ASM-2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
ASM-2
JASDF ASM-2 Dummy.JPG
Descrizione
Tipomissile aria-superficie
Impiegomissile antinave
Sistema di guidaguida radar attiva
CostruttoreMitsubishi Heavy Industries
In servizio1993
Utilizzatore principaleGiappone Giappone
Peso e dimensioni
Peso510 kg
Lunghezza4,1 m
Diametrofusto: 0,35 m
Prestazioni
Gittata170 km
Velocità1.150 km/h
Motoreturbogetto Mitsubishi TMJ2
Testata225 kg di esplosivo ad alto potenziale semi-perforante
dati tratti da Weapons Systems[1]
voci di missili presenti su Wikipedia

L'ASM-2 è un missile antinave, prodotto da Mitsubishi Heavy Industries entrato in servizio nel 1993 nella Forza di autodifesa aerea giapponese con i cacciabombardieri Mitsubishi F-1, e in seguito adottato dai McDonnell Douglas F-4EJ Kai e Mitsubishi F-2.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Un missile ASM-2 esposto presso la base aerea di Gifu il 30 ottobre 2016.

Con l'inizio della produzione della versione C del missile antinave ASM-1, il Ministero della difesa giapponese prese in considerazione di realizzare una versione completamente riprogettata dell'ASM-1 originale, che diferiva talmente dal precedente, tanto che ottenne la designazione di Type 93 Air-to-Ship-Missile[2] (in lingua giapponese Kyusan shiki ku tai kan yudodan). La nuova arma fu designata operativamente ASM-2, distinguendosi dal precedente tipo per l'adozione di una propulsione basata su un turbogetto e un sistema di guida all'infrarosso. Il missile entrò in servizio operativo nella Forza di autodifesa aerea nel corso del 1993, assegnata ai cacciabombardieri Mitsubishi F-1[2] e in seguito adottato dai McDonnell Douglas F-4EJ Kai e Mitsubishi F-2.

Descrizione tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Particolare degli impennaggi di coda di un missile ASM-2.

Il missile aria-superficie antinave aviolanciabile Mitsubishi ASM-2 ha una lunghezza di 4,1 m, un diametro di 35 cm, una apertura alare di 0,9 m, ed un peso al lancio di 510 kg. La testata bellica semiperforante è costituita da una carica di 225 kg di esplosivo ad alto potenziale (HE), ed ha la capacità di penetrare all'interno del bersaglio prima di esplodere.
Il propulsore è costituito da un turbogetto Mitsubishi TMJ2 che permette all'arma di raggiungere una velocità massima di 1.150 km/h, e una gittata di 170 km. Il sistema di guida prevede la navigazione inerziale nella parte intermedia del volo, e un sensore all'infrarosso Fujitsu installato nell'ogiva del missile per la parte terminale. L'arma è caratterizzata da un profilo di volo sea-skimming che prevede un'altitudine di volo di 5 m.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Un missile ASM-2 fotografato accanto ad un cacciabombardiere Mitsubishi F-2.

Nel corso degli anni il suo impiego fu esteso anche ai cacciabombardieri McDonnell Douglas F-4EJ Kai e Mitsubishi F-2. In particolare gli F-2, in configurazione da interdizione marittima, ne portano 4 sotto le ali insieme a due missili aria-aria da autodifesa e due serbatoi supplementari da 600 galloni. Esiste anche una versione ASM-2B dotata di sistema di guida satellitare GPS.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • ASM-2B: versione dotata di sistema di guida satellitare tramite GPS

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Giappone
Kōkū Jieitai

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni[modifica | modifica wikitesto]


Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) ASM-1, su weaponsystems.net. URL consultato l'11 novembre 2018.
  2. ^ a b Martorella 2019, p. 41.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Christopher Chant, A Compendium of Armaments and Military Hardware, Abingdon, Routledge, 2014, ISBN 1-13464-668-2.
  • (EN) Reinhard Drifte, Arms Production In Japan: The Military Applications Of Civilian Technology, New York, Routledge, 2019.
  • (EN) Joint Economic Committee Congress of the United States, Japan's Economic Challenge: Study Papers, Washington DC, US Governmant Printing Office, 1990.
Periodici
  • Cristiano Martorella, L'aereo antisom Kawasaki P-1, in Panorama Difesa, nº 377, Firenze, Ed.A.I. S.r.l., agosto-settembre 2018, pp. 58-67.
  • Cristiano Martorella, La crescita dei missili antinave giapponesi, in Panorama Difesa, nº 389, Firenze, Ed.A.I. S.r.l., ottobre 2019, pp. 40-49.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]