A Cristo crocifisso (sonetto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
A Cristo crocifisso
Titolo originale A Cristo crucificado
Altri titoli No me mueve, mi Dios, para quererte
Cristo crucificado.jpg
Cristo crocifisso (Velázquez)
Autore Anonimo
1ª ed. originale 1628
Genere poesia
Sottogenere sonetto
Lingua originale spagnolo

A Cristo crocifisso (A Cristo crucificado, o No me mueve, mi Dios, para quererte) è un sonetto in lingua spagnola di autore anonimo composto nella seconda metà del XVI secolo o i primi decenni del XVII secolo. È giudicato da molti critici il miglior sonetto in lingua spagnola del Siglo de Oro[1].

Testo[modifica | modifica wikitesto]

(ES)

« No me mueve, mi Dios, para quererte
el cielo que me tienes prometido;
ni me mueve el infierno tan temido
para dejar por eso de ofenderte.


Tú me mueves, señor; muéveme el verte
clavado en una cruz y escarnecido;
muéveme ver tu cuerpo tan herido;
muévenme tus afrentas y tu muerte.


Muéveme, en fin, tu amor, y en tal manera
que aunque no hubiera cielo, yo te amara,
y aunque no hubiera infierno, te temiera.


No me tienes que dar porque te quiera,
pues aunque cuanto espero no esperara,
lo mismo que te quiero te quisiera. »

(IT)

« Premio, che a ben amarti il cor conforte,
Il promesso non è regno superno;
E non è solo il sì temuto inferno,
Che di offenderti, o Dio, timor mi apporte.


Tu mi movi, o mio Dio, mi move il forte
Duolo, onde affisso e lacero ti scerno
Su questa croce, movemi il tuo scherno,
Movonmi le tue piaghe e la tua morte.


Movemi al fine il tuo sì grande amore:
Sicché amor senza cielo in me pur fora,
Fora ancor senza inferno in me timore.


Speme di dono alcun non m'innamora;
Ché, ciò che spera non sperando, il core
Tanto ti adoreria, quanto ti adora. »

(Anonimo, A Cristo crocifisso. Traduzione italiana di Pompeo Figari[2])

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il più antico documento in cui fu rinvenuto questo sonetto fu una copia dell'Arte doctrinal y modo general para aprender la lengua matlazinga scritto nel 1638 dal monaco agostiniano della Nuova Spagna Miguel de Guevara. Si ritenne pertanto che l'autore fosse lo stesso Guevara[3][4]. Successivamente, però, una versione del sonetto fu trovato nel Libro intitulado Vida del espíritu redatto dall'agostiniano madrileno Antonio de Rojas nel 1628; il sonetto era tuttavia anonimo e fu perciò attribuito, in base al contenuto, a numerosi mistici fra i quali Giovanni d'Ávila[5], Francesco Saverio[6], Ignazio di Loyola, Luis de León o Teresa d'Ávila[1]. Il poeta ignoto ci rivela che l'amore di Dio che lo ispira è un amore non dettato dal timore della pena o dalla speranza di un premio, ma è fondato sul sentimento che sorge contemplando la passione di Cristo[7]. Questi concetti sono presenti anche nel capitolo 7 del Sexta Morada di Teresa d'Ávila[5]; ma anche in mistici medioevali cristiani e perfino islamici[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Marcel Bataillon, «El anónimo soneto "No me mueve mi Dios para quererte"», Príncipe de Viana 11:105-110, 1950; Nueva Revista de Filología Hispánica, 4:254-69, 1950
  2. ^ Giovanni Mario Crescimbeni, Istoria della volgar poesia, Venezia, Basegio, 1731, pp. 398-99 (Google libri)
  3. ^ «Parece confirmarse que el famoso soneto No me mueve, mi Dios, para quererte, uno de los más bellos de la poesía religiosa en lengua española, fue escrito por este fraile de la provincia de Michoacán». Agustín del Saz (a cura di), Antología general de la poesía mexicana (siglos XVI al XX), Barcelona: Editorial Bruguera, 1972, p. 764
  4. ^ Alberto María Carreño, Joyas literarias del siglo XVII encontradas en Mexico: Fr. Miguel de Guevara y el celebre soneto castellano "No me mueve mi Dios para quererte"; Apuntaciones por Alberto Maria Carreno, II ed, Mexico: Victoria, 1965
  5. ^ a b Angelo Di Salvo, «Soneto a Cristo Crucificado». In: Germán Bleiberg, Maureen Ihrie, Janet Pérez (eds.), Dictionary of the literature of the Iberian peninsula, Westport, Connecticut; London: Greenwood Press, 1993, vol. 2, pp. 1542-1543, ISBN 0-313-21302-X (Google libri)
  6. ^ Arnulfo Herrera, «Un avatar de San Francisco Xavier en su autoría del soneto "No me mueve, mi Dios, para quererte"». In: Ignacio Arellano; Alejandro González Acosta; Arnulfo Herrera (eds.), San Francisco Javier entre dos continentes, Madrid: Iberoamericana; Frankfurt am Main: Vervuert, 2007, pp. 123-132, ISBN 978-84-8489-290-8 (Google libri)
  7. ^ Antonio Radames Ferrarin, Op. cit. in Bibliografia
  8. ^ Gaetano Chiappini, «Il "puro amore" nel sonetto "No me mueve, mi Dios, para quererte"». In: Inos Biffi e Costante Marabelli (a cura di), Figure moderne della teologia nei secoli XV-XVII: Atti del Convegno internazionale promosso dall'Istituto di storia della teologia di Lugano, Lugano, 30 settembre-1º ottobre 2005; Lugano: IST-FTL; Milano: Jaca Book, 2007, pp. 187-191, ISBN 978-88-16-30439-0 Jaca book (Google libri)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Radames Ferrarin, «A Cristo in croce|A Cristo crucifijado». In: Dizionario Bompiani delle Opere e dei Personaggi, di tutti i tempi e di tutte le letterature, Milano: RCS Libri SpA, 2006, Vol. I, p. 37, ISSN 1825-78870

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura