AK47 (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
AK47
Paese d'origineItalia Italia
(Roma)
GenereHip hop
Periodo di attività musicale1993 – 1996
2013 – in attività
Album pubblicati1
Studio1

Gli AK47, detti anche Ak47 o Ak-47, sono un gruppo rap italiano originario di Roma appartenente al movimento delle posse. Il gruppo è stato attivo tra il 1993 ed il 1996 per poi ricostituirsi nel 2013 con una diversa formazione. Il nome del gruppo ricorda quello dell'omonimo fucile d'assalto sovietico conosciuto come kalashnikov. Hanno nella loro carriera pubblicato un EP ed un album considerato tra i più importanti del rap italiano.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo nacque nel 1993 dall'iniziativa di Castro X già membro dell'Onda Rossa Posse e voce degli Assalti Frontali tra il 1991 ed il 1993, con l'idea di proporre un rap politicamente schierato a sinistra riprendendo gli ideali che avevano mosso le posse.[2]

Il gruppo pubblicò le sue prime due canzoni, Niente da festeggiare e 1.9.9.1 sulla raccolta Balla e difendi, pubblicata nel 1991 dall'etichetta romana Gridalo Forte che raggruppava alcuni brani di quattro band del circuito indipendente romano: oltre agli AK47, Banda Bassotti, Filo da Torcere e Red House.

Il gruppo si fece conoscere a livello nazionale con l'EP 0516490872, autoprodotto, uscito nel 1993 contenente l'omonima traccia ispirata dal libro Gli invisibili di Nanni Balestrini che ricordava la detenzione di Silvia Baraldini negli Stati Uniti[2], (il titolo dell'EP corrisponde al numero di matricola con cui veniva detenuta).[3]

Nello stesso anno inizia a collaborare con il Comitato di Solidarietà con i Popoli dell'America Latina "Carlos Fonseca" di Roma, nell'ambito del progetto "Amplifichiamo Cuba", svolgendo una serie di concerti il cui ricavato è stato donato alla Federazione delle Donne Cubane il 31 luglio, nel corso di un concerto a L'Avana tenuto dagli AK47 assieme a Tanya y su Grupo. Gli AK47 sono stati tra i primi gruppi hip hop a giungere sul suolo di Cuba, portando un genere visto con una certa diffidenza perché originario degli Stati Uniti antagonisti per eccellenza del paese caraibico.

Dopo questo progetto, hanno continuato la loro attività underground formando nel 1994 la casa discografica indipendente La Cordata assieme a Assalti Frontali, One Love Hi Pawa e 00199. Nello stesso anno King, membro del gruppo, collabora con Lou X al disco Dal basso, pubblicato da La Cordata. Il gruppo torna a farsi sentire nel 1996 inserendo le "corde" di Michele Mancaniello (basso) e Michele Ferrara (chitarra) quando manda alle stampe Fuori dal centro, registrato presso lo Studio 9 da Marco "Scocchi" Scocchera e Keir Fraser, uscito per le edizioni il manifesto con l'introduzione di Pino Cacucci[4] ed in cui collabora Vittorio Nocenzi del Banco del Mutuo Soccorso.[2] Di questo album, due tracce vengono riprese per essere inserite nel biennio successivo in due compilation di hip hop italiano: Spigoli di luce viene utilizzata dall'etichetta Trikont nella compilation Parole Italiane; Ritmo cardiaco entra nella raccolta sull'hip hop romano dal titolo Epicentro Romano Vol.1.

Dopo quest'ultimo lavoro, la band ha fatto perdere le proprie tracce.

Ritorno sulle scene[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013, a distanza di 17 anni da Fuori dal Centro, in una formazione ridotta, pubblicano Sole di Notte, coprodotto con lo studio Wax, brano sul tema delle violenze e delle torture di Stato.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Renato N (Voce)
  • Michele F (chitarra e voce)
  • Michele M (basso e percussioni)
  • Riccardo R (anima e cori)
  • Fabio G (elettronica, anima e cori)
  • Alessio P (elettronica, effetti)
  • Serhat A (sax e violino)
  • Marco D (percussioni), Marta M (sax soprano)

Formazione di Fuori dal centro[modifica | modifica wikitesto]

  • Castro X
  • Cle
  • DJ Zaui
  • Foco
  • Kid
  • King
  • Maicol
  • Mart'Ufo
  • Zap

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni a compilation[modifica | modifica wikitesto]

  • 1991: AA.VV. - Balla e difendi: 1.9.9.1. (traccia 6) e Niente da festeggiare (traccia 7)
  • 1994: Lou X e Disastro feat. King - Dal basso: Italia (traccia 8)
  • 1997: AA.VV. - Parole Italiane: traccia 10
  • 1998: AA.VV. - Epicentro Romano Vol.1: traccia 5

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enrico Deregibus, Dizionario completo della Canzone Italiana, Giunti Editore, 2006, p. 16.
  2. ^ a b c Gianluca Testani, Enciclopedia del rock italiano, Arcana Editrice, 2006, pp. 30-31.
  3. ^ Canzoni contro la guerra - Radio Manisco/0516490872
  4. ^ Alberto Campo, Nuovo? rock?! italiano!: una storia, 1980-1996, Giunti, p. 68.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]