A Conversation with Oscar Wilde

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
A Conversation with Oscar Wilde
A Conversation With Oscar Wilde - London - 240404.jpg
Il memoriale nel 2004
AutoreMaggi Hambling
Data1998
MaterialeBronzo, Granito
UbicazionePère Lachaise, Londra
Coordinate51°30′31.25″N 0°07′33.2″E / 51.50868°N 0.12589°E51.50868; 0.12589

A Conversation with Oscar Wilde è una scultura all'aperto di Maggi Hambling situata nel centro di Londra. Svelato nel 1998, è il primo monumento pubblico dedicato a Oscar Wilde al di fuori della sua nativa Irlanda. Prende la forma di un sarcofago di granito verde simile ad un banco, con un busto di Wilde che emerge dalla parte superiore con una mano che stringe una sigaretta.[1]

Creazione e presentazione[modifica | modifica wikitesto]

Il memoriale è stato inizialmente proposto durante gli anni '80 e l'inizio degli anni '90 dai cultori di Wilde, tra cui Derek Jarman. Dopo la morte di Jarman nel 1994, un comitato chiamato "Una statua per Oscar Wilde" è stato creato per portare un tributo al pubblico. Il comitato, guidato da Jeremy Isaacs, comprendeva gli attori Judi Dench e Sir Ian McKellen, e il poeta Seamus Heaney.[2]

Da schizzi presentati da dodici artisti, sei sono stati scelti per creare dei modelli in scala (maquette). Il lavoro "spiritoso e divertente" di Maggi Hambling è fu quello scelto per il memoriale. L'opera ha un'iscrizione di una citazione dal suo spettacolo Il ventaglio di Lady Windermere: "Siamo tutti nella fogna ma alcuni di noi stanno guardando le stelle". Centinaia di singoli donatori e fondazioni hanno contribuito al finanziamento del progetto.[2]

La statua si trova nel centro di Londra tra Trafalgar Square e la stazione di Charing Cross, dietro la chiesa di San Martino nella campagna. La presentazione è avvenuta il 30 novembre 1998. Era stata preceduta nel 1997 da una mostra nella vicina National Portrait Gallery, che riuniva disegni, modelli e maquettes.[3] La scultura londinese è stata di poco anticipata dal memoriale di Dublino Oscar Wilde Memorial Sculpture, progettato e realizzato da Danny Osborne e svelato nel luogo di nascita di Wilde, Merrion Square, nel 1997.[4]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Iscrizione sul memoriale

A Conversation with Oscar Wilde, in cui Wilde è raffigurato ridere e fumare, ha causato un notevole attrito[5] (il lavoro appare in Smoke: a global history of smoking).[6]

Tom Lubbock, critico d'arte principale dell'Independent[7], pur riconoscendo la necessità di un memoriale a Londra per Wilde e lodando il progetto per il suo "vero e proprio spirito pubblico vittoriano", condannò a fondo il pezzo stesso, nella progettazione e nell'esecuzione, confrontandolo con una statua di Madame Tussauds.

Non abbiamo nulla del nervo, della follia, della rovina, della gloria. Non abbiamo nulla per la storia - solo la bizzarra idea di noi che chiacchieriamo allegramente con questa invenzione anodina.

Ha paragonato il "groviglio maccheronico dei capelli ondeggianti" a una sorta di tomba chiamata transi, parte della scultura tombale medievale raffigurante carne putrefatta e i vermi risultanti, concludendo che, in definitiva, la scultura non riguardava Wilde o il pubblico, ma una riflessione di Hambling stessa.[8] Isacc ha usato il suo diritto di risposta per sottolineare che la scultura "evoca già una reazione più favorevole da parte del pubblico di qualsiasi altra statua che conosco a Londra, con la possibile eccezione di Peter Pan"[9] (una statua molto riprodotta, l'originale di cui si distingue nei giardini di Kensington). Charles Spencer, capo critico teatrale del Telegraph, mentre professava la sua simpatia per l'artista come persona, scrisse quanto odiasse le sue sculture. Rispetto all'opera ha scritto:

Orribile è una parola troppo gentile per descriverlo. [...] L'idea è abbastanza spiritosa [...] ma la rappresentazione di Wilde è disgustosa. Pare ancora peggiore della foto di Dorian Gray nell'attico, sfoggiando Medusa - come serpenti di capelli e un sorriso vile e degenerato.[10]

La scultura è stata una delle cinque opere o eventi presenti in The Resurrection di Oscar Wilde: A Cultural Afterlife.

Sia Lubbock che Spencer chiedevano ai loro lettori di non vandalizzare la scultura. Tuttavia, la sigaretta è stata più volte rimossa da membri del pubblico (segata o sostituita). Secondo Philip Ardagh[11]: "l'atto più frequente di vandalismo/venerazione fatto a una statua pubblica a Londra".[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Oscar Wilde Memorial Sculpture". Dublin City Council. Retrieved 19 May 2017.
  2. ^ a b London's Wilde tribute, BBC, 30 novembre 1998. URL consultato il 18 settembre 2014.
  3. ^ Andrew Lambirth, Wilde at heart, in The Independent, 23 maggio 1997. URL consultato il 17 maggio 2018.
  4. ^ (EN) OSCAR WILDE MEMORIAL SCULPTURE | Dublin City Council, su www.dublincity.ie. URL consultato il 18 maggio 2018.
  5. ^ Maggi Hambling, Making the Waves Crash: A Conversation with Maggi Hambling, in Art Book, vol. 17, nº 2, May 2010.
  6. ^ edited by Sander L. Gilman e Zhou Xun, Smoke : a global history of smoking, London, Reaktion, 2004, p. 275, ISBN 978-1-86189-200-3.
  7. ^ (EN) Kevin Jackson, Tom Lubbock obituary, in the Guardian, 10 gennaio 2011. URL consultato il 17 maggio 2018.
  8. ^ Tom Lubbock, It's got to go, in The Independent, 1º dicembre 1998. URL consultato il 17 maggio 2018.
  9. ^ Right of Reply: Jeremy Isaacs, in The Independent, 3 dicembre 1998.
  10. ^ Charles Spencer, Maggi Hambling's sculptures I'd love to smash, 22 settembre 2009. URL consultato il 17 maggio 2018.
  11. ^ Philip Ardagh, Philip Ardagh's book of absolutely useless lists, absurd facts, lies, half-truths, thoughts, suggestions and musings for every day of the year, London, Macmillan Children's, 2007, p. 468, ISBN 978-0-230-70050-5.
  12. ^ Terence Jenkins, The Most Dangerous Woman in Europe: (And Other Londoners), 2016, p. 17, ISBN 978-1-78589-318-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Scultura Portale Scultura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scultura