco colori dorati e profondi, perché sentivamo che la musica era molto ricca".

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

È stato un successo commerciale e di critica: l'album raggiunse la posizione n. 11 delle classifiche britanniche; i singoli estratti furono Slowdive (pubblicato il 1º ottobre 1982, raggiunse la posizione n. 41 delle classifiche) e Melt! (pubblicato il 26 novembre 1982, posizione n. 49). I Banshees hanno affermato che è stato il loro miglior lavoro fino all'uscita di Peepshow nel 1988. Nell'agosto 2007 è stato inserito al 1° posto nella classifica dei migliori album del 2002 dalla rivista Mojo. L'album è stato rimasterizzato e ristampato nel 2009.

Lascito[modifica | modifica wikitesto]

Diversi gruppi hanno poi fatto delle cover e campionato le canzoni da questo album. Gli LCD Soundsystem hanno pubblicato una versione di Slowdive, come lato B del loro singolo Disco Infiltrator; è stato incluso anche sulla loro compilation Introns del 2006. The Beta Band ha campionato la versione live di Nocturne di Painted Bird sulla loro traccia Liquid Bird, uscito nel 2003 sul loro album Heroes to Zeros.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di Sioux, musiche di Siouxsie and the Banshees, tranne ove indicato.

Versione originale

Lato A
  1. Cascade - 4:24 (testo: Severin)
  2. Green Fingers - 3:32
  3. Obsession - 3:51
  4. She's a Carnaval - 3:39 (testo: Severin)
  5. Circle - 5:23
Lato B
  1. Melt! - 3:47 (testo: Severin)
  2. Painted Bird - 4:15
  3. Cocoon - 4:29
  4. Slowdive - 4:18

Tracce bonus rimasterizzazione 2009

  1. Fireworks [12" Version] (testo: Severin) - 4:33
  2. Slowdive [12" Version] - 5:49
  3. Painted Bird [Workhouse Demo] - 3:49
  4. Cascade [Workhouse Demo] (testo: Severin) - 4:33

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti
  • Caroline Lavelle - violoncello in "Obsession"
  • Anne Stephenson - violino in "Obsession" e "Slowdive"
  • Virgine Hewes - violino in "Obsession" e "Slowdive"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ David Cleary, A Kiss in the Dreamhouse – Siouxsie and the Banshees, su AllMusic. URL consultato il 1º settembre 2012.
  2. ^ Steve Sutherland, Awakening Dreams [A Kiss in the Dreamhouse - review], in Melody Maker, 6 novembre 1982.
  3. ^ Richard Cook, A kiss in the Dreamhouse review, su NME, Rock's Backpages (subscription required), 6 novembre 1982. URL consultato il 1º ottobre 2012.
  4. ^ Julian Marszalek, Siouxsie & the Banshees reissues A Kiss In The Dreamhouse Nocturne Hyaena Tinderbox, su The Quietus, 10 aprile 2009. URL consultato il 1º settembre 2012.
  5. ^ Steve Sutherland. Fireworks expected in Siouxsie's Dream House". Melody Maker. 14 August 1982
  6. ^ Mark Cooper, Let's Get Physical, in Record Mirror, 18 dicembre 1982.
  7. ^ Cooper, Mark. "Let's Get Physical". Record Mirror. 18 December 82
  8. ^ Paytress, Mark. p.120
  9. ^ a b c d Paytress, Mark. p.124
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock